December 27, 2009

Le Ville Matte

“Le Ville Matte” constitute a network of artist residencies promoted by the Province of Cagliari – Cultural and Sport Policies Office.
Focusing the attention on the continuous evolution of artistic languages and on the need for artists to experiment and relate, the Province of Cagliari promotes study and research residencies in territories that share valuable environmental and landscape features, and fosters new productions in the field of music, writing and visual arts, as well as promoting an intense exchange between artists and the territory.
The training and production activity is located in three towns of the Province of Cagliari: Villasor (visual arts), Teulada (music) and Orroli (writing).
The residencies aim to bring together groups of maximum ten artists from Italy and abroad, offering them, for one month, space to develop their activity and material for their work and research.
During the residency, the artists are coordinated by a visiting professor (an established artist) who guides the group in the study of the territory, focusing on specific themes to work on and supporting their research.
During the program the visiting professor can decide to invite guest experts to hold short workshops for a more complete training experience for the participants.
The group can also rely on another figure, that of the guest curator, who offers further support to the training of the artists in residence, and who is invited to provide an in depth exploration of the cultural realities of the territory (studio visits, meetings with collectors, etc.).
The works produced during the residency must have a strong connection to the territory and yet go beyond a local dimension.
Each residency ends with a final event in which the works produced during the sojourn are presented. During the residencies, moments of exchange between the participants and the local inhabitants are encouraged, as well as those with local artists and professionals of the specific art field; during these meetings, structured as regular appointments through the residency, the participants have the chance to present their work.
The projects pursues a synergy with the Sardinian cultural institutions through the organization of short trips and meetings with the cultural operators of the region. In addition, the project encourages visits of critics and international operators in the specific art field in order to increase the visibility of the works by the artists in residence.
“Le Ville Matte” project stands out for offering the participants an experience of life in small towns where it is possible to enter in close contact with the local community; the initiative also relies on insularity meant as a particularly favorable dimension for study as well as for reflection on the “beyondness”, a useful tool for an artist’s research.
Among the ten artists of each residency, one position is always reserved for one Sardinian artist that has distinguished himself for his capacities along his artistic career, and aspires to reach a professional level.

December 23, 2009

Everywhere and All at Once

Assembled by Performa director and pioneering scholar of performance art, RoseLee Goldberg, this volume documents new performances by some of the world's most exciting visual artists, focusing on the relationship between contemporary dance and visual art, the ongoing legacy of "Happenings" inventor Allan Kaprow and the recent explosion of performance in China. Photographs, artists' scripts, sketches, journals and storyboards are complemented by writings from prominent curators and critics, as well as interviews with Paul McCarthy, Dan Graham, Isaac Julien, Yvonne Rainer, Tony Conrad, Jérôme Bel, and many others.
Featuring the work of:

Vito Acconci / David Adamo / Carlos Amorales / Ei Arakawa /Are You Meaning Company / Asia Today / assume vivid astro focus / Fia Backström / Robert Barry / Ronnie Bass / Francis Baudevin / Jérôme Bel / Tamy Ben-Tor / Sanford Biggers / John Bock / Ulla von Brandenburg / Pablo Bronstein / Melissa Brown / Trisha Brown / Tania Bruguera / John Cage / Kabir Carter / Dimitri Chamblas / Knox Chandler / Boris Charmatz / Tom Cole / Anthony Coleman / Sean Conly / Tony Conrad / Marie Cool and Fabio Balducci / Philippe Découflé / Zoila Imaculada de la Concepción / Nathalie Djurberg / Pete Drungle / Brock Enright / Nicolás Dumit Estévez / Emilio Fantin / James Fei / Anton Fier / Rainer Ganahl / Ryan Gander / Zhao Gang / Grand Union / Nicolás Guagnini / Deborah Hay / Karl Holmqvist / Rebecca Horn / International Festival / Han Isaksson / Christian Jankowski / Japanther / Joan Jonas / Isaac Julien / Allan Kaprow / John Kelsey / Jon Kessler / Heidi Kilpelainen (HK 119) / King Mob / Alison Knowles / Elke Krystufek / Shaun El C. Leonardo / Tor Lindstrand / Long March Project / Robert Longo / Lovett/Codagnone / Russell Maliphant / Daria Martin / Dave McKenzie /David Medalla / Meredith Monk / Robert Morris / My Barbarian / Bruce Nauman / Luigi Negro / Kelly Nipper / Giancarlo Norese / Michael Northam / Darren O’Donnell / Serkan Özkaya / Adam Pendleton / Mai-Thu Perret / Cesare Pietroiusti / Michael Portnoy / Yvonne Rainer / Robert Rauschenberg / Zach Rockhill / Xavier Le Roy / Aïda Ruilova / Jelena Rundquist / Markus Schinwald / Carolee Schneemann / Second Front / Amy Sillman / Dexter Sinister / Agathe Snow / Snöfrid / Mårten Spångberg / Oleg Soulimenko / Barbara Sukowa / Elaine Summers / Emily Sundblad / Min Tanaka / Stan VanDerBeek / Francesco Vezzoli / Marianne Vitale / Tris Vonna-Michell / Jennifer Walshe / Christopher Williams / Michael Williams / The X-Patsys / He Yunchang / Xu Zhen / Qiu Zhijie / Eva and Franco Mattes aka 0100101110101101.ORG

About Performa
Performa is a non-profit multidisciplinary arts organization established by RoseLee Goldberg in 2004, dedicated to exploring the critical role of live performance in the history of twentieth century art and to encouraging new directions in performance for the twenty-first century. Performa launched New York’s first performance biennial, Performa 05, in 2005, followed by Performa 07 in 2007.

100 W 23rd Street, 5th Floor
New York, NY 10011
Tel: 212-366-5700
www.performa-arts.org

December 19, 2009

Very Late

VERY LATE AT NIGHT
asta di autofinanziamento per neon>campobase

5.00 pm. L'asta sarà preceduta da un incontro con Roberto Daolio e Elio Grazioli

Roberto Daolio, critico d'arte contemporanea e curatore, insegna Antropologia Culturale all'Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha ideato e curato le sei edizioni di ad'a, manifestazione che si svolge a Imola dal 2003. Dal 1988 ha presentato a neon numerosi artisti, fra cui Antonella Mazzoni, Tommaso Tozzi, Roberto Remi, Alessandro Pessoli, Eva Marisaldi, Maurizio Cattelan, Francesco Bernardi, Emilio Fantin, Cuoghi Corsello, Alessandra Tesi, Leonardo Pivi, Italo Zuffi, Sergia Avveduti...

Elio Grazioli, critico d'arte contemporanea, insegna Storia dell'arte contemporanea e Teoria e storia della fotografia all'Università di Bergamo. È direttore artistico di "Fotografia Europea", Reggio Emilia. Ha pubblicato i libri "Corpo e figura umana nella fotografia" (1998), "Arte e pubblicità" (2001), "La polvere nell'arte" (2004), "Piero Manzoni" (2007).
È codirettore della collana monografica semestrale "Riga" (Marcos y Marcos ed., Milano) - di cui ha curato diversi volumi, l'ultimo dei quali dedicato a Kurt Schwitters (2009).

start: 6.00 pm / artists:
Mario Airò, Elisabetta Alazraki, Kristine Alksne, Aurelio Andrighetto, Alessandra Andrini, Sergia Avveduti, Riccardo Baruzzi, Fabrizio Basso, Emanuele Becheri, Vanessa Beecroft, Marco Belfiore, Dario Bellini, Marco Bernacchia, Francesco Bernardi, Dafne Boggeri, Maurizio Bolognini, Anna Valeria Borsari, Enrico Bressan, BridA (Tom Kersevan, Sendi Mango, Jurij Pavlica), Cristian Bugatti, Maurizio Cattelan, Simone Cesarini, Silvia Cini, Gianluca Codeghini, Daniela Comani, Gianluca Cosci, CuoghiCorsello, Sabine Delafon, Nico Dockx, Camilla Candida Donzella, Emilio Fantin, Marco Fantini, Barbara Fässler, Eloise Ghioni, Bernardo Giorgi, goldiechiari, Yuki Ichihashi, Irina Kholodnaya, Lucia Leuci, Claudia Losi, M+M (Marc Weis, Martin De Mattia), Marcello Maloberti, Eva Marisaldi, Maurizio Mercuri, Chiyoko Miura, Sabrina Muzi, Stéphanie Nava, Giancarlo Norese, Giovanno Ozzola, Paolo Parisi, Stefano Pasquini, Alberta Pellacani, Roberta Piccioni, Anja Puntari, Marco Raparelli, Andrea Renzini, Mili Romano, Sara Rossi, Marco Samorè, Fabio Sandri, Luca Scarabelli, Andrew Smaldone, Giandomenico Sozzi, Alessandra Spranzi, Carlo Steiner, Alessandra Tesi, Diego Tonus, Massimo Uberti, Sophie Usunier, Maurizio Vetrugno, Luca Vitone, Enrico Vezzi, Alberto Zanazzo

l'asta inizia sabato 19 dicembre alle 18.00 c/o neon e resterà aperta fino al 31 gennaio 2010.
le opere eventualmente ancora disponibili dopo il 19 dicembre potranno essere acquistate anche in seguito contattandoci allo 051 5877068 o all'indirizzo info@neoncampobase.
per agevolare coloro che non hanno la possibilità di visionare le opere sul posto invieremo alla nostra mailing-list un documento .pdf con le immagini e le informazioni delle opere disponibili.

neon>campobase
info.at.neoncampobase.dot.com
www.neoncampobase.com
+39 051 5877068
skype neoncampobase

December 15, 2009

L'ospite (e l'intruso)

L'ospite (e l'intruso): Umberto Cavenago
Un’idea di Alessandro Castiglioni ed Ermanno Cristini. Dal 12 dicembre 2009 al 12 gennaio 2010 nello studio di Ermanno Cristini, via S. Pedrino 4, Varese (suonare Dessert). Tutti i giorni su appuntamento: cristini.reset-at-libero-dot-it.

L’ospite. Ermanno Cristini apre il suo studio invitando un artista a presentare un intervento o un progetto negli spazi privati del proprio laboratorio. L’invito si estende poi anche a un altro artista, celato e invisibile. L’intruso.
Un artista che invita un artista e che nasconde un altro artista. Un gioco di specchi fatto anche di incontri, fughe, dialoghi e silenzi. Lo stesso ruolo del critico è volto più ad approfondire la personalità e l’opera dei diversi attori sulla scena, che non indirizzare una linea di ricerca, legata più semplicemente ad affinità e amicizie.
Ognuno soffre la sua ombra, ci ricorda Virgilio, ognuno sente stretta la propria identità e tenta delle fughe, delle variazioni sul tema. O come nel famoso libro di Luca Canali, dove diversi colloqui tra misteriosi psicanalisti ante litteram e grandi poeti della letteratura latina, ci introducono a una riflessione su quanto il passato ci possa stare stretto e l’unica soluzione sia percorrere la nostra storia a ritroso per tentare di scardinare l’ingranaggio dell’inconscio.

Il nuovo progetto di Ermanno mi appare dunque così, come il canovaccio di una commedia di Pirandello, un gioco delle parti, una riflessione sull’io e sull’altro, lo scambio continuo di ruoli e identità sempre velato da un sorriso acuto e ironico.
Aprire questo spaccato di legami e quotidianità al pubblico permette di trasformare queste dinamiche, queste relazioni, nell’occasione per una riflessione privata ed eccentrica. L’intervento dell’artista sarà infatti accompagnato da diversi documenti di approfondimento: libri, dischi, film, fotografie e cartoline scelti volta per volta dai diversi artisti, cercando di pensare così uno spazio di contatto tra artisti e con gli artisti non istituzionale, rilassato e confidenziale.
Alessandro Castiglioni
L'intruso era Giancarlo Norese

December 7, 2009

Vegetali ignoti

a cura di Luca Scarabelli e Riccardo Paracchini

postmedia artist+production, 2009
176 pp. - 77 illustrazioni bn
isbn 8874900457

La vera storia dei Vegetali Ignoti raccontata da chi l'ha vissuta in prima linea, Luca Scarabelli e Riccardo Paracchini.
Vegetali Ignoti è stato un progetto artistico (1994-2009) che ha abbracciato metaforicamente, in un curioso contenitore di sperimentazioni sospese tra arte e non arte, i suoi fondatori e tutte le persone che di volta in volta hanno partecipato ai numerosi progetti.
Non si tratta tuttavia solo di un'autobiografia, pur raccogliendo documenti e testimonianze sull'attività vegetale, il libro racconta attraverso gli occhi disincantati di protagonisti, amici e collaboratori, anche una visione alternativa-ironica-malinconica dell'arte contemporanea alla fine del Novecento e all'inizio di chissà cosa.
Con i contributi di: Lea Vergine, Elio Grazioli, Elena Di Raddo, Chiara Zocchi, Francesco Tedeschi, Roberto Vidali, Maurizio Medaglia, Francesca Marianna Consonni, Roberto Limonta, Alessandro Castiglioni.

November 24, 2009

very late at night

sabato 28 novembre
neon>campobase, Bologna
inaugurazione ore 20

questo è un comunicato stampa diverso dai soliti, assomiglia a una lettera aperta. e raggiunge insieme artisti e curatori e collezionisti e giornalisti e critici e amici rinunciando alla gerarchia delle precedenze. racconta di un progetto – very late at night – che corrisponde all’idea di una mostra stratigrafica, una mostra-scavo in cui verranno organizzate ed esposte al pubblico opere-reperti estratti dal magazzino neon. un magazzino che non custodisce tesori ma testimonianze di una storia lunga complessa ricca e avventurosa fatta di incontri e di collaborazioni. a Roberto Daolio abbiamo chiesto di condividere la responsabilità della curatela del progetto espositivo. saranno esposti lavori di Sergia Avveduti, Maurizio Cattelan, Gianluca Codeghini, Cuoghi Corsello, Nico Dockx, Emilio Fantin, M+M, Eva Marisaldi, Maurizio Mercuri, Giancarlo Norese, Paolo Parisi, Alessandro Pessoli, Marco Samorè, Alessandra Tesi, Luca Trevisani, Diego Tonus, Maurizio Vetrugno, Luca Vitone... non necessariamente tutti nello stesso momento ma certo nel corso delle tre settimane in cui il progetto resterà aperto e disponibile al pubblico.

nel corso di queste tre settimane, dal 28 novembre al 19 dicembre, very late at night riceverà numerosi ospiti invitati a intervenire e a portare un contributo partendo da una sollecitazione legata a una riflessione sulla specificità di neon e sulla situazione attuale della ricerca, per contestualizzare la vicenda di neon rispetto alle dinamiche delle vicende artistiche nel corso di questi anni. hanno confermato la loro presenza: Renato Barilli, Roberto Calari, Roberto Daolio, Silvia Evangelisti, Mauro Felicori, Andrea Lissoni, Marcorea Malià, Pierfrancesco Pacoda, Roberto Pinto; altri ospiti devono ancora dare conferma della loro presenza, vi comunicheremo puntualmente il calendario degli incontri.

naturalmente in questo periodo proseguirà la consueta programmazione di Playlist e di neon>focus con Bugo, Antonio Arevalo, Francesca Referza, Caterina Riva, Francesca Boenzi, Cesare Pietroiusti, Marinella Senatore, Anna Valeria Borsari, Saretto Cincinelli.

e ancora la presentazione della ricerca We Love Magazines di Saul Marcadent: un pomeriggio-studio, articolato in due tavole rotonde, per parlare di editoria indipendente in Italia e per provare a tracciare una mappatura del contesto attuale, con la partecipazione di Vittore Baroni, Carlo Branzaglia, Martina Ganino, Federica Boràgina e Giulia Brivio, Antonino Bove, Camilla Candida Donzella, Cristiano Guerri, Invernomuto.

very late at night si concluderà sabato 19 dicembre con un’asta in cui saranno poste in vendita insieme con le opere in mostra anche opere di altri artisti che hanno collaborato con neon: il ricavato andrà a sostenere il lavoro di neon>campobase; non siamo ancora in grado di comunicare il nome del nostro battitore, possiamo soltanto anticipare che ne abbiamo cercato uno speciale.

alla domanda perchè organizzare un’asta? rispondiamo raccontando che neon>campobase è uno spazio non profit che produce un’attività intensa e continuativa: incontri con artisti, talk, mostre, serate dedicate alla videoarte, presentazioni di ricerche sonore, etc. e che tutto questo ha un costo e che - dopo essere stati costretti a rinunciare allo spazio milanese (non ricevete più comunicazioni da neon>fdv: ha silenziosamente chiuso i battenti nel mese di giugno, per mancanza di risorse) - ora dobbiamo affrontare una situazione economica sempre più difficile anche a Bologna.

very late at night vuole essere un segnale forte, neon>campobase per una volta sceglie di gridare: obiettivo dichiarato raccogliere fondi necessari per poter continuare a fare il nostro lavoro. una lettera aperta è più adatta di un comunicato stampa per lanciare un appello: agli amministratori pubblici ai collezionisti agli amici alle imprese chiediamo di contribuire a sostenere neon>campobase e con la partecipazione all’asta e sottoscrivendo la tessera di adesione all’associazione. è urgente e importante. contiamo sul vostro supporto attivo.

p.s. infine un distillato di storia: neon(>campobase) nasce nel 1981 come artist space e si evolve come spazio di ricerca e di sperimentazione per l’arte. garantisce agli artisti ampi margini di autonomia consentendo loro di sviluppare progetti liberi da vincoli commerciali: in questo modo nel corso degli ultimi venti anni ha contribuito allo sviluppo e alla crescita della generazione di artisti italiani oggi presente nel panorama internazionale. neon>campobase costituisce un caso unico nel panorama italiano muovendosi sulla linea di confine che separa l’ambito del non profit dall’area delle gallerie di mercato, mirando a colmare il gap che penalizza gli artisti interessati a percorsi di ricerca e di sperimentazione rispetto agli artisti inseriti in dinamiche di mercato; e cercando di stimolare un collezionismo consapevole e di creare connessioni con gallerie, curatori e istituzioni museali. vedi www.neoncampobase.com

Gino Gianuizzi

neon>campobase: info(at)neoncampobase(dot)com
www.neoncampobase.com +39 051 5877068
skype: neoncampobase

October 31, 2009

Epitaffi

Eugenio Alberti Schatz, Marco Vaglieri (a cura di)
Meglio qui che in riunione
Rizzoli. Collana: Di tutto di più / Varia
Pagine 312, anno 2009, ISBN 9788817036948
Brossura, illustrato a colori

Dimenticate gli epitaffi che si stagliano sulle tombe marmoree dei grandi condottieri, letterati, sovrani: scritti dai posteri per dovere o con soggezione, sono sovente bugiardi, e sempre pomposi, roboanti. Inutili. Questo libro, ispirato da un gioco fra amici, raccoglie gli "autoepitaffi" che oltre duecento italiani illustri e non – ma perlopiù illustri – hanno scritto di proprio pugno. Bando quindi alle blandizie, alle reticenze, ai sensi di colpa. Scegliere la frase per la propria lapide è l'occasione per concentrare in una pillola una vita intera o per dare un saggio dello spirito che ci anima. E allora c'è chi lancia un messaggio in una bottiglia – «bello non saper d'esser morto!» (Giuliano Spazzali) –, chi, invece, filosofeggia, chi rievoca il tanto o il poco che ha fatto, chi compone una poesia minima, chi prende in giro – «Ceci n'est pas un Èpitaphe» (Rocco Tanica) – e chi esorcizza con una battuta folgorante e paradossale – «Si farà viva lei» (Elena Loewenthal).
Nient'affatto cimiteriale, sfogliare questo volume è come raccogliere la confidenza più intima da ciascuno degli autori, entrare prepotentemente nella loro vita, vedere un film sull'Italia di oggi. E, insieme, è come scherzare con la Belva… non sia mai si riuscisse a eluderla.

In questo libro trovate gli autoepitaffi di Alfredo Accatino, Vittorio Agnoletto, Silvano Agosti (i), Silvano Agosti (ii), Mario Agostinelli, Roberto Alajmo, Roberto Alonge, Getulio Alviani, Giulio Andreotti, Maria Attanasio, José Bagnarelli, Isabella Balena, Marco Baliani, Antonio Barrese, Rocco Bellanova, Mario Bellini, Chiara Belliti, Daniele Bergamini, Alessandro Bergonzoni, Carlo Bertelli, Pietro Bertola, Sergio Bettini, Augusto Bianchi Rizzi, Gian Luca Bianco, Sergio Bini, in arte Bustric, Giorgio Bonacini, Edoardo Boncinelli, Achille Bonito Oliva, Francesco, Saverio Borrelli, Anna Valeria Borsari, Andrea Branzi, Silvia Brena, Paolo Calzini, Michele Campanella, Candido Cannavò, Mario Capanna, Luigi Caricato, Eugenio Carmi, Valentina Carmi, Antonio A. Casilli, Luca Catanzaro, Annalisa Cattani, Beppe Caturegli, Martino Cavalli, Massimo Caviglia, Franco Cerri, Roberto Clemente, Gianluigi Colin, Matteo Collura, Simona Coppa, Giuseppe Cordini, Valeria Cornelio, Francesco Cossiga, Beppe Cova, Margherita Crepax, Piero Crida, Sergio Cusani, Emanuela De Cecco, Franco De Gemini, Lucio Del Pezzo, Marco De Luca, Lorenzo De Marinis, Mariella De Santis, Urania De Vittori, Marco Eugenio Di Giandomenico, Roberto D'Incau, Alberto Di Mauro, Viviano Domenici, Gianni Donatelli, Umberto Eco, Flavio Ermini, Roberto Escobar, Alessandra Faiella, Gabriela Fantato, Emilio Fantin, Vincenzo Ferrari, Ernesto Ferrero, Sergio Ferrero, Alberto Ferruzzi, Beno Fignon, Eugenio Finardi, Massimo Fini, Maria Teresa Fiorio, Dario Fo, Gualtiero Fornetti, Luciano Francesconi, Igor Francia, Paolo Fresu, Roberto Furcht, Marco Furia, Giorgio Ganzerli, Giorgio Gaslini, Roberto Gervaso, Fabio Giardiniere, Marco Giusti, Augusto Golin, Meri Gorni, Giuseppe Gozzini, Pietro Grassano, Aldo Grasso, Flaminio Gualdoni, Stefano Guidarini, Margherita Hack, Marianne Heier, Franz Iacono, Enrico Intra, Andrea Kerbaker, Paola Lambardi, Ugo La Pietra, Serena Lauzi, Salvatore Licitra, Gaetano Liguori, Elena Loewenthal, Franco Loi, Elisabetta Longari, Mauro Luccarini, Renato Mannheimer, Pietro Maestri, Claudio Magris, Danilo Mainardi, Diego Marani, Sarah Marder, Chiara Mastella, Ferdinando Mazzitelli, Mariagrazia Mazzitelli, Carlo Mazzoni, Martino Menghi, Ettore Mo, Mario Monicelli, Gian Paolo Montali, Alberto Mori, Simone Moro, Cesare Narici, Giampiero Neri, Giulia Niccolai, Giancarlo Norese, Aldo Nove, Als Ob, Alvaro Occhipinti, Piergiorgio Odifreddi, Davide Oldani, Antonella Ortelli, Bruno Osimo, Gian Lupo Osti, Mimmo Paladino, Lele Panzeri, Demetrio Paparoni, Marco Paternostro, Carla Pellegrini Rocca, Egidio Pentiraro, Gaetano Pesce, Carlo Pezzoni, Piero Pieri, Rosa Pierno, Cesare Pietroiusti, Riccardo Piferi, Ercole Pignatelli, Luca Pignatelli, Adriano Pintaldi, Gian Piero Piretto, Stefano Pirovano, Mario Pischedda, Bianca Pitzorno, Alessandro Pongan, Giovanni Ponti, Antonio Presti, Filippo Pretolani, Anna Maria Prina, Luca Quartana, Chiara Rapaccini, Sergio Romano, Davide Rondoni, Enzo Rossi, Lele Rozza, Alfredo Sabbatini, Lydia Salerno, Aldo Savoldello, in arte Silvan, Ivan Scalfarotto, Guido Scarabottolo, Evelina Schatz, Arturo Schwarz, Ferdinando Scianna, Marianella Sclavi, Emanuele Segre, Marco Senaldi, Silvana Sermisoni, Alberto Signori, Silver, Miro Silvera, Emilio Sioli, Francesco Sisci, Enzo Siviero, Stefano Soddu, Giuliano Spazzali, Fausta Squatriti, Angelo Starinieri, Nichi Stefi, Vittorio Strada, Nanni Svampa, Giorgio Taborelli, Andrea Talmelli, Rocco Tanica, Massimo Teodori, Annamaria Testa, Giancarlo Tramutoli, Marco Travaglio, Ida Travi, Paolo Trotti, Filippo Tuena, Luca Ussia, Franco Vaccari, Renato Vallanzasca, vedovamazzei, Stefano Veraldi, Paolo Vidoz, Cesare Viel, Marco Vigevani, Carlo Vita, Serena Vitale, Luca Vitone, Francesco Voltolina, Daniel Vyhnal, Daniele Zambelli, Nicola Zanardi.

October 30, 2009

Duedinovembre

A cura di Alessandro Castiglioni, Francesca Marianna Consonni, Lorena Giuranna

1 e 2 novembre 2009
Presentazione del progetto e inaugurazione:
sabato 31 ottobre ore 18.30 e domenica 1 novembre, ore 15-19

Cyrano. Laboratorio d’arte, restauro, antiquariato
via Belenzani 42, Trento

In collaborazione con Café Culture.

Duedinovembre si ispira a un antico e radicato rito religioso secondo cui il Primo di Novembre si debba preparare un banchetto che il giorno successivo possa essere consumato in prelazione dalle anime dei propri defunti. In occasione della giornata di ricordo dei propri cari estinti, risignificando attraverso la pratica artistica il rito dell’offerta, proponiamo, in un rapporto di continuità tra cultura popolare e arti contemporanee, una mostra puntualmente allestita il Primo di Novembre, che nella giornata successiva sia accessibile, come da tradizione, solo dai morti, nella festa a loro dedicata. La giornata di preparazione, in cui il pubblico dei vivi potrà entrare a visitare gli spazi, avrà un carattere movimentato e performativo, ispirato alla tradizione dell’ofrenda, della preparazione, della relazione, della condivisione.

Per questa edizione l’invito è stato esteso a molti artisti con l’idea di offrire un'immagine all'aldilà, non necessariamente del proprio lavoro, ma che risponda al senso di un'offerta personale fatta con gioia. Le immagini saranno proiettate e allestite in stretta relazione con il luogo che le ospita, il laboratorio “Cyrano” di Trento. Il luogo è apparso indicato per il progetto, perché è raccolto, ma centrale, è accanto alla Galleria Civica, e possiede un'aura molto esoterica: fu infatti sede di un terremoto e custodisce le cornici vuote in vendita dall'antiquario; tali condizioni, quella della vita costruita sopra la vita e quella dei riquadri di immagini possibili, ci sono sembrate essere un set ideale per questa edizione.

Artisti invitati: Adalberto Abbate, Vittore Baroni, Ermanno Cristini, Maurizio Donzelli, Barbara Fässler, Vincenzo Ferrari, Chiara Foletto, Pierluigi Fresia, Daniele Giunta, Paolo Gonzato, Michele Lombardelli, Ferdinando Mazzitelli, Giancarlo Norese, Luigi Presicce, Alessandro Roma, Dragana Sapanjos, Luca Scarabelli, Enazo Umbaca.

October 27, 2009

Sound Surrounding

13-14-15 novembre 2009,
ore 11-13 / 17-21
Cripta di S. Restituta e cripta del S. Sepolcro, Cagliari

Suoni del circondario, suoni di superficie, suoni nascosti, e ancora immagine, forma, durata, intensità…
Sound Surrounding è un progetto espositivo le cui radici affondano nelle viscere della terra: gli artisti operano nell’ombra, sfiorati dall’idea della luce senza mai raggiungerla.

Group show con Manuel Attanasio, Diego Cinquegrana, Rita Clemens, Silvia Congiu, Mauro Cossu, Barbara Fässler, Gosia Godek, Marc Vincent Kalinka, Simonluca Laitempergher, Giosuè Marongiu, Sergio Meloni, Yari Miele, Piero Mottola, Giorgio Murtas, Giancarlo Norese, Marco Pagliardi, Riccardo Pavanelli, Stephen Piccolo, Amilga Quasino, Fabio Ramagnano, Lucio Rosato, Paolo Rosato, Rosanna Rossi, Josephine Sassu, Gak Sato, Livio Tarocco, Marcello Tedesco, Patrizia Tibaldo, Riccardo Zanotti.

Foto: Giancarlo Norese, Decline and Fall of Mister B., 2009

October 15, 2009

SoundRes

SESTA EDIZIONE 2009-2010

Programma di residenza internazionale e festival delle arti
a cura di David Cossin, Luigi Negro e Alessandra Pomarico
Organizzazione: Calliope Comunicare Cultura
In collaborazione con:
Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Sociali e Giovanili
del Comune di Casarano
Festival In Sonora e Centro D’Arte Matadero (Madrid)
Con il Patrocinio della Provincia di Lecce

New Sounds_ New Territories
Programma di residenza per lo studio del territorio attraverso il dispositivo sonoro
17-24 ottobre 2009, Casarano (Lecce)

La sesta edizione del programma di residenza e festival internazionale di musica e delle arti Sound Res 2009- 2010 si presenta al pubblico e alle istituzioni con delle importanti novità, a partire da nuove collaborazioni e una nuova sede d’azione, il Comune di Casarano, nuovi partenariati e co-produzioni locali (Calliope Comunicare Cultura) e internazionali (In Sonora e Matadero di Madrid), che consentono al progetto Sound Res di sviluppare un programma piu’ ampio e di costruire una stagione articolata nel corso di tutto l’anno.

Sound Res si fonda sull’idea di attirare nel Salento, attraverso i programmi di residenza, i protagonisti del mondo culturale internazionale e di offrire loro un luogo protetto dove dedicarsi alla ricerca, allo studio, alla messa a punto di nuove produzioni. Questa visione, che negli anni si e’ articolata con interventi in diverse aree della provincia di Lecce, appare oggi potenziata dall’opportunita’ di radicarsi nella Citta’ di Casarano, importante centro di produzione del Sud Salento, guidata da una squadra di governo motivata a fare della cultura il motore di una rinascita sociale ed economica, a caratterizzare la citta’ nel segno della contemporaneita’ e della spinta all’innovazione.

In sintonia con questa visione Sound Res abitera’ Casarano attraverso degli interventi che, andando oltre la logica dell’evento, si articoleranno nell’arco di tutto l’anno attraverso programmi di residenze, concerti, mostre d’arte contemporanea, un’attività di alta formazione e progetti di scambio con partner internazionali, al fine di sviluppare un’azione culturale organica e funzionale alla crescita del territorio e che sappia al tempo stesso rispondere alle esigenze di una contemporaneità sempre più complessa e globalizzata.

In questa direzione si muove anche la proposta di riqualificazione urbana curata dall’architetto e curatore Emiliano Gandolfi attraverso un laboratorio sperimentale di architettura che portera’ ad osservare, leggere e interpretare il territorio, le sue potenzialita’ e le sue problematiche, e che si sviluppera’ in connessione con i programmi di residenza Sound Res.

New Sounds_ New territories. 17-24 ottobre 2009 Casarano (Lecce)
Programma di residenza per lo studio del territorio attraverso il dispositivo sonoro.

Si comincia dunque dal 17 al 24 ottobre con una residenza frutto della collaborazione tra Sound Res, il Comune di Casarano e il festival IN SONORA assieme al Centro d’arte contemporanea Matadero di Madrid, importanti centri della capitale spagnola che hanno selezionato cinque giovani artisti coordinati da Anna Raimondo: Miguel Alvarez Fernandez col suo trio DissoNoiSex - composto dallo stesso Alvarez Fernandez, dal programmatore tedesco Stefan Kersten e dalla designer polacca Asia Piascik - Queralt Lencinas, e Manuel Calurano al lavoro nella prima fase di studio del territorio e degli aspetti sociali e culturali riflessi nel paesaggio.
Le premesse concettuali e la visione poetica degli artisti selezionati sembrano essere accomunate dalla riflessione, antropologica e filosofica, sulle implicazioni sociali, politiche, emotive del linguaggio, inclusi quelli artistici e tecnologici. Il concetto di paesaggio sonoro, quello di interattività, quello di multimedialità, fondati tutti sulla premessa di un dialogo, di un ascolto, di un movimento dialettico, sono anch’essi spesso condizionati da pesanti sovrastrutture. La ricerca sui nuovi media appare nel lavoro di questi artisti un modo per indagare la contemporaneita’ attraverso progetti collaborativi, aperti e condivisi, in cui l’opera diventa una piattaforma da cui partire per fare pratica ed esperienza, e una modalita’ per restituire consapevolezza del proprio “ambiente” di vita. La mappatura sonora, scelta dagli artisti come mezzo e metodo dell’esplorazione, restituisce e ricostruisce metaforicamente il Salento come territorio “nuovo”.


Programma

Residenza

Dal 17 al 24 ottobre gli artisti ospitati nel cuore di Casarano avranno modo di lavorare con artisti locali e di seguire delle mappe emotive dei luoghi costruite da chi lo abita, saranno coinvolti in momenti di scambio e di convivio con gli abitanti, visiteranno laboratori d’artisti, aree d’interesse architettonico e paesaggistico, e luoghi di vita e di lavoro. Sulla base di queste suggestioni potranno poi sviluppare la propria ricerca attraverso il dispositivo sonoro. Le opere, prodotte in situ, verranno esposte successivamente all’interno della mostra SOUNDSCAPE, l’invenzione del paesaggio, organizzata nel 2010-2011 nel Comune di Casarano, che prevede la partecipazione di affermati artisti italiani e stranieri. La mostra farà poi tappa in altre città, ampliandosi di nuovi interventi per poi approdare in Spagna all’interno della programmazione di In Sonora.

Workshop

Il 23 ottobre dalle ore 15 alle 20 c/o Il Sedile di Casarano workshop/tavola di lavoro sul tema “L’invenzione del paesaggio attraverso il dispositivo sonoro”
Giornata di lavoro e di confronto tra gli artisti Manuel Calurano, Miguel Alvarez Fernandez col suo trio DissoNoiSex, Queralt Lencinas, Antonio De Luca, Francesco Giannico, Fernando Schiavano, Luigi Presicce, Pleo, Luigi Negro, Giancarlo Norese ed altri in via di definizione

Il workshop è aperto al pubblico e consigliato agli appassionati di arte contemporanea e agli addetti ai lavori.

a seguire
sempre il 23 ottobre dalle ore 22,00 nell'attigua Piazzetta del Pesce (in caso di pioggia c/o Palestra della scuola media nella piazza del comune)

Festa/happening
concezione e allestimento urbano a cura di Davide Faggiano
installazione nel Sedile di Luigi Presicce
intervento sonoro a cura di Pleo con special guests

Nel mese di novembre, il programma Sound Res sarà presentato a Madrid all’interno del festival In Sonora che ha selezionato tre installazioni sonore di David Cossin, esposte all’interno dello spazio Off Limits di Madrid. Il nostro direttore artistico si produrrà anche in un concerto nella capitala spagnola, insieme al suo gruppo Bang on a can All Stars e al compositore Steve Reich.

L’intero programma della stagione Sound Res 2009-2010, patrocini e collaborazioni sono in fase di definizione e verranno annunciati successivamente.

www.soundres.org

UFFICIO STAMPA E PRODUZIONE
CALLIOPE Comunicare Cultura
contatti@calliopecomunicarecultura.net

October 6, 2009

Varda la Television


Billboard posting, Trieste, october 2009.

According to John Carpenter’s movie They Live, I posted a 3x6m billboard revealing the command “Watch TV” switched to the local dialect.

neon>focus on video artists

neon>campobase
via zanardi 2/5
BOLOGNA

dal 9 ottobre 2009 @ 6.30 pm

NEON>FOCUS
on video artists

A partire dal 9 ottobre 2009 neon riapre la stagione degli approfondimenti legati al video con un nuovo appuntamento, neon>focus (on video artists), un progetto che, fino a giugno 2010, ospiterà nello spazio bolognese di neon>campobase artisti il cui lavoro è significativamente legato al medium video.

Un nucleo di artisti che saranno invitati a presentare un excursus attraverso la propria produzione video, in modo tale da dare al pubblico - nel corso di una giornata di incontro e di studio - una chiave di lettura personale della loro ricerca, non mediata dall'intervento del curatore o del critico; la giornata si concluderà con un piccolo party serale.

neon>focus è un contenitore aperto di esperienze artistiche legate all'uso di mezzi artistici specifici, e invita gli artisti a condividere e a raccontare ad un pubblico più ampio il proprio lavoro in maniera diretta e partecipata.

Venerdì 9 ottobre alle 18.30 neon>focus (on video artists) apre i battenti con una giornata dedicata all'artista Anja Puntari.

Il lavoro di Anja Puntari si concentra sul rapporto tra la società e le immagini che essa produce. L'artista è interessata in particolare alle strutture di significati che vengono costruite intorno alle immagini e ai suoni, e al rapporto che esse creano con la cultura circostante.

Le sue opere sono soggetti attivi da leggere ogni volta in relazione ad altre immagini, altre opere d’arte, e in funzione allo spazio e al tempo in cui esistono. Considerare un’opera d’arte un soggetto attivo vuol dire che essa genera significati nuovi ogni volta che la si guarda, piuttosto che esprimere simbolicamente qualcosa che è già preesistente.
Spesso Anja Puntari lavora con materiale “home-made” inserito da utenti privati su piattaforme come Youtube, Redtube o Facebook. Per questo molti dei suoi lavori diventano una sorta di ricerca antropologica, come collezioni che contengono i codici del luogo da cui provengono.

Temi frequentemente affrontati sono discorsi sociali come la in/visibilità e l’auto/controllo dell’individuo nella società contemporanea; e come certi taboo sociali vengono costruiti e diffusi attraverso il mondo delle immagini e i suoni.

Tra gli altri prenderanno parte a neon>focus:
Elena Arzuffi, Davide Bertocchi, Bianco Valente, Anna Valeria Borsari, Elena Cologni, Francesca Grilli, Sukran Moral, Giancarlo Norese, Roberta Piccioni, Cesare Pietroiusti, Marco Raparelli, Moira Ricci, Fabrizio Rivola, Stefano Romano, Sara Rossi, Marinella Senatore.

dal 22 ottobre @ 8.30 pm

neon>campobase
info-at-neoncampobase.com
www.neoncampobase.com
+39 051 5877068

September 21, 2009

1hART

An idea by Viviana Checchia
curated by Viviana Checchia and Anna Santomauro
in partnership with neon>campobase (Bologna), Sabot Gallery (Cluj-Napoca), Stanica (Zilina).

July 2009 - July 2010

Have you ever thought about one hour of contemporary art at home? Exploring the website you will be able to choose among artists, curators, critics, gallerists, collectors, restorers, editors and art lovers ready to give you one hour of art delivered at your home. You will enjoy performances, video art, lectures, portfolio readings, installations, wall paintings, workshops... as never before!

Take a look to the projects, choose the country and the city you're interested in... once you have found the available artist contact us, writing the name in the object of the mail: you will be able to arrange the date and the time.

If you are an artist, a curator, a critic or an art lover, send us your project about your art hour by email.
1 h art will go on for one year, so until July 2010 you will always able to partecipate. Have a nice hour!

Information:
1hourart/at/gmail/dot/com
http://1hart.net/


Intervista a Viviana Checchia e Anna Santomauro, curatrici del progetto 1hART

Partiamo dall’idea. Un percorso che parte dal museo, percorre le strade e arriva nel privato delle case? Quando e come è nata l’idea del progetto 1 H art?

L’idea di 1hart nasce da una profonda riflessione sui problemi di fruizione dell’arte contemporanea e non. Vari studi, a ridosso tra l’arte, l’economia e le neuroscienze, hanno cercato di scoprire e stabilire quali sono i parametri attraverso cui e secondo i quali rivolgiamo la nostra attenzione verso una cosa, un oggetto piuttosto che ad un altro.
Si sono riscontrate, così, più e più volte difficoltà dovute ad uno scarso senso di appartenenza nei confronti di certi ambiti, avvertito dal pubblico generico.
La nostra è così diventata una sfida ma allo stesso tempo un progetto di promozione per avvicinare il pubblico all’arte abbattendo una serie di ostacoli. E perché no, proprio all’arte contemporanea interpretata come più ostica ed insensata. Riteniamo che l’arte contemporanea, soprattutto quella dei nostri giorni, sia un’arte relazionale un’arte comunicativa e per questo molto più vicina al nostro pubblico.

La ricerca degli artisti coinvolti come è avvenuta (anche a livello internazionale)? Ci sono criteri di selezione da parte di voi curatrici? È ancora aperta la selezione?
L’adesione degli artisti al progetto 1 h art è arrivata in seguito a una open call, diffusa tramite i canali ormai consolidati quali mail, social network e siti internet dedicati all’arte contemporanea. Le richieste sono state moltissime, anche grazie a un consistente uso del passaparola tra gli stessi partecipanti, ma non tutte sono state accolte. Abbiamo dovuto selezionare il materiale giuntoci, in base non solo al nostro gusto, ma soprattutto al  possibile impatto che i progetti avrebbero potuto avere sul pubblico. Abbiamo cercato di privilegiare proposte in grado, a nostro avviso, di creare un contatto intimo e diretto, comunicativo e critico  con il fruitore.

L’“offerta artistica” è variegata: performance, video arte, lecture, presentazione portfolio, installazione, wall painting, workshop, ecc. Si va dalla resistenza creativa  dello Stupidity Removal Service di Giuditta Nelli alla Bussola delle emozioni di Elena Arzuffi. Il concetto di arte per voi è…

V.C. L’arte è libera espressione, è contatto e rapporto. Nel nostro progetto gli stili, le tecniche, i mezzi ed i metodi del fare arte sono secondari: l’importante è arrivare al pubblico, è trasmettere.
Non cerchiamo di istruirli ma di solleticarli attraverso arte fresca ed innovativa.
A.S. L’arte è la capacità dell’uomo di creare nuove chiavi di lettura con le quali interpretare il mondo e la contemporaneità, di aprire nuove strade o di modificare quelle esistenti, di dar vita, attraverso la visione, il senso, la relazione e il contatto, a nuove molteplici e possibili realtà.
I progetti che abbiamo scelto sono molto diversi tra loro, come diversi sono i mezzi che ciascun artista ha scelto di utilizzare: il lavoro di Giuditta Nelli, si propone di convertire ciò che comunemente è identificato come segno di stupidità in un’operazione artistica; Anna Maria Tina, invita il fruitore della sua ora d’arte a creare nuove unità di misura con cui rapportarsi alla propria casa; Luigi Negro, con Giancarlo Norese e Luigi Presicce, andrà di casa in casa portando  avanti un’indagine emotiva, fatta di racconti, piccole azioni, foto e ricordi; Rita Canarezza e Pier Paolo Coro si faranno invitare da parrucchiere e barbieri, ascoltando e registrando storie tra lacca e schiuma da barba. Questi e molti altri artisti lavorano per investire di nuova luce luoghi, fisici e dell’anima, gesti, rituali, e strutture mentali, rivelando e comunicando al pubblico nuovi possibili modi di avvicinarsi all’arte e, perchè no, alla vita… in fondo, non sono poi così distanti.

“1 h art cerca di stabilire rapporti più stretti e di sollecitare attraverso vari canali il sostegno privato. La gente comune (famiglie, dipendenti statali, studenti…) potrà così diventare parte integrante di questo congegno, richiedendo un semplice servizio a domicilio. In questo modo 1 h art crea un sistema aperto, fatto di generazione e ridefinizione continua”. Ci spiegate in che modalità pensate che questo “incontro” possa contribuire a costruire “nuova arte e nuova condivisione”?

Crediamo che l’arte si crei negli occhi di chi la guarda, nelle mani di chi la tocca e nell’intimità di chi la assorbe e la interiorizza. Esiste però il rischio di un messaggio che, spesso, non è così chiaro ed immediato. Azionare un meccanismo che spinga artista e pubblico l’uno nelle braccia dell’altro può significare dare a quest’ultimo qualche strumento in più per considerare l’arte e il fare arte come uno dei tanti aspetti della propria vita. Di qui potrebbe derivare una presa di coscienza, uno stimolo ad appoggiare, promuovere, sostenere l’attività artistica. Per l’artista questa potrebbe divenire un’occasione di crescita e di apprendimento, sia sul piano artistico che su quello umano: non si tratta di una specie di tranello con il quale portare la gente comune al museo, ma di un vero e proprio incontro, di una nuova interessante conoscenza, di un atto coraggioso grazie al quale aprirsi a nuove possibilità e a nuove relazioni. E, perchè no, potrebbe diventare semplicemente qualcosa di cui parlare a cena con gli amici!

“L’arte farà qualcosa per il pubblico, il pubblico farà qualcosa per l’arte”…Si potrebbe definire 1 h art una nuova forma di volontariato? Un volontariato dell’arte che mira ad “assistere artisticamente” il fruitore occasionale?

Non parlerei proprio di volontariato, anche se allo stato delle cose non abbiamo nessuna forma di sovvenzione e quindi lavorando gratis siamo, effettivamente, dei volontari.
Ma non lo chiamerei così, siamo davvero molto lontani dal concetto di volontariato. Il nostro progetto è stato interpretato da qualcuno come la banca del tempo, ed effettivamente si avvicinerebbe più a questa tipologia di scambio che ad altro: noi diventiamo gli artifici di un meraviglioso baratto.
Inneschiamo un processo di promozione che, speriamo nel tempo, renderà i suoi frutti e porterà più visitatori anche nei contesti più istituzionalizzati.

L’iniziativa è pubblicizzata soprattutto mediante il sito web http://1hart.net/. Il sito  rappresenta certamente un canale per il “reclutamento” degli artisti e la proposta del servizio di “arte a domicilio” attraverso la presentazione delle tipologie di “ore d’arte” messe a disposizione dagli artisti. Avete pensato di rendere pubbliche anche le testimonianze dei fruitori, materiali video o fotografici delle performance artistiche? Insomma, un feedback delle esperienze… 
Inoltre, potete darci un’idea dell’esito di alcune performance e dirci quante sono state già svolte. Com’è la risposta del pubblico in termini di quantità di richieste e di grado di coinvolgimento?

Il sito è effettivamente una parte integrante del nostro progetto. Pensiamo di rendere pubblica solo una traccia degli incontri per ora, ma l’obiettivo è quello di far confluire tutto il materiale documentario raccolto nel corso di un anno in una mostra presso il project space neon>campobase di Bologna, che è uno dei nostri partner insieme a Sabot Gallery (Cluj-Napoca) e Stanica (Zilina). 
I primi incontri sono sul punto di svolgersi, dopo la pausa estiva ci sono state le prime richieste e tra poco daremo inizio al meccanismo di 1 h art (stiamo già assistendo allo scambio di email tra un’artista e la sua ospitante). Arrivare a un pubblico generico non è semplice, per questo la promozione è un momento cruciale del progetto, perché questo si realizzi in maniera autentica e capillare.

(da www.tafter.it)

August 29, 2009

Intermedia: a generation of artist's books, 1999-2009

O' is pleased to present the first appointment of the INTERMEDIA cycle on September 17; an exhibition of alternative artist's media conceived and curated by Giorgio Maffei along with Die Schachtel, O' and Christoph Schifferli.
Over forty years after the publication of the text “Intermedia” (February 1966) by Dick Higgins in “The Something Else Newsletter,” the curators of this exhibition have borrowed this title which best expresses the need of contemporary culture to 'shuffle the cards,' to break down the strict barriers between disciplines and to consider art and its expressive ways as one singular creative process. The history of 'alternative media' used by artists as an expressive means, equal to more traditional ones like painting and sculpture, conventionally started in the beginning of the nineteen seventies; a period in which the experiments of new poetry came together with the overcoming of pictorial material in conjunction with the development of certain social and cultural factors that determined the transformation of the artist's role and status.This period of maximum expansion of the 'consumer society' and diffusion of mass culture, saw the rise of cultural models which were taking the almost magical and elitist aura the artists had enjoyed until then away from them. Antagonistic society, with tendencies toward demolishing traditional behavior, tried to find a wider accessibility to art, a superimposition of the usual aesthetic categories that still made the division between 'fine arts' and 'applied arts' and the transformation of the inspired and solipsistic dimension of the artist-creator. In this climate, the art market was proposing the idea of the 'multiple' as an object for the masses and to spread the use of intermedia, that is the combination of techniques and expressions belonging to different linguistic spheres. Books and records are the most suitable instruments for taking on this transformation: agile, easy to produce, low cost and more than anything else, they are easily made available to a wide audience which spans class and geography. The artist takes on the whole intellectual and social responsibility of the creation, construction and distribution of the artwork.

The cycle of exhibitions is conceived through themes and segments. A subdivision which is as banal as it is useful to follow the parallel development that the book and the record (as well as video, cinema, theater, dance) have gone through compared to the traditional case study of artistic historiography. The first appointment of the cycle, “ 10 - a generation of artist's books, 1999-2009,” concentrates on the international production of the last decade, exhausting the concept of 'latest generation' and starting instead from the present, contemporary time eventually retracing this thread of history backwards. The exhibit offers, for the first time in Italy, a mapping of the publication of artist's books in the current decade through three parts: one structured around precise curatorial ideas and choices; one dedicated to the Zine Series from Nieves Editions in Zürich, one of the most important independent publishers of artist books; and the third dedicated to the most diverse self-produced artists' publications, collected through direct invitations to the artists and available to be consulted by the public.
For the occasion, a catalogue will be published that will also collect all of the contributions received.

Opening Sept 17th, 2009 at 7pm – until Oct 9. Mon/Fri 3pm-7pm

O'| residenze | fotografia | suono | performance
associazione non profit | via pastrengo 12, 20159 milano 

tel +39 02 6682 3357 | fax +39 02 3931 3654

www.o-artoteca.org
email: o AT o-artoteca.org

July 10, 2009

[un]defined09

A multimedia arts festival that links art and culture to social commitment

As with previous editions of the [un]defined festival – held in the Pulverturm tower and the gym facilities of the railway employee's recreation club – this event is all about facilitating connections between audience and creator. In 2008 it was the purpose of “[un]defined – temporary autonomous zone” to establish within a defined context the dynamics of an Open Atelier. This year's edition focuses on reflections of urban reality.

The name of the festival: [un]defined indicates the performative and process-driven orientation of this event. It is the festival's purpose to stimulate spontaneity and improvisation within general parameters. Actions and interventions by artists, film-makers, actors and actresses, authors, musicians, architects and philosophers are welcome.

Time Frame: The Festival opens on 8th of August 2009 and concludes on the 22nd of the same month. The creative participants should therefore begin their work on 1st of August.

Venue: The building and surrounding square of the Francesco Rossi Casern in Merano/Maia Bassa.
Thanks to the cooperation of the Italian Military and the State Property Office this area can be used over several weeks for cultural and artistic projects.

Events: Currently scheduled are exhibitions, open studios and creative workshops, musical events, experimental cinema and the installation of sculptural information boards within the surrounding urban area – to be carried out by local artists and architecture students of the Technical University of Vienna TU Wien.

A Festival within the Festival: The popular Merano09 Music Aid – for Emergency and Los Quinchos – will take place this year at the [un]defined location.

The military compound of Merano, located in the artisanal zone of the Maia Bassa district is a so-called NONROOM, an area used almost exclusively for military purposes. Therefore the general public basically had no free access to this space. In this place, which cries out for a new identity, new impulses shall be provided. Thus, a temporary platform for conducting experimental, artistic and scientific works will be created. Curiosity and interest about this new developed urban area will be awakened also among the local population.

To increase its attractiveness for visitors, the square of the Francesco Rossi Casern will be transformed into a communication centre. A small pub will complete the range of events on offer.


Trama21

Nell'ambito della manifestazione [un]defined09 Trama21, gruppo di ricerca per l'arte contemporanea, cura il progetto “Laboratorio confine/Grenz Labor”.

Al ... piano dell'edificio “Rivoir, che fa parte della Caserma “Francesco Rossi” di Maia Bassa a Merano, circa venti “unità” sono messe a disposizione per l'attivazione di un laboratorio di ricerca rivolto a persone che vivono o attraversano la città. La base militare si trasforma così in una piattaforma di ricerca e riflessione sul concetto di “confine” nelle sue diverse accezioni.

Spesso diamo per scontato che il confine sia un segno rigido di demarcazione che separa un dentro e un fuori, una soglia che divide e definisce stabilendo inclusioni ed esclusioni. Tuttavia negli sviluppi della storia europea il confine è stato anche una fascia in cui due culture o due organismi statali s’ interpretavano e comunicavano.

Il confine difatti può essere visto da punti di vista diversi proprio per la sua caratteristica di essere un luogo che, paradossalmente, chiude e delimita uno spazio stabilendo contemporaneamente una connessione viva e costante tra interno ed esterno.

Confine quindi come luogo di mediazione, come passaggio e processo in atto di trasformazione e soprattutto come metafora di un concetto d’identità che nella relazione e nella differenza trova la propria sostanza, nella certezza che non si è davvero mai se stessi se non si interroga l’altro, se non si è capaci di farsi carico della prospettiva dell’altro.

Il Laboratorio confine/Grenz Labor si articolerà quindi essenzialmente su due binari in costante relazione: l’indagine teorica; l'elaborazione in un processo creativo del materiale reperito, scandita da momenti d'incontro e discussione, e l'organizzazione di una giornata conclusiva che, oltre a raccogliere e rendere visibili i risultati della ricerca, costituisce un momento ulteriore e parzialmente autonomo, aperto alla partecipazione di un pubblico più ampio.

Trama 21
Research Group for Contemporary Art
trama21.undefined09 (at) gmail.com

Dall'archivio

Mercoledì 1 luglio e giovedì 2 luglio, ore 16,30-19,30, in seguito su appuntamento, in visione e consultazione i libri d'artista dell'archivio, recentemente donati o acquisiti, di: Vincenzo Agnetti, Aurelio Andrighetto e Elio Grazioli, Anselmo Anselmi, Stefano Arienti, Art-Language, Gianfranco Baruchello, Mirella Bentivoglio, Mariella Bettineschi, Stefano Boccalini, Anna Valeria Borsari, Jimmy Boyle, Angelo Bozzolla, Franco Busatta, Luisella Carretta, Gianni Caruso, Gea Casolaro, Guglielmo Achille Cavellini, Mark-Camille Chaimovitz, Giuseppe Chiari, Gianluca Cosci, Eredi Brancusi, Douglas Davis, Guy Debord, Antonio Dias, Giorgio de Chirico, Marcel Duchamp, Salvatore Falci, Fluxus, Raffaella Formenti, Moreno Gentili, Robert Gober, Felix Gonzalez-Torres, Meri Gorni, Luigi Grazioli, Carlo Guaita, Keith Haring, Marianne Heier, Emilio Isgrò, Sanja Ivekovic, Ilya and Emila Kabakov, On Kawara, Joseph Kosuth, Armin Linke, Sergio Lombardo, Richard Long, Urs Luthi, Mauro Maffezzoni,Valeria Magli, Amedeo Martegani, Dalibor Martinis, Letizia Minotti, Mirabel Compagnie, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Bruno Munari, Maurizio Nannucci, Bruce Nauman, Giancarlo Norese, Margherita Palmero, Paolo Pasotto, Luca Patella, Paolo Patelli, Marcello Pecchioli, Cesare Pietroiusti, Lucio Pozzi, Gerhard Richter, Mark Rothko, Lucio Saffaro, Guido Sartorelli, Mariateresa Sartori, Piccolo Sillani, Alan Sonfist, Franco Vaccari, Maurizio Vetrugno, Andy Warhol.

AR.RI.VI
Archivio Ricerca Visiva
via Botticelli 8a
20133 Milano
www.ar-ri-vi.org
info (at) ar-ri-vi.org

June 1, 2009

Il falso Oreste

Mercoledì 10 giugno
c/o Cassero, via Don Minzoni 18, Bologna

IL FALSO ORESTE

Un tentativo di turbolenza sulla calma piatta italiana

A cura dell’Associazione Artepubblica con il supporto dell’Ufficio Promozione Giovani Artisti

Intervengono Annalisa Cattani, Vincenzo Chiarandà (Undo.Net), Emilio Fantin, Agnes Kohlmeyer, Ferdinando Mazzitelli, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Cesare Pietroiusti, Anteo Radovan, Anna Stuart Tovini (UnDo.Net).

Partecipano fra gli altri*:
 Stefano Boccalini (artista/docente NABA); BridA - Sendi Mango (artista); Cassero - Bruno Pompa (direttore artistico); Beatrice Catanzaro (artista); Circolo Arci Sesto Senso - Adele Dell’Erario (curatrice), Giorgio Tinelli (presidente); Darth - Dragoni-Russo (artisti), Massimo Marchetti (curatore), Fabrizio Rivola (artista), Petar Stanovic (artista), Adriana Torregrossa (artista); Fragile Continuo - Katia Baraldi (curatrice), Anna Ferraro (artista); Gruppo Diogene; Isola Art Center; Leggere Strutture Factory – Elisa Bigi (artista), Alessandra Cussini (responsabile); La Pillola 400 - Ilenia Gamberini (curatrice eventi), Marco Landini (curatore/produttore), Ludovico Pensanto (curatore eventi/ufficio stampa), Gaetano Sorbetti (curatore/gallerista); Søren Lose (artista); Andrea Nacciarriti (artista); neon>campobase - Gino Gianuizzi (presidente/direttore artistico); Nosadella.Due - Elisa Del Prete (curatrice/direttore artistico), Giusy Checola (curatrice); Radio Città del Capo; Shape + Buscart - Marcella Loconte (curatrice eventi), Federica Patti (curatrice eventi); Elvira Vannini (curatrice).

Il Falso Oreste nasce dal desiderio di trovarsi per dialogare insieme su alcune emergenze inerenti al nostro paese: un’Italia in declino, paralizzata da crisi congiunturale, politica, sociale ed intellettuale; uno Stato nella morsa dell’accidia, sprofondato nel quinto cerchio dell’Inferno dantesco.
 Quello del 10 giugno è un incontro aperto e partecipato, una riflessione polifonica e in divenire alimentata dall’esigenza diffusa di un confronto sul nostro apparato artistico - culturale, narcotizzato da logiche di Sistema che tutto omogeneizzano fino a renderlo sterile e conforme a costumi populistico - massmediatici.


Ha senso, ancora, discutere di nuovi paradigmi di socializzazione come dinamiche sulle quali impostare il lavoro creativo? O di inedite reti di connessioni tra gli operatori del settore, alternative alle prerogative individuali e autoreferenziali del singolo autore?
 L’obiettivo de Il Falso Oreste è quello di capire quale sia e se vi sia uno specifico bacino d'interesse, delle tematiche da approfondire a loro volta in prossimi appuntamenti, in Italia o all’estero, per diventare nuove opportunità di incontro, libere e non determinate da criteri di mercato (come le fiere) o di comunicazione mediatica (come le biennali). 
A fare da motore all’intera iniziativa è l’idea originaria del dono, intesa nelle sue accezioni immateriali (concetti o aforismi) e materiali (vivande e bevande), quella reciproca gestualità spontanea che si articola su tre azioni essenziali - offrire, ricevere e ricambiare - basata sull’imprevedibilità, l’assenza di pregiudizi e di regole definite; donare come condivisione e atto rivolto all’altro, donare come collante sociale.
A questo proposito, è importante che tutte le persone coinvolte portino qualcosa da mettere in comune e usare insieme, qualcosa da pensare e da mangiare, da bere e da discutere, ed estendano a loro volta l’invito ad altri, in modo da creare una dimensione fluida, accogliente e conviviale.

Il Falso Oreste si articolerà in tre parti:

dalle ore 15.00 - Incontro pubblico e condivisione delle idee;

dalle ore 19.00 - Aperitivo e cena a base delle vivande donate da ciascuno dei presenti;

dalle ore 22.00 – Festa diffusa per Bologna.

Tutti i gruppi e le associazioni che hanno aderito a Il Falso Oreste lasceranno aperti in notturna i propri spazi, con un intervento artistico in programma o pensato ad hoc, al fine di dare la possibilità a tutti i partecipanti di fare un tour alternativo per la città.

Per maggiori informazioni in merito si rimanda al sito www.artepubblica.com


*I nomi sono in continua fase di aggiornamento.



L'incontro del 10 giugno, coordinato da Rita Correddu e Alice Militello, rientra nel nuovo programma di gAP – Giovani per l’Arte Pubblica – a cura di Gino Gianuizzi.

Associazione Artepubblica

www.artepubblica.com

infoartepubblica(at)gmail.com
tel. +39 3924227678

+39 3290048391

gAP-giovani per l'arte pubblica

Ufficio Giovani Artisti
www.iceberg.bo.it

giovaniartisti(at)comune.bologna.it

tel 051 2194663

051 2194661


May 24, 2009

Crotta dipinta e altre visioni

Crotta dipinta e altre visioni.
Un esperimento di arte pubblica a Crotta d’Adda

A cura di Umberto Cavenago, Gianni Macalli, Giancarlo Norese per Il Museo pesa

CremonaBooks, Cremona, 2009
192 pp., 180 ill. col.
ISBN 88-8359-127-3
(download pdf, 10 MB)

Nel 2007 e nel 2008 diciassette artisti hanno realizzato ventuno opere pittoriche sui muri del piccolo paese di Crotta d’Adda, nei pressi di Cremona, nell’ambito della manifestazione “Crotta Dipinta”.
Il desiderio di condividere una maggior consapevolezza della storia e dell’identità del luogo ha suggerito ad alcuni artisti l’avvio di un progetto che si è sviluppato intorno all’ex pesa pubblica del paese: “Il Museo pesa”.
Il primo passo verso la costituzione del museo è la realizzazione di questo libro che, oltre a documentare le due edizioni dell’evento, intende dare un contributo al ripensamento del rapporto tra le pratiche artistiche contemporanee e le esigenze di sviluppo delle comunità e delle amministrazioni locali.

Testi
Umberto Cavenago, Giancarlo Norese, Gianni Macalli, Ester Bertozzi, Anna Benetollo, Libero Biacca, Carlo Fayer, Lucia Babina

Crediti fotografici
Ester Bertozzi, Gemma Bonardi, Giulia Castelletti, Umberto Cavenago, Anissa Colombo, Andrea Cristini, Karin Freschi, Giancarlo Norese, Angelo Peia, Alfredo Sala, Martina Valietti, Francesca Vinay

Design e layout
Umberto Cavenago, Giancarlo Norese

Una pubblicazione realizzata grazie al supporto della Provincia di Cremona
in collaborazione con Comune di Crotta d’Adda, Parco Adda Sud

May 23, 2009

Soppalcare

Soppalcare. L'accademia come luogo di relazione e formazione
A cura di Marcella Anglani con Trama21

27 maggio 2009
Accademia di Belle Arti di Brera
Cortile della Magnolia e Soppalco Aula 42

Il progetto Soppalcare vuole focalizzare l'attenzione sul concetto dello spazio in accademia inteso da vari punti di vista, come spazio fisico, di relazione e di formazione.
I soppalchi raddoppiano gli spazi di Brera, ma possono essere visti anche come spazi di sperimentazione che si inscrivono con leggerezza all'interno e al di sopra di ciò che avviene nel nostro burocratico sistema educativo e nel palcoscenico ufficiale dell'arte.

Nei soppalchi, durante la pausa pranzo, si sono avviati quest'anno gli incontri di Trama21, gruppo di studenti che si è formato all'interno del corso di Ultime tendenze delle arti visive, e nel constatare la mancanza di spazi e la necessità di una mensa si sono generate le prime domande.

Come creare momenti di incontro e di condivisione tra gli abitanti dell'accademia su idee e progetti al di là dell'ufficialità dei collegi accademici? Come abbattere i muri tra le diverse discipline e proporre nuovi modelli di formazione artistica? Qual è il contesto giusto, necessario a generare il lavoro dell'arte?

Il cibo può essere importante quanto la filosofia, durante i pasti si può imparare tantissimo (un bravo cuoco aiuta). Daniel Birnbaum
Ai nostri pranzi abbiamo invitato ospiti che si sono prestati con entusiasmo: Stefano Boccalini che ha poi coordinato un workshop con il gruppo di studenti, Paola Di Bello, Lucia Farinati, Ignazio Gadaleta, Donata Lazzarini, Bruno Muzzolini, Giancarlo Norese. A questi stimoli si è associata la volontà di ricordare in qualche modo Luciano Fabro.

ore 11.30, Genise Tour

dalle 12 alle 19, Ufficio Fotografico Ambulante, di Paola Di Bello

ore 13.30, (Pausa) Pranzo

dalle 15, Cucina Mobile

ore 15.30, Café Talk: scambio di idee tra artisti e docenti di Brera, NABA e Accademia Carrara di Bergamo, studenti, Undo.net

ore 17, presentazione del workshop di Stefano Boccalini

dalle 21.30, DJ-set party, Chiesa di San Carpoforo

May 4, 2009

Io non lo so

Peresempio è un format pensato da Darth per offrire un momento di pausa, tra una mostra e l’altra, in cui ricomporre la poetica di un artista. Chi viene invitato effettua una lettura del proprio lavoro che coniughi il passato con un’ipotesi di ricerca proiettata nel futuro. Viene quindi scelto un discorso che possa dar conto del senso di un tragitto inserendosi nella presentazione di un progetto utopico, mai realizzato per i motivi più vari, e che quindi, per mezzo della pratica e dell'oralità, prenda alla fine consistenza.

Giancarlo Norese, nella veste di attonito narratore di scacchi esistenziali, presenterà un suo vecchio progetto per un libro mai realizzato nel momento - ormai mancato - in cui sarebbe potuto tornare praticabile. Si tratta di una pubblicazione che nel 1999 una nota galleria gli ha commissionato per celebrare i dieci anni di attività. Norese, che ha utilizzato in numerose occasioni il libro come oggetto artistico in cui condensare un articolato confronto con il sistema dell’arte, accetta la proposta e raccoglie da un lato il materiale “ufficiale” delle mostre svolte in galleria, e dall’altro quello più privato, nascosto, interpellando direttamente gli artisti. Nel momento decisivo, il progetto viene annullato. Ora, passati altri dieci anni, si potrebbe riesumare l’enorme quantità di preziose testimonianze raccolte per il ventennale, ma non accadrà.

darth . associazione culturale, bologna
www.darth.it
info/at/darth.it

April 28, 2009

Public Art a Bologna

Mercoledì 29, alle ore 17 nello spazio gAP a Palazzo Re Enzo, Voltone del Podestà 1/L, Bologna, presentazione del catalogo Public Art a Trieste e dintorni (Silvana Editoriale, 2008) con Maria Campitelli, Elisa Vladilo, Annalisa Cattani, Emilio Fantin. L’incontro è organizzato in collaborazione con l'associazione Artepubblica e il Comune di Bologna nell’ambito del progetto “Appuntamenti di Arte Pubblica” a cura di Gino Gianuizzi.

Mercoledì 29, alle ore 18.30, inaugurazione della mostra documentativa alla galleria neon>campobase, in via Zanardi 2/5 a Bologna, realizzata per la prima volta a Trieste nel 2007 e aggiornata per l’occasione.

Artisti presenti: Bastiaan Arler, Paola di Bello, Annalisa Cattani, Alberto Duman, Emilio Fantin, Maik e Dirk Lobbert, Giancarlo Norese, OsservatorioinOpera, Christoph Steinbrener & Rainer Dempf, Lieve Van Stappen, Bert Theis, Topotek 1, Eltjon Valle, Elisa Vladilo.

April 15, 2009

Minimal Show (Fanculopensiero. Stanza 510)

A public talk with Ippolito Chiarello, Luigi Negro and Cesare Pietroiusti.
Teatro Politeama, Lecce, May 8 2009

chiacchierate pubbliche e minimal show (in vetrina) con Giancarlo Norese

Giancarlo Norese è un artista che della rinuncia, dell'abbandono e della transitorietà ha fatto la materia vivente della propria esistenza e in sublime coincidenza, della propria "produzione artistica".
Il suo lavoro sembra sempre nascere da una contingenza, a volte “da una semplice osservazione o da una banale constatazione. Può scaturire anche da uno stato d’animo, provvisorio o costante, come (non a caso) la paura del nulla” o della solitudine, che lo ha spinto a girovagare paradossalmente per il mondo sperimentando la condizione del “senza tetto” per molto tempo (“il Barbonato”, come lo ha definito lui), ma soprattutto la reale perdita di ogni sicurezza e l’accettazione della dipendenza come condizione di vita. I suoi lavori finiscono con il coincidere con le proprie elucubrazioni e a volte molto dure (senza mai essere eroiche) vicissitudini personali. In sostanza “alla sua vita intesa come opera d’arte”.

Le domande sul suo lavoro diverranno quindi ineluttabilmente domande sulla sua condizione esistenziale, questo avverrà nell’atrio del Politeama Greco di Lecce, anche attraverso un minuscolo solo show che si insedierà all’interno di una vetrina (la più piccola) del Foyer, come trasformata per paradosso per la prima volta (e sottovoce) in minuscola galleria d’arte, in un metaforico e lillipuziano museo d’arte contemporanea (in una città in cui le azioni e i segni realmente contemporanei non vivono e per di più appaiono come inaccettabili nelle logiche tipiche di una provincia finita di significato). Giancarlo Norese ha parte della sua esistenza segnata da relazioni affettive e di significato artistico nel Salento (pur essendo un piemontese/ligure/lombardo), per questo le questioni verranno sollevate da due suoi amici e compagni di avventura: Luigi Negro e Cesare Pietroiusti.

FANCULOPENSIERO - STANZA 510
(liberamente ispirato al romanzo (Fanculopensiero) di Maksim Cristan)

  • drammaturgia Michele Santeramo
  • regia Simona Gonella
  • spazio e luci Vincent Longuemare

"C'è un momento in cui a tutti è capitato di pensare che valesse la pena lasciar perdere, smettere di far le cose, cambiare vita, cambiare tutto"

Venerdì 8, Sabato 9 e Domenica 10 Maggio 2009 alle ore 21:00 c/o il Teatro Politeama Greco di Lecce, in collaborazione con la Fondazione ICO, Ippolito Chiarello presenterà la sua nuova produzione teatrale dal titolo Fanculopensiero - STANZA 510 per la drammaturgia di Michele Santeramo e la regia di Simona Gonella.

Lo spettacolo è liberamente ispirato all'omonimo romanzo di Maksim Cristan. Da un romanzo accattivante, da un'esperienza di vita contemporanea, Ippolito Chiarello porta in scena una performance destabilizzante, un personaggio di grande coraggio, per alcuni, di grande insensatezza per altri, un uomo che andrà fino al fondo di sé scappando dal suo paese e ricominciando per strada. "Fanculo a sè stessi, fanculo al proprio personaggio, fanculo al ruolo" il leit motiv.

Gli spettacoli saranno preceduti da tre incontri con alcuni degli artisti che hanno dall'inizio sostenuto e condiviso il tema della produzione. Interverranno:

Venerdì 8: Giancarlo Norese artista che della rinuncia, dell'abbandono e della transitorietà ha fatto la materia vivente della propria esistenza e, in sublime coincidenza, della propria ricerca e produzione artistica e Cesare Pietroiusti che da sempre osserva i comportamenti ripetitivi e frettolosi della gente, e punta la propria attenzione sui pensieri non funzionali o sulla dimensione "subliminale" che un gesto, una traccia, un'immagine, possono avere;

Sabato 9: Michele Santeramo autore della drammaturgia di Fanculopensiero - Stanza 510 e autore di sceneggiature, racconti brevi editi, vincitore di concorsi di scrittura;

Domenica 10 l'autore del romanzo Maksim Cristan.

L'orario previsto per ciascun incontro è fissato per le ore 19.30

Info: 327-7357690 CALLIOPE Comunicare Cultura

April 13, 2009

Il resto del tempo

Il Resto del Tempo
Pratiche di abbandono e lontananza

una mostra a cura di Alessandro Castiglioni con Sergio Breviario, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Daniele Giunta, Michele Lombardelli, Julia Krahn, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli, Elisa Vladilo

Il Resto del Tempo. Pratiche di abbandono e di lontananza è una mostra dedicata alle tracce del passato, al rapporto tra presenza e assenza, storia e contemporaneità, passaggio e permanenza.
Il progetto espositivo è costituito da interventi propriamente pensati per integrarsi con i particolari spazi del castello.

sabato 18 aprile 2009, ore 16.30
Castello di Jerago, Varese

March 17, 2009

L’immagine in questione

Il tema dell’immagine percorre tutta la cultura e la filosofia del Novecento in particolare in quanto tema della sua “messa in crisi”. Sia che la si sia intesa come “immagine interna”, sia che la si sia intesa come “immagine–figura”, nel Novecento essa è stata radicalmente “messa in questione”.
Su questa problematica si è svolto, nella primavera del 2007, il seminario annuale della rivista «Kainos» dedicato a “Le parole del Novecento”. I saggi contenuti nel volume — che spaziano dalla teoria dell’immagine in Hersch alla problematica delle immagini-interfaccia, dalla musica senza immagini di Nono all’estetica giapponese — sono stati scritti a partire da quegli incontri seminariali.
I testi sono affiancati dagli interventi visivi di cinque artisti contemporanei, selezionati da Codice EAN, associazione per l’arte contemporanea.

Contributi di Tommaso Ariemma, Franco Cipriano, Vincenzo Cuomo, Leonardo Distaso, Aldo Meccariello, Giancarlo Norese, Vito Pace, Antonio Picardi, Angelo Ricciardi, Roberto Terrosi.

L’immagine in questione
a cura di Vincenzo Cuomo.
Aracne editrice, Roma 2009

March 16, 2009

gAP

Il progetto GAP – Giovani per l’Arte Pubblica – continua da mercoledì 18 Marzo con un programma di nove appuntamenti tra artisti ed esperti del settore che presenteranno la propria attività al pubblico, in una situazione colloquiale e interattiva nello spazio gAP sotto il Voltone del Podestà a Palazzo Re Enzo.
La scelta degli artisti invitati, i progetti, le tematiche inserite in programma rispondono alla volontà di mostrare alcune delle possibili accezioni che rientrano nel contenitore espanso dell’arte pubblica. Un ciclo di incontri in cui singoli o gruppi di artisti, di diverse generazioni e provenienti da varie zone d’Italia, portano a Bologna le proprie esperienze maturate sul campo: dagli interventi urbanistici e ambientali alle pratiche d’arte sociali e relazionali.
Gli appuntamenti, a cura di Gino Gianuizzi, offrono a tutti una valida occasione per riflettere e confrontarsi su tali modalità contemporanee del fare arte, all’insegna di nuove proposte e stimoli creativi per la città.

Spazio gAP (Palazzo Re Enzo) Voltone del Podestà 1/L, Bologna

Tutti gli incontri sono organizzati dall'Ufficio Promozione Giovani Artisti in collaborazione con il gruppo artepubblica.

info:
gAP - giovani per l'arte pubblica
Ufficio Giovani Artisti
giovaniartisti (at) comune.bologna.it
tel 051 2194663/2194661

artepubblica
www.artepubblica.com
infoartepubblica (at) gmail.com

February 5, 2009

Pie Bible in Berlin

Pie Bible: Blättern und Lesen
mit Inka Löwendorf, Andreas Frakowiak und M+M

Volksbühne am Rosa-Luxemburg-Platz
“3. Stock”, Linienstraße 227, 10178 Berlin

Do. 12.02.2009, 20:00 Uhr

Ein fiktives Buch aus dem amerikanischen Film American Pie drängt in die Sphären der Realität: Eine stets wachsende Sammlung an Erfahrungen, Tipps und Eindrücken in Sachen Liebe und Sexualität. Im Spielfilm kursiert die Bibel an einer Highschool, zu diesem Buchprojekt luden M+M über fünfzig ausgewählte Künstlerinnen und Künstler ein, persönliche Erlebnisse, raffinierte Techniken und Fantasien zu offenbaren, die in die geheimen Domänen der Welt sinnlicher Lust oder erotischer Abgründe in Texten, Collagen, Zeichnungen, Fotos oder in handschriftlichen Kommentaren führen.

Mit Beiträgen von Emanuelle Antille, Marc Aschenbrenner, Tina Bara, Alfredo Barsuglia, Sue de Beer, Benjamin Bergmann, Madeleine Berkhemer, Birgit Brenner, Olaf Breuning, Chicks on Speed, Cuoghi und Corsello, Dellbrügge & de Moll, Jeanne Faust, Katja Eckert, Martin Fengel, Anne Gaskell, Sabine Gross, Lia Anna Hennig, Noritoshi Hirakawa, Wilfried Hoppe, John Isaacs, Michael Kalmbach, Julia Kissina, Ragner Kjartansson, Evil Knievel, Bülent Kullukcu, Peter Land, Alexander Laner, Monika Leitner u. Khalid Nuhu Mohammadu, Inna Levinson, Via Lewandowsky, Atelier van Lieshout, Lilli & Lola, Katarina Maciunas, Jonathan Meese, Sands Murray-Wassink, Heike Mutter & Ulrich Genth, Giancarlo Norese, OLGA, Thomas Palme, Stefan Panhans, Richard Phillips, Cesare Pietroiusti, Tobias Rehberger, Carlos De los Rios, Miguel Rothschild, Peter Sauerer, Frances Scholz, Shelly Silver, Thomas Steffl, Aneta Steck, Gerd und Uwe Tobias, Stefanie Trojan, Stefan Wissel, Johannes Wohnseifer, Tobias Zielony / Laetitia Gendre, Ralf Ziervogel.

Mit M+M blättern und lesen in der Pie Bible Inka Löwendorf und Andreas Frakowiak aus dem Ensemble der Volksbühne.

Presseartikel zur Pie Bible:

www.monopol-magazin.com
www.sueddeutsche.de
www.spiegel.de
www.stylemag-online.net

January 22, 2009

neon fundraising event

neon>campobase presents for the first time A.A.A., an auction benefitting neon in which works by emerging and established artists will be put up for sale.
The auction will occur in Bologna at the neon>campobase space on Sunday, January 25, 2009 at 12:00 p.m. Before the auction begins, guests be offered an aperitif.
The works up for auction are visible on the website www.neoncampobase.com

It is possible to make bids on single items by calling (+39) 051 5877098 or by sending an email to neon.asta(at)gmail.com

neon>campobase presenta per la prima volta A.A.A., asta di finanziamento a favore dell'associazione neon in cui saranno poste in vendita opere di artisti emergenti e di artisti consolidati.
L'asta si terrà negli spazi di neon>campobase a Bologna, domenica 25 gennaio 2009 dalle ore 12.00. Prima dell'inizio dell'asta agli ospiti sarà offerto un aperitivo.
Le opere in asta sono visibili sul sito www.neoncampobase.com

eon è uno spazio non-profit indipendente che supporta e promuove la ricerca artistica contemporanea, con attenzione particolare al lavoro delle generazioni emergenti. Nasce a Bologna nel 1981 come artist's space e a partire dal 1988 assume una struttura più definita, si qualifica poi nel corso degli anni come piattaforma di ricerca e di sperimentazione autonoma in cui interagiscono artisti, critici e curatori sviluppando la capacità di generare un circuito di informazione rivolto al pubblico specializzato ma anche a un pubblico che non fa direttamente riferimento al sistema dell'arte. neon non è strutturata come una galleria d’arte, non ha costituito una scuderia permanente di artisti: a volte è un luogo di passaggio, utile da inserire in curriculum; o meglio di attraversamento, e gli attraversamenti hanno tempi più lunghi, ci si trova bene insieme, si scambiano idee e si costruiscono progetti; in qualche caso, quando la simpatia è più forte, diventa spazio di condivisione. I progetti che vengono sviluppati includono tutte le forme in cui l'arte contemporanea si manifesta, e privilegiano la sperimentazione interdisciplinare: mostre, eventi, incontri, presentazione di libri e di riviste, video, sound art, performance, etc.

Nell'autunno del 2006 a Milano parte il progetto neon>fdv: anche qui neon produce e organizza mostre personali e mostre collettive di artisti italiani e internazionali, con l'obiettivo di favorirne la crescita professionale e di offrire loro la possibilità di sperimentare progetti al di fuori dei condizionamenti posti dal mercato. In venticinque anni di attività neon ha costruito e consolidato il proprio ruolo sulla scena artistica nazionale e internazionale divenendo un importante punto di riferimento per gli artisti, per la critica più attenta e per il collezionismo informato. Anche grazie alla presenza e all’attività promozionale e di sostegno che neon ha saputo sviluppare, numerosi artisti hanno avuto la possibilità di emergere, di fare verifiche sul proprio lavoro, di sperimentare, ma anche di proporsi al mercato e di inserirsi in un sistema complesso e articolato.
Proprio in conseguenza della sua scelta di campo neon è anche un organismo in continua ri-definizione e in costante situazione di precarietà finanziaria.
L'asta - iniziativa di finanziamento che sarà riproposta ogni anno - consente a neon di proseguire e di potenziare le attività, e consente ai collezionisti, agli amici, a tutti coloro che ci seguono di sostenerci in modo trasparente e con reciproco vantaggio; a chi nell'arte vede una forma di investimento offre anche l'opportunità per realizzare buoni affari.

È possibile fare offerte per i singoli lotti, prima dell'asta, contattando telefonicamente il numero 051 5877068 o inviando un'e-mail all'indirizzo neon.asta(at)gmail.com (indicando titolo dell'opera e prezzo offerto).

Sono presenti opere di:
Elisabetta Alazraki, Amae, Alessandra Andrini, Sergia Avveduti, Riccardo Baruzzi, Fabrizio Basso, Marco Belfiore, Dario Bellini, Marco Bernacchia, Davide Bertocchi, Maurizio Bolognini, Anna Valeria Borsari, Stefano Cagol, Angelo Candiano, Beatrice Catanzaro, Vittorio Cavallini, Simone Cesarini, Silvia Cini, Gianluca Codeghini, Elena Cologni, Daniela Comani, Cuoghi Corsello, Emilio Fantin, Marco Fantini, Barbara Fassler, Maurizio Mercuri, Jacopo Miliani, Margherita Moscardini, Sabrina Muzi, Sandrine Nicoletta, Giancarlo Norese, Paolo Parisi, Stefano Pasquini, Alberta Pellacani, Roberta Piccioni, Cesare Pietroiusti, Fabrizio Rivola, Mili Romano, Marco Samoré, Alessandra Tesi, Diego Tonus, Massimo Uberti, Enrico Vezzi, Luca Vitone, Alberto Zanazzo


neon>campobase
info(at)neoncampobase.com
www.neoncampobase.com
+39 051 5877068
skype neoncampobase

January 17, 2009

Public Art a Trieste e dintorni: il catalogo

Stiamo organizzando alcune presentazioni del catalogo di Public Art a Trieste e dintorni, appena pubblicato da Silvana Editoriale.
La prima sarà a Trieste, alla Stazione Rogers, venerdì 30 gennaio 2009, ore 18.30.
La seconda a Milano, a careof, mercoledì 18 marzo 2009, ore 18.

Public Art a Trieste e dintorni è il documento di un’articolata operazione svoltasi nel capoluogo giuliano tra il 2007 e il 2008. Risponde alla volontà di informare su un argomento mobile e sfuggente: l’arte che cresce fuori dai suoi spazi deputati, dal mitico quanto irreale white cube della galleria, dal sistema mercantile esaltato dalle fiere. È l’arte che va incontro alla gente negli spazi pubblici – dove il termine “pubblico” conosce svariate declinazioni – che s’identifica nella quotidianità e nelle problematiche che la vita di ogni giorno comporta. È l’arte che pone alla base la relazione del sé con l’altro e partecipa a un miglioramento sostenibile dell’habitat e della qualità della vita, ponendosi quale piattaforma e legante di ogni attività umana.
“Public Art a Trieste e dintorni” compie questa esplorazione con “Manifesti d’artista”, vetrina d’arte aperta sulla strada, con una mostra documentativa internazionale disposta in tre sedi, con eventi di arte relazionale nel territorio urbano e suburbano, con lo svolgimento di vari workshop e con un convegno internazionale, di cui questo volume offre ampia documentazione.

a cura di Maria Campitelli e Elisa Vladilo
edito da Silvana Editoriale, 2008
formato 23x28 cm, 238 pagg.
100 ill. a colori, ril. brossura con alette
ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN: 9788836613106