December 16, 2011

Announcing lab-Yit, Beijing

lab-Yit, the Italian Contemporary Art Platform in China.

The launching party will be on december 17th 2011 at Zajia Lab, with a screening selection of works produced by Italian artist in Beijing. Participating artists: Girolamo Marri, Chiara Mu, Sabrina Muzi, Giancarlo Norese, Giusy Pirrotta, Alessandro Rolandi, Nadir Valente.
Curator: Cecilia Freschini
Organizer: lab-Yit & ZA.project
Opening: December 17th, Saturday, 2011, from 6:30pm Italian dinner at 7:30, organized by ISA & CRIS (45 rmb)
Duration: December 18th to 28th, 2011
Screening time: December 17th at 6:30pm and 22nd at 8pm (Free admission)
Venue: 杂家 zajia lab // beijing project space Tel: 15601122252 / +10.84049141/ zajialab@126.com
Hong En Daoist Temple (beside Bell Tower food market) Doufuchi Hutong, Dongcheng District, Beijing

开幕式将于 2011年12月17日在杂家lab召开 届时我们将放映七个意大利艺术家在中国拍的录像作品. 参展艺术家:Girolamo Marri, Chiara Mu, Sabrina Muzi, Giancarlo Norese, Giusy Pirrotta, Alessandro Rolandi, Nadir Valente 策 展: Cecilia Freschini 主办: lab-Yit & ZA.project 开幕式时间:2011年12月17日下午18:00点开始 —录像作品特别放映下午18:30 意大利美食晚上19:30开始,主办 ISA&CRIS (收费) 展览日期:2011年12月18日——12月28日 录像作品特别放映:2011年12月17日下午18:30,12月22日20:00开始 (免费入场) 展览地点:杂家 zajia lab // beijing project space 电话: 15601122252 / +10.84049141/ zajialab@126.com 地址:北京市东城区旧鼓楼大街豆腐池胡同(钟楼菜市场旁边)地铁鼓楼站B口出

With the support of / 赞助


November 30, 2011

Urban Play, Beijing

Eyewitness, 2011.
Video loop, advertising, hole.
Installation at the Landgent Center, Beijing

Eyewitness, 2011 (detail)
The Landgent Center is pleased to announce the opening of Urban Play- Site-specific Public Art Exhibition on Nov. 17, 2011.

Featuring installations, videos, performances, dance, as well as sound art by fourteen artists from China and abroad, “Urban Play” attempts to challenge the stereotypes of public art and to reflect on the diversity and dynamics of contemporary art beyond the institutional framework.

“I would like to think of the exhibition as a small-scale, alternative approach designed to investigate and discuss the urban reality in which we live.” says the curator Tang Zehui. Over the past three months, artists have been working on-site in the Landgent Center—a complex including office buildings, a shopping mall, subway station and plaza—investigating its cultural and social, as well as physical, conditions from each of their own perspectives.

“In this exhibition art does not come down to the street, but rather is growing from there. The works are initiated by the artists but they interact, interweave and grow together with existing lifestyles and social textures in the area, rather than imposing upon them.”

“Urban Play” is of free admission, on view through Dec. 25.


Participating artists 参展艺术家名单:
Tiffany Hambley (澳大利亚)
连国栋+雷琰+刘正+Amy Grubb-Han (英国)
刘勃麟
Giancarlo Norese(意大利)
唐克扬
Andrew Toland (澳大利亚)
王功新
王轶琼
辛云鹏
颜峻
Gerlind Zeilner (奥地利)


Strong Electricity Room, 2011.
Modified door
“都市戏剧——情境特定公共艺术展” 11月17日在乐成中心拉开序幕。这是当代艺术在城市 公共空间的一次创新实践,也是以艺术的方式对我们生活其中的都市现实所作的一次有针 对性探讨。

据策展人唐泽慧介绍,本次展览参展的十一个艺术家和艺术团体来自中国、英国、奥地 利、意大利和澳大利亚五个国家,在长达三个月的时间里,他们对乐成中心这个包括写字楼、 商业中心、广场和地铁站在内的都市综合体深入考察,并在此基础上为它量身定制十一件艺 术品,如同社会学家做田野调查一样,十一个艺术家和艺术团体从各自的背景和视角出发, 对作为都市典型环境的乐成中心的空间特征、社会情境和文化形态进行考察,考察的结果以 艺术的方式呈现出来,涵盖建筑装置、雕塑、影像、舞蹈、行为、声音艺术等各种艺术形态。 “这些艺术作品不是以一种居高临下的姿态降临这里,而是从这里生长出来,与这里固有 的生活形态和社会肌理相互交织、缠绕,共同生长,而不是单方面的介入。”

Strong Electricity Room, 2011.
Modified door, locksmith

November 20, 2011

那地方背后的地方, Beijing


那地方背后的地方…
茜茜 [CF] 和 李山 [AR] 与 Giancarlo Norese [GN] 的对话


CF:在最开始,我认为北京会变成最适合你工作的地方。。。现在你已经回意大利一段时间了,也许是困惑,很明显这个地方唤起了,已经定居,澄清并恢复了平衡,在中国的这段经历里很混乱;你怎么感觉的?你还记得什么?
GN:在意大利我感觉更困惑,我不明白这个游戏的规则。
在北京我感觉,遵守规则,很糟糕,莫不关心,非常好。在日常生活中很自由,就像70年代在意大利,但是有手机。这是一个年轻的资本主义国家,你想做什么就做什么,如果他们允许你并且你忘记你过去是个毛主义者,你就一直是个毛主义者。。。我珍惜那些友好和有诚意的在人际关系上的回忆,有点嗓子疼,急切的再见到我的新朋友。
CF:第一个现场作品,如果我没错,是“我喜欢殖民主义”。你感觉到殖民主义了吗?你呼吸着什么样的空气,你是如何看待西方国家与当地现实之间的对抗的?很明显,国外人在这里居住在不同的水平。我们的生活在同一个轨道上,即使碰撞到一起了,仍然是不同的。(中国永远不会西化而是现代化,这是两件不同的事。)在这多层次的日常生活现实中,让你想起了一种殖民地的情况,但哪部分是明显的现在还不清楚。
GN:最初“我喜欢殖民主义”是一个小的个人防御墙,会感到很舒服,但是,这一条款涉及到,特别是我每日“土地景观”的练习,被遗弃的物体的图片在公共领域被称为“概念雕塑”;殖民主义在事件上,不是在人上, 他用拍照来解释这些无名的美丽,通过偶然的或者必然的机会.


CF:看着这些摄影作品时Alessandro Rolandi说:“。。。现在你拿走了所有的照片,开始想想为什么我们这么多人在这里的几年就变了”,对“任何事情”上瘾。这些图象描绘着普通中国人的荒诞生活。。。他们对你意味着什么?
GN:他们代表着贫穷美、失蘅、脆弱和重要的,我感觉在未来他们可以保护我们。
CF:你呢,Alessandro  是什么让你着迷?
AR:我已经上瘾,在北京,不断变换的感觉围绕着我们,观察一个民族和人类文明毫无计划的发展,是不合逻辑的但很重要途径。人际关系的质量和经验,是和其他中国艺术家另外一个上瘾的因素。到目前为止我们一直热情的工作,有时是自发的,有时很有计划计划性,但我们从未停止“做事”。你不觉得消极的,就像在欧洲。困难是一个灵感或者其他什么的机会。动态性卓越,迄今为止是人类关系的种类和质量。有时候似乎生活在一个国家的各类和所有部门的实验室里实验。也有非常消极的方面,但是他们可以迅速改变,以及积极的事情突然可以改变。但是有趣的是知道Giancarlo对于这个情况是如何感觉的,在最开始是很疏远的,但一会儿全都是想法,对吗?
GN:恩,中国似乎是有规则的例外。一直以来,它生产一切,但是什么都不扔,甚至那些坏掉的不能工作的。永远持续的能量和空间是无限的。这里没有环保意识和对建筑的历史遗产价值的尊重,但只有直接的成本和利益。这种超级礼物时间(“大的礼物“根据路易吉黑人),吸收过去和未来,使人生每一天活的都有意义,但是它会导致委托给其他人的长期策略的责任。但或许相反的才是真实的,这决定了未来都是充满了礼物。


CF:对我来说,吸引来自真实的生活,在一种缺乏真正比赛的环境下,所有的东西看起来像安装了一种专用设备,像一个表演行为。。。这看起来像生活在一个以当代艺术为主题的运动场,一切就是一切,而且边界是光滑的和微妙的。。。然后发现一切都是朴素的果实和真正的吸引我们,因为一方面我们是极距危险的失去了。这是一种方法,因为幼稚和不合逻辑而令人烦恼,但基本上可以保持浪漫的心情。。。
AR:是的,我也非常喜欢看到中国的不安全介入到生活和工作的每一天,在他们做事中有很多诗歌,同时有很多假话与不公正,但是它看起来就像人民的眼睛,有着希望和热情。我认为这感觉有点“非理性和浪漫”,有时一般不真实但是在有形的视觉生活关系中,在街道上,在某些方面与意大利的伟大电影人制作的战后时期非常相似。这个“怀旧”,在我看来,Giancarlo想幽默的描述当他说“殖民主义万岁”,我们自发的想念,甚至这意味着他们工作努力很少或者根本没有,至少看起来是再试一次,我们再也不做了。
CF:这是无限的想法,想法是要保持在一个不变的不确定的入口。。。我们生活在这里,从我们生活在这里推算,从任何环境下放置在众多的参差不齐的现实里,,一个阴谋在社会文化政治里极端的融合在一起并交叉着。。。
CF:就像公共空间的关系。。。在这里发现了它精确的价值和一种我们失去的社会归属感。。。
AR:总之你有这样的印象,公共空间仍然存在,还没有人在一个社区方式这样工作但只有在功能的方式下。
GN:那正是我的意思,当我谈到公共领域:你必须在外面生活,而不是在家里,这让我想起了极端的私有化的公共空间,发生在我们身上的是,我们甚至卖全世界的公共服务,水,无线电频率。。。
CF:中国看起来被一个未完成的想法灌输了。在任何的探索领域中,你会发现你自己被一种不稳定的感觉所包围着,这是固有的中国文化,但在语言本身不能给予确实的,但总是接近。。。一切事情都是从紧张到一个永远没有短暂的时间点,而不是一个稳定的目的却保存超时。一切似乎注定要蒸发,但是这个符号足够强大不需要再被装饰了。
AR:我同意,中国在直接的冲击你,尽管它看起来不像。意想不到的事情总是在拐角处,在表面单调的背后。碰巧,一千个小问题在捆饶着你,你感觉失落,但是后来它们又尽快的解决掉。我在谈论水龙头漏水,网络不能用,甚至没有暖气,我说的对吗Giancarlo?
GN:是的。。。我的第一个开放性工作室,搬来两天之后,我用这些没法用的设备包括我的空间,具有相同的磁带,我修好了一切从调制解调器到电源插头,甚至是一个幻灯片,雕塑让黑夜在匆忙中,为了把从破裂的锅炉管里的水清出。。。


AR:我想用道德经里面的一句著名的话来引述:“大的想象没有形式”。也许是因为一切都是“质量”的时刻。。。不要沉迷太多,我想到了过去的观念,通过建造寺庙的技巧,但不必保留这古老的寺庙。超越了推测,无意义的发生,很明显一切都是短暂的。这种务实的态度与哲学在同一时刻,我们可以生活的很好因为唯物主义是帮凶,从为寻求庇护的能力下降,从头开始还不确定。这两种相反的在一起是典型的中式:他使我们着迷因为他逃避我们;我们希望在这里的时间可以教会你们。一个流行的谚语,“旧的不去,新的不来。”
CF:你的作品跟随着这种简约的光线和极简派艺术。有极大的对比在古代的瞬息即失的复杂的文化和在中国当代艺术画廊里什么被提出,并不是一个真正的当地艺术风格,但是,实际上,一个是流行并商业上成功。你的作品是如何放置在这样的背景下的?已经注意到了吗?
GN:有时候我说,我试着“一个没有形式的艺术的形式”。。。作为道士我不知道。
AR:我认为Giancarlo的作品是被诗学和短暂的感觉所驱使,但这增加了一些意大利的幽默元素。也许这和你在画廊里看到的不一致,但是我想这比那些看起来精神的人更接近了,甚至那些最普通的人们,像那些员工在超市里隐藏的摄像头旁边吃午饭,也许他们其中的一个偷了屏幕,但他们还是感谢这些安装。。。基本上这就是中国。
CF:你从当地的艺术感觉中明白了什么?
AR:你认为意大利艺术家和西方艺术家应该离开这里吗?
CF:我仍然想象你“闲逛”在北京在寻找意义。。。。你找到什么了?你能描绘这样的现实或者投入许多一成不变的问题吗?我承认,这些年来我一直在努力的理解它,给他定义。我理解,但它沉浸在矛盾中。。。
AR:但是我想问你,在中国的经验之后你怎么看意大利,甚至让你考虑西方国家。。。。
CF:你什么时候回来?
AR:是的,你什么时候回去?
GN:这么多问题!你问了太多问题。很快会再见。


[Giancarlo Norese art residency in Beijing Sept.-Nov. 2011]

November 18, 2011

Intersection, Beijing

It's my job, 2011. Business cards from
the people I met in Beijing, broom
Intersection
2011 FeiJiaCun International Art Exchange Exhibition
Opening Reception: Sunday, Nov. 20. 3pm
Add: Nova Art Coordinates, Feijiacun Shangri-la Art Community,
LaiGuangYing DongLu, Chaoyang District

Tel: 010-8470 1770

Red Gate Residency and The Nova Art Space have the pleasure to announce the opening of Intersection - 2011 FeiJiaCun International Art Exchange Exhibition. The exhibition is located at the Nova Art Space, in FeiJiaCun, and will be on view November 20-24, 2011.
Intersection will present artwork from 16 artists; eight international artists from the Red Gate Residency Program juxtaposed with eight Chinese artists who are living and working in the FeiJiaCun Art Village.
Opening Reception, Sunday November 20, 3pm.

Participating artists: 

Anne Zwiener (Austria), Giancarlo Norese (Italy), Andreas Zingerle (Austria), Linda Kronman (Finland), Nikki Schiro (USA), James Whitington (Australia), Kate Downie (UK), Anne Graham (Australia) A Hai, Chang Xugong, Cui Guotai, Huang Yin, Liu Yan, Li Xinhui, Tong Zhengang, Xia Funing.

Curated by Li Xinhui and Nikki Schiro  

November 10, 2011

Metti una sera a pranzo, Beijing

Chiralità, parte seconda
19 novembre - 12 dicembre 2011

La chiralità è un paradosso: un'immagine speculare non sovrapponibile a se stessa. Articola e problematizza dunque l’immagine, anzi l’archetipo dello “Specchio”, cioè del doppio, del riflesso, del guardato che guarda. Chiralità è un’esperienza di scambio e di negoziazione dei saperi che ha preso avvio lo scorso ottobre a partire da un’installazione di Oppy De Bernardo realizzata presso i Sotterranei dell’Arte a Monte Carasso, Bellinzona (CH). Un gruppo di lavoro composto da quattro artisti (Ermanno Cristini, Barbara Fässler, Marzia Rossi e Lidia Sanvito), un filosofo (Simone Frangi), un critico d’arte (Alessandro Castiglioni), si è misurato con le distorsioni spazio-temporali proposte dal lavoro di Oppy De Bernardo.
Assumendo questa questione dello sfasamento di spazio e tempo come nucleare e seminale, gli invitati hanno sviluppato un processo di lavoro autonomo e imprevisto, che ha generato una piattaforma aperta di confronto mettendo in campo la diversità delle competenze e dei punti di vista. Il risultato di questo workshop e l’ulteriore sviluppo dei contributi sono ora esposti nello spazio di riss(e), come secondo momento dialogante, tappa di un percorso che troverà a dicembre un terzo momento di evoluzione all’interno di un appuntamento di Roaming al Teatro Margherita di Bari.

In occasione di Chiralità, parte seconda sabato 19 novembre sono previsti due ulteriori contributi che percorrono il tema dello sfasamento spazio-temporale:

Jia You Guang, Gao Yuan and Michael Eddy
at Za Jia, Beijing
Metti una sera a pranzo, di Giancarlo Norese: alle 19 ora di Pechino, alle 12 ora italiana.
Giancarlo Norese a Pechino invita a cena, nello spazio di Za Jia, Alessandro Rolandi, Cecilia Freschini, Jia You Guang, Gao Yuan, Michael Eddy, Julie Peters, Ambra Corinti e altri.
Ermanno Cristini invita a pranzo nello spazio di Riss(e) Oppy De Bernardo, Luca Scarabelli, Alessandro Castiglioni, Lidia Sanvito e altri. In collegamento skype una chiacchierata sul futuro in tempi e spazi diversi ma uguali.

Io sono preciso anche se gli altri non lo sanno, di Cesare Biratoni.
Per tutta la giornata del 19 novembre Cesare Biratoni invierà da Barcellona una serie di immagini scattate con il cellulare, collegate direttamente ai suoi ricordi d’infanzia. Il tempi dell’invio seguiranno i tempi di una camminata, di una “deambulazione”. Il contrasto tra l’utilizzo della tecnologia per trasmettere in tempo reale le immagini e l’impossibilità di comunicare l’esperienza del passato serviranno a creare uno scarto in grado di mettere in discussione l’efficacia dell’immagine stessa.

November 7, 2011

Passaggi, Brescia

Barbarisms (Bar del Circolo, Bavantorino),
2010. Snapshot from a mobile device
Passaggi. L’arte contemporanea nell’università
Mostra organizzata nell’ambito del corso di laurea in Scienze e tecnologie delle arti e dello spettacolo, Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Brescia

Paolo Baraldi, Cristina Crippa, Marco La Rosa, Elisa Leonini, Francesca Longhini, Sabrina Mezzaqui, Giancarlo Norese, Giorgio Presti, Mariateresa Sartori.

Il linguaggio dell’arte contemporanea appare spesso ermetico, difficile e lontano dalla vita quotidiana, annidato nella pretesa di rispondere a domande universali, come “che cos’è l’arte contemporanea?”
Nessuna mostra (e nessun critico) può fornire una risposta esaustiva, ma una possibile interpretazione di questo quesito può essere suggerita considerando l’arte come un “modo di vedere” la realtà. La mostra intende sottolineare che l’arte contemporanea non è lontana dalla quotidianità di ognuno, anzi: è la realtà stessa guardata con occhi diversi.
A tale scopo le opere proposte, allestite nei luoghi più frequentati dagli studenti come l’atrio, la biblioteca, l’aula bunker, il bar etc., sono scelte in quanto letture “alternative” degli spazi considerati. Come ogni forma comunicativa, anche l’arte contemporanea è articolata in diversi livelli di lettura, e ciò garantisce la possibilità di creare un dialogo con un pubblico ampio. In questa occasione, infatti, si intende coinvolgere tutti gli studenti, non soltanto quelli che siano già interessati o che già si occupino di arte contemporanea.
La pervasività dell’arte è esemplificata dalla scelta di opere che hanno caratteristiche molto differenti: video, fotografia, pittura, installazione, affinché il coinvolgimento sia poli-mediale e poli-sensoriale. La volontà, inoltre, è di accostare artisti già pienamente affermati e giovani outsider.

Sede: vari spazi della sede di via Trieste 17 e di via Aleardi 12 dell’Università Cattolica, Brescia
Organizzazione: Carla Bino, Tino Bino, Paolo Bolpagni
Coordinamento: Paolo Bolpagni
Curatela: Paolo Bolpagni, Federica Boràgina, Mariacristina Maccarinelli, Kevin McManus
Inaugurazione: mercoledì 30 novembre, ore 11 
Periodo: mercoledì 30 novembre - sabato 17 dicembre
Orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18, il sabato dalle 9 alle 12
Conferenza-stampa: martedì 29 novembre, ore 12

October 27, 2011

The Celebration of the Living 2, Venezia/Lecce

The Patience Sanctuary in San Cesario di Lecce

MICROCLIMA and LU CAFAUSU present
The “Celebration of the living (who reflect upon death)”, 2011 (second edition)
A sculpture workshop, a trip, a conference, a celebration.

Between October 30th and November 3rd the second edition of the “Celebration of the living (who reflect upon death)”. This edition will be articulated in the form of a complex workshop which will take place in the Serra dei Giardini in Venice, in San Cesario di Lecce, and on the bus between the two places. The celebration is a project by Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Cesare Pietroiusti and Luigi Presicce.

The steps of the workshop are the following:

VENICE
Oct 30 and 31, sculpture workshop at the Serra dei Giardini: all the participants, individually or in small groups, will reproduce Polipo (Octopus) a sculpture made by Ezechiele Leandro taken from the sculpture garden “Santuario della pazienza” (Patience Sanctuary). Once the sculptures are made, the participants will discuss and decide their further destiny.

During the workshop several events will take place, that are open to the public, among which:

Oct 30, 2011, 5 pm Monologues interpreted by Jacopo De Santis. Texts by Brocchi, Gaber, Laforgue, Maupassant, Pirandello, Zola.

Oct 31, 2011, 5 pm Gabriele Mina, anthropologist, editor of the book Costruttori di Babele. Sulle tracce di architetture fantastiche e universi irregolari in Italia, Elèuthera 2011, will present his research on artistic sites in Italy created by outsider artists. Microclima - Serra dei Giardini, Viale Giuseppe Garibaldi, 1254, 30122 Venezia - Castello
info(at)microclima-venezia.com
www.microclima-venezia.com

Nov 1 (only for the participants to the workshop) – bus trip from Venice to San Cesario di Lecce (approximately 12 hours); on the bus a conference with interventions by the participants on the themes related to the celebration will take place.

SAN CESARIO DI LECCE
Nov 2 – public celebration of the “Festa dei Vivi (che riflettono sulla morte)” and possible installation of the sculptures. Morning: Visit to Lu Cafausu and to the Santuario della Pazienza.
From 8.30 to 11.30 pm, in the Laboratorio di Arte e Architettura “Archiviazioni”, in Lecce, via Enzo Ferrari, contrada Pisello, Night party and cafausic happening with music from an almost forgotten Italian repertoire, curated by Oh Petroleum and Luca F.

Last year, on November 2, 2010, AND AND AND* has invited Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese and Cesare Pietroiusti and Luigi Presicce and they have proposed to turn the November 2 traditional celebration of the Dead ones, into a new holiday: “La Festa dei Vivi (che riflettono sulla morte)”, “The Celebration of the Living (who reflect upon death)”.

For this celebration, the artists invited everyone to be part of a pilgrimage, probably the shortest and slowest in the world, having as a departure point and as its destination, Lu Cafausu in San Cesario di Lecce. The celebration and the pilgrimage wanted to represent a reflection upon death as transformation, threshold, mystery, but also as a necessary perspective of meaning.
The pilgrimage was also the occasion for a visit to the “Sanctuary of Patience” and an homage to the figure of Ezechiele Leandro.

Lu Cafausu is a mysterious small building, an architectural remnant that the artists have elected as a source of metaphors and narratives. It is “an imaginary place that really exists” around which the presence of death is floating. Any day, the small building can in fact be demolished to accommodate more parking space for cars, or can also fall apart due to its precariousness. It could also be turned and frozen into a monument.
Because of this feeling of the presence of death, Lu Cafausu is an ideal place for a new celebration, “La Festa dei Vivi”, who, in order to give sense to life, reflect upon death; their own, first and foremost. www.lucafausu.tk

The Santuario della Pazienza by Ezechiele Leandro (1905-1981) is an extraordinary example of mystical garden, a forest of statues, a temple or a cemetery, an almost unrepresentable site of the artistic power and expression of a self-taught dilettante artist, a singularity completely out of the grids and schemes that define and separate high and low culture. 


* ANDANDAND is an artist run initiative, which is using the time between now and dOCUMENTA (13) in 2012 to consider with individuals and groups across the world the role art and culture can play today and the constituent publics or communities which could be addressed.

October 20, 2011

Click or Clash?, Milano

From The Celebration of the Living, first edition
Click or Clash? Strategies of Collaboration. First stage. Via Lewandowsky, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce

Click or Clash? Strategies of Collaboration, is a long-term project curated by Julia Draganovic and LaRete Art Project, promoted by Galleria Bianconi. The first show will open at Galleria Bianconi (via Lecco, 20 Milano) on October 20th at 6pm with the contribution of Via Lewandowsky, Cesare Pietroiusti and Luigi Presicce.

Collaborative practices are at the heart not only of reflections on post 9/11 society, but also, consequently, of a great number of artistic researches. Meanwhile in the beginning the goal of these strategies seemed to be the creation of a consensus, nowadays voices like Markus Miessen’s that stress the “violence” and even the “nightmare” of participation have become louder and louder. “Collaboration” as the answer to situations of conflict has revealed itself a highly controversial proposal: collaboration could be understood as crossing or even opening the borders to let the enemy in and betray your peers by neglecting their rights. As an alternative, Chantal Mouffe conceived the term of agonism for a friendly confrontation between adversaries, demanding an arena that allows for conflicts to emerge and that gives an opportunity for a constructive expression of disagreement. Do we click or do we clash? is not a simple question. But both results of the comparison between different positions, whether disputable or harmonious, should create a surplus of knowledge and should permit new prospective.

“Click or Clash. Strategies of Collaboration” wants to take up these reflections inviting artists to confront their artistic position regarding certain issues with fellow artists from another country, cultural background or working field. Starting in October 2011 Galleria Bianconi will invite three artists for every exhibition, to show their works in the exhibition space on the ground floor and the basement of Galleria Bianconi, in Milan. Every show will open a debate around a different field of arguments – in a visual and a verbal way, as each show will be accompanied by a panel discussion about the themes the invited artists display.

In the first stage of Click or Clash?, the first click is between Pietroiusti and Presicce. Their installation, which will be for the first time exhibited at Galleria Bianconi, is the result of a larger collaboration, born as part of AND AND AND, an artist run initiative, curated by Ayreen Anastas and Rene Gabri, which is using the time between now and dOCUMENTA (13) in 2012 to consider with individuals and groups across the world the role that art and culture can play today. Last year, on November 2, 2010 the artists’ group formed by Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese and Cesare Pietroiusti with Luigi Presicce, in order to answer to the invitation, proposed to turn the November 2 traditional celebration of the Dead ones, into a new holiday “La festa dei vivi (che riflettono sulla morte)” (The Celebration of the Living who reflect upon death). The artists invited everyone to be part of a pilgrimage, probably the shortest and slowest in the world, started from Lu Cafausu in San Cesario di Lecce.

Beside this, the exhibition will present the still hidden “clicks or clashs” that involve Via Lewandowsky, the third actor of this first episode of Click or Clash. German born, Lewandowsky, who is currently artist in residence at Villa Massimo in Rome, often works on the fine line dividing public and private, using a variety of media like sculpture, installation and language.


Photo: Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce. "La festa dei vivi (che riflettono sulla morte)" (The Celebration of the Living, who reflect upon death), first edition, San Cesario di Lecce, 2 November 2010. Inside the project "AND AND AND" curated by Ayreen Anastas and Rene Gabri, for dOCUMENTA(13). Photo Luigi Negro

20 October 2011 - 7 January 2012
Click or Clash? Strategies of Collaboration. First stage. Via Lewandowsky, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce
curated by Julia Draganovic
opening 20 October, 6-9 pm

monday - saturday
10 am - 1 pm / 2 - 7 pm
Galleria Bianconi, Milano

September 10, 2011

Ufficio di revisione antropica (indagine sul Premio Suzzara)

Dove finisce il destino?, Roma

DOVE FINISCE IL DESTINO?
A-logicità dell’esistenza

a cura di Elena Abbiatici e Valentina G. Levy

10 settembre 2011 - ore 19.30
Teatro Valle, Roma

“Il tessuto del mondo è un intreccio di casualità e necessità.
Tra questi due estremi sta la ragione dell’uomo”
Johann Wolfgang von Goethe

Può il Destino essere considerato in termini spaziali? Non potrebbe forse trattarsi di una sorta di non-luogo, a metà tra il punto esatto in cui la legge della causalità rivela i suoi effetti e le infinite vie del possibile si aprono verso il futuro, spingendosi verso nuovi e solo in minima parte prevedibili accadimenti?
Da una rilettura di Ragione ed Esistenza di Karl Jaspers è iniziata una riflessione sul rapporto tra il razionale e quello che supera le capacità interpretative dell'intelletto, l'esistenza - se vogliamo - nella sua interezza, in cui l'elemento aleatorio, il non-premeditato, l'incalcolabile giocano un ruolo essenziale.
La filosofia moderna (da David Hume a Bertrand Russell, senza escludere i contemporanei – Gilles Deleuze ad esempio) tende a considerare l'esistenza umana come un susseguirsi logico di azioni i cui effetti, intersecandosi su livelli diversi, innescano altri eventi, che a loro volta saranno causa di nuove conseguenze. Nonostante ciò, permane radicata nelle coscienze l'idea di un potere occulto - sia esso il Fato o l’establishment della politica internazionale - che agisce in maniera coercitiva e imprevedibile, condizionando la vita degli uomini, come nei classici della tragedia greca.
L’occupazione del Teatro Valle diventa un’occasione per approfondire il dibattito. Per una sera, l’attenzione si sposta da problematiche di natura politica, tristemente diffuse in Italia, inerenti alla gestione economica della cultura, verso un ripensamento della condizione “tragica” dell’uomo contemporaneo, diviso tra forze contrastanti e spesso incomprensibili che lo sovrastano destabilizzandolo.
Il destino e il libero arbitrio, il caso e la calcolabilità, l’inerzia del singolo individuo e le strategie politiche dei governanti: questi i temi che ricorrono nello spazio-tempo scenico del Teatro Valle occupato, in una meta-rappresentazione del reale, finzione nella finzione, che non intende lanciare moniti, ma solo ri-lanciare questioni.



PROGRAMMA DELLA SERATA

Lettura di STEPHANE MALLARME, Un coup de dés n'abolira jamais le Hasard

ELENA BELLANTONI
«Spielplatz», Video, 2011

GIOVANNI OZZOLA
Superficiale «Under my skin», Video, 2009

ZIMMERFREI
«Panorama_Roma», Video, 2004

REYNOLD REYNOLDS
«Six Apartments», Doppia videoproiezione, 2007

DAN WALWIN
«The overlooking eye», Video, 2010

ALICE SCHIVARDI
«The dreamcatcher», Doppia videoproiezione, 2010

VITTORIO SANTORO
«Visionaries et voyeurs I», Video, 2007

OVIDIU HULUBEI
«Troika», Video, 2010

FRANCIS ALŸS
«Sometimes making something leads to nothing»
Video-performance a Mexico City, 1997

EMILIO FANTIN
LUIGI NEGRO
GIANCARLO NORESE
CESARE PIETROIUSTI
LUIGI PRESICCE
«La festa dei vivi (che riflettono sulla morte)»
Video-performance, 2010-2011

JESSICA IAPINO
«Play peace», Performance live, 2011

IZUMI CHIARALUCE
«Lou», video-animazione, 2010

September 9, 2011

Ufficio di Revisione Antropica, Suzzara

Umberto Cavenago e Giancarlo Norese,
Ufficio di Revisione Antropica (Premio Suzzara)

47º Premio Suzzara, 2011

August 4, 2011

Casamatta, Suzzara

Casamatta
47ª Edizione Premio Suzzara

Umberto Cavenago e Giancarlo Norese, Mme Duplok, Giovanni Morbin, Andrea Nacciarriti.
A cura di Emma Zanella e Alessandro Castiglioni

dal 18 settembre al 23 ottobre 2011

La 47ª edizione del Premio Suzzara è un avamposto, un laboratorio aperto che ridefinisce la struttura stessa dello storico premio suzzarese. Come la Casamatta, un edificio che appare come un’abitazione ma ha ben altra funzione, così il Premio diventa un dispositivo nuovo, agito nella città, negli spazi pubblici di Suzzara con l’intento di generare una nuova relazione tra premio, museo e territorio. Una relazione fatta di attenzione, arricchimento reciproco e che vede nell’esperienza dell’arte un momento di riflessione e azione sul presente.
Da domenica 18 settembre a domenica 23 ottobre il Premio si svilupperà in diverse sedi della città e avrà come centro il museo che per l’occasione sarà trasformato in una sorta di laboratorio dove poter prendere parte ai processi messi in campo dagli artisti e osservare lo sviluppo delle diverse opere.

Gli artisti selezionati, vincitori del Premio, sono Umberto Cavenago e Giancarlo Norese, Mme Duplok, Giovanni Morbin e Andrea Nacciarriti, ai quali è stato chiesto un intervento artistico che si sviluppi in una dimensione relazionale e pubblica da inserire in alcuni punti critici, sia sotto il profilo culturale, che sotto il profilo urbanistico, del territorio di riferimento.
In museo inoltre, in parallelo ad un riallestimento della collezione storica, sarà possibile visitare un percorso che approfondisce la ricerca di ciascun artista invitato.

In merito al progetto i curatori Emma Zanella e Alessandro Castiglioni scrivono “La premessa a questa edizione del premio Suzzara è quella di riconsiderare e ridefinire l’identità del premio stesso e le sue le relazioni, sociali e culturali, con città e museo.
Questo processo di rinnovamento affonda le proprie radici su un principio di continuità con la tradizione e gli obiettivi originari che hanno portato alla nascita del premio. Questi possono essere sintetizzati in una forte relazione con il territorio, il tessuto cittadino e sociale, l’impegno verso una cultura civica attenta e attiva.
Gli artisti invitati sono stati dunque stati scelti in relazione alla capacità di progettare dispositivi, sistemi relazionali che attivino un differente dialogo tra i luoghi della quotidianità suzzarese e la più profonda identità degli stessi. In questa prospettiva l’opera d’arte diventa uno strumento di riflessione e consapevolezza sul presente, non uno statico oggetto estetico, bensì un insieme di azioni, pratiche, discussioni costruite attorno all’ipotesi di una possibile interpretazione del reale”.

L’edizione verrà inaugurata domenica 18 settembre e rimarrà visibile al pubblico sino al 23 ottobre 2011. Eventi collaterali animeranno e arricchiranno tutto il periodo espositivo.

Galleria del Premio Suzzara
Suzzara (Mantova), via Don Bosco 2a
www.premiosuzzara.it

info: Metamusa, info(at)metamusa(dot)it

August 3, 2011

a>Monte / programma di comunanza e residenza per artisti

La città di Montescaglioso, comune della provincia di Matera, già sede di Oreste (organizzazione culturale e residenza d’artista presentata alla 48ª Biennale di Venezia, attiva dal 1997 al 2002, attraverso incontri periodici di artisti, critici e intellettuali in alcune località italiane tra cui Montescaglioso e Matera) e dei progetti G.A.R.Ba - Giovani Artisti Residenti Basilicata, (attuati dal 2003 al 2006), è stata scelta simbolicamente come luogo del progetto a>Monte, un programma di ospitalità per artisti in un clima di stretta comunanza con la popolazione e il territorio.

Il progetto, ideato e sviluppato dall’artista Ferdinando Mazzitelli in un ambito di design sociale o progettazione artistica che supera il manufatto per arrivare all’ideazione di realtà pensate per l’individuo, si pone come piattaforma di sviluppo di relazioni artistiche e scambi d’esperienze, uno strumento che poco a poco crea incontri e istituisce comunità attraverso un articolato programma comprendente: performance, proiezioni, laboratori, feste aperte a un pubblico eterogeneo, per creare uno spazio attivo d’incontro, scambio e discussione attraverso interventi di artisti e teorici.

Il progetto a>Monte, sostenuto dalla Fondazione SoutHeritage per l’arte contemporanea e dal CEA - Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso, presenta dal 22 al 28 agosto presso il Convento SS. Concezione e nello splendido scenario dell’Abbazia di S. Michele in Montescaglioso, una serie di eventi all’insegna della molteplicità e dell’incontro, della condivisione collettiva e dell’improvvisazione ma anche mostre come:

Caro Oreste, a cura di Francesco Sollazzo, con la collaborazione di Vincenzo Santarcangelo e i contributi di: Natascia Abbattista, Artway of Thinking, Caroline Bachmann, Pino Boresta, Albert Braun, Rita Canarezza, Franco Caputo, Dario Carmentano, Gea Casolaro, Elena Cologni, Pier Paolo Coro, Cristina dal Zio, Federico Del Prete, Paola Di Bello, Emilio Fantin, Barbara Fässler, Anna Finetti, Regina Frank, Matteo Fraterno, Alessandra Galbiati, Cecilia Galiena, Francesco Galluzzi, Generator, Coco Gordon, Mario Gorni, Meri Gorni, Alfredo Granata, Sophie Hope, Francesco Impellizzeri, Rocco Lomonaco, Heidi Lunabba, Colin Martin, Antonella Mazzoni, Pino Modica, Diego Mometti, Domenico Nardone e Laura Palmieri, Giancarlo Norese, Vito Pace, Cesare Pietroiusti, Alessandra Pioselli, Roberto Quarta, Anteo Radovan, Angelo Ricciardi, Michele Robecchi, Paola Sabatti Bassini, Stefano Santoro, Josephine Sassu, Elisabetta Sonnino, Federico Tanzi Mira, Nello Teodori, Adriana Torregrossa, Giovanna Trento, Elisa Vladilo.

Trip Art inna Castle, progetti e opere di Elena Arzuffi, Fabrizio Basso, Raffaello Becucci, Stefano Boccalini, Mauro Bubbico, Rita Canarezza, Annalisa Cattani, Umberto Cavenago, Marco Cianciotta, Silvia Cini, Pier Paolo Coro, Vito Dichio, Bruno Di Lecce, Giulia Di Lenarda, Simonetta Fadda, Andrea Ferri, Matteo Fraterno, Giorgio Ganzerli, Candy Grizzly, Sebastiano Laselva, Francesco Lomonaco, Rocco Lomonaco, Amedeo Martegani, Maurizio Mercuri, OinO: Paola Sabatti Bassini e Piero Almeoni, Pierfabrizio Paradiso, Claudio Parrini, Raffaele Petrozza, Sergio Racanati, Angelo Sarleti, Marco Vaglieri, Elisa Vladilo, Wurmkos;

Cosa hai detto?, serie di discussioni pubbliche coordinate da Ferdinando Mazzitelli con la partecipazione di: Matteo Lucchetti, Mauro Bubbico, Roberto Martino, Franco Caputo, Angelo Bianco, e presentazione del progetto di residenza dell’artista Francesca Speranza;

The art of cooking, cene bio a cura di Dora Brio / Società Agricola Brio-Mazziotta e Gipso Avena + Marilisa Colamonico / Red Fox Club - listening: Sergio Racanati;

Qui, serie di conversazioni e incontri con giovani artisti e creativi del territorio: Vito Dichio, Francesco Lomonaco, Monica Palumbo, Rocco Lomonaco, Pierfabrizio Paradiso, Bruno Di Lecce, Francesca Zito.


a>Monte / programma di comunanza e residenza per artisti
a cura di Ferdinando Mazzitelli

Luoghi
Ex Convento S.S. Concezione + Abbazia S. Michele,
Piazza del Popolo, Montescaglioso
Date
22-28 agosto, ingresso libero
Orari
dalle ore 19
Info
T.F. +39 0835 240348
press(AT)southeritage(DOT)org
www.amonte.southeritage.org

immagine:
Francesca Speranza

June 24, 2011

Mes amis, Milano

Mes amis, les peintres philosophes
Collezione d’artista

Dal 23 giugno fino al 2 luglio 2011, su appuntamento

Joseph Beuys, Alighiero Boetti, Giuseppe Chiari, Claudio Cintoli, Gianluca Cosci, Dadamaino, Pierluigi Freisa, Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Yves Klein, Richard Long, Urs Luthi, René Magritte, Fabio Mauri, Nino Migliori, Giancarlo Norese, Marcello Pecchioli, Chiara Pergola, Carol Rama, Mimmo Rotella, Lucio Saffaro, Emilio Tadini, Tato, Franco Vaccari, Ben Vautier, Luigi Veronesi.

Lavori di piccolo formato, disegni e alcuni multipli compongono questa collezione d’artista (anonimo), costruita negli anni, ove opere acquistate si sommano ad opere donate, o ricevute in «baratto», di artisti famosi o neno noti, che hanno operato complessivamente dagli inizi del XX secolo ad oggi. Il titolo della mostra riprende un’espressione di Charle Baudelaire, che in una lettera (datata lunedì 23 dicembre 1861, e in seguito pubblicata in Correspondance, ed. La Pléïade) scriveva tra l’altro: «Je prépare un gros travail qui s’appellera Les Peintres philosophes, Les Peintres qui pensent, ou quelque chose d’approchant». Tale definizione è un poco il filo rosso che unisce questi accostamenti.

AR.RI.VI. (Archivio Ricerca Visiva)
Associazione culturale
via Botticelli, 8a 20133 Milano
tel. 0236562537
www.ar-ri-vi.org
info(at)ar-ri-vi(dot)org

Quasi niente, Zola Predosa

Quasi niente (Almost nothing), handwritten personal secrets, paper roll, hole in the wall, June 19th, 2011.
Casabianca, Zola Predosa, Bologna.
Cur. by Anteo Radovan.





June 17, 2011

Per arrivare qui, il sentiero davanti alla scuola (Novella Guerra)


Umberto Cavenago and Giancarlo Norese,
One Hour, 2011 (detail). Aligned objects during a one-hour work. Ph. S. Barbagallo

Spazio Novella Guerra, Imola, June 11th, 2011

Mili Romano + Alessandra Andrini, Stefania Galegati + Valentina Miorandi, Dino Ferruzzi + Gianna Machiavelli, Giusi Campisi + Martina Dandolo, Paola Anziché + Alessandro Quaranta, Marco Samoré + Andrea Magnani, Francesca Moretti + Marco Rambaldi, Enrico Morsiani + Corso pratico di arte contemporanea di Imola, Stefano Pasquini + Tony Cioli Puviani, Sergio Camin, Chiara Pergola + Francesco Santoro, Monticelli e Pagone, Karin Andersen + Gianluca Di Dio, Anteo Radovan + Antonio Poli, Osservatorioinopera + Nataša Korošec, Laura Santamaria, Paola Di Bello + Simona Barbagallo, Elena Cologni, Emanuela Ascari + Velentina Vetturi, Ferdinando Mazzitelli + Rocco Lomonaco, PetriPaselli, Emilio Fantin + Arianna Fantin, Matteo Brusa, Giancarlo Norese + Umberto Cavenago, MalaArti Visive + Roberta Piccioni e Marco Fantin, Cino Bocchi, Sabrina Muzi, Pierpaolo Coro e Rita Canarezza, Eva Marisaldi, Beatrice Gandolfi, Massimiliano Renzi, Davide Rivalta, Gaia Carboni.

Sabato 11 giugno, a partire dalle ore 18, si inaugura il nuovo Spazio Novella Guerra, un luogo dedicato alla ricerca artistica all'insegna dell'informalità. Il progetto parte da un sogno, il sogno di trovare un "locus ameno" dove potere riscoprire il piacere dell'incontro, dello scambio e della residenza.Dopo due anni di ricerche ecco trovato il casolare che si presta a questa scommessa. Il nome Novella Guerra è dedicato alla memoria di mia madre, ma è anche un ottimo programma e un concentrato di energia.
L'apertura avverrà con una collettiva dal titolo Per arrivare qui, il sentiero davanti alla scuola, che coinvolge una serie di artisti e amici, ognuno dei quali contribuirà ad allargare il cerchio delle relazioni invitando a sua volta un amico artista. Ne risulterà quindi una mostra di lavori che si arricchiscono vicendevolmente proprio per il fatto di dare forma tangibile a un invito amichevole che vuole essere l'inizio di nuovi dialoghi artistici e intellettuali. Il tutto si concluderà con una festa e, per chi vuole, con due giorni di incontro che faranno da contrappunto ad una programmazione di progetti artistici e curatoriali, scambi culturali, workshop. Nella futura programmazione dello spazio ci sarà la possibilità di sostare per più di un giorno; daremo vita ogni volta a piccole residenze dove l'evento finale sarà il risultato di una reale collaborazione e di un incontro ravvicinato.
Annalisa Cattani

Darth
via Bergullo, 15
40026 Imola

www.darth.it
associazionedarth (at) gmail (dot) com

June 7, 2011

Francesche. Assab One, Milano 2011

Francesche, hidden performance at "Dialogos", Assab One, Milano, May 20th, 2011.

I made some phone calls to every Francesca I knew at the time.

May 8, 2011

Dialogos

Assab One ospita Dialogos, una ricerca nata senza un disegno curatoriale ortodosso, focalizzata sulla possibilità di sviluppare una pratica artistica attorno a dei presupposti di continua negoziazione del sapere, delle scelte e delle sensibilità. Un’esperienza cresciuta tra artisti che si sono “scelti” per coincidenza, “affinità elettive”, o traiettorie che hanno incrociato il loro fare.

Per l'occasione verrà realizzata un'edizione numerata che conterrà tutti i materiali attraverso cui il progetto si è sviluppato nel tempo. Completano la pubblicazione diversi contributi teorici, tra cui quello di Lorena Giuranna.

I – Dialogo come pratica estetica
Dialogos  è un progetto espositivo disposto tra dinamica performativa e intervento installativo. Nasce dalla possibilità di pensare lo spazio come una formula di tempo, cioè un quando prima che un dove, nel momento in cui esso viene negoziato e trasformato da una relazione. Il dialogo si pone dunque come pratica estetica poiché esso stesso è l’elemento che modula e struttura un tempo e poi uno spazio.

II – La storia
Non per caso questo progetto nasce da un percorso comune che Ermanno Cristini, Luca Scarabelli e Alessandro Castiglioni stanno sviluppando dal 2008. Dialogos è infatti figlio di altri due importanti progetti: il primo, Roaming, si basa su mostre che durano l’effimero tempo di un’inaugurazione per poi fluttuare nell’inconsistenza della propria documentazione; l’altro, L’ospite e L’intruso, è pensato come una serie di mostre ed incontri presso lo studio di Ermanno Cristini, che hanno il senso di affermare una pratica di confronto.

III – Circolo Ermeneutico
Dialogos è dunque una sorta di partita a scacchi. Dove però l’operazione artistica e la sua traccia, l’oggetto, si caricano di una comunicabilità reversibile, tra artista e artista, artista e opera, opera e spazio, spazio e spettatore, spettatore e spazio, spazio e opera, opera e artista, artista e artista. È per questo motivo che il dispositivo predisposto dal progetto è fatto di azioni, risposte e di risposte a queste risposte.

Assab One
associazione promozione arte contemporanea
via Assab, 1
20132 Milano
tel +39 022828546, +39 3482925085
info@assab-one.org
www.assab-one.org

April 4, 2011

Cartografia di un paesaggio sospeso

Dall’archivio storico del Comune di Jerago con Orago


Ermanno Cristini, Chiara Foletto, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli
a cura di Alessandro Castiglioni



Sabato 9 aprile 2011, ore 15.30
Castello Visconteo di Jerago

aperto anche domenica 10 aprile, 10/12.30, 14.30/18



“Il passato è una struttura fragile, costantemente a rischio. Questa vulnerabilità segreta, non dichiarata, è legata ad una semplice considerazione: il passato è un tempo, è un luogo che non c’è più, non esiste: non possiamo vederlo, toccarlo, viverlo. A noi ne restano esclusivamente delle tracce, i segni lasciati a terra dalle cose trascinate (...)

Il passato è dunque una costante operazione di consapevolezza: è costruzione e interpretazione esercitata nel presente e soggetta a tutte le possibili oscillazioni che l’oggi manifesta o subisce. Il rapporto tra passato e presente, in questa prospettiva, risulta non lineare, complesso e spesso anche imprevedibile (...) 
Con il frammentario materiale di un passato riorganizzato ho invitato gli artisti a costruire una nuova storia, una narrazione visiva che diviene un ponte tra passato e futuro, ricordo e desiderio, nel tentativo di mappare un paesaggio, quello del nostro passato, che non c’è più...” 



Alessandro Castiglioni

In occasione di Terra, arte, radici 2011, Comune di Jerago con Orago, Associazione culturale Aleph, Castello Visconteo di Jerago


March 23, 2011

Roaming, Palermo

Significati possibili
Ermanno Cristini, Silvia Giambrone, Mickael Marchand, Concetta Modica, Giancarlo Norese e Luca Scarabelli

r-roaming a cura dei corsi di Sistemi editoriali per l’arte / Metodologia progettuale della comunicazione visiva, Accademia Carrara di Belle Arti, Bergamo

fotografia: Alessandro Di Giugno
web: simply.it
A cura di Alessandro Castiglioni, Helga Marsala

Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia
PPS/Meetings
c.so Vittorio Emanuele 365, Palermo
Giovedì 31 marzo 2011, ore 19

Roaming, come in una costante risignificazione di piani e sistemi linguisitici è invitato a partecipare a “PPS//Meetings”, ciclo di mostre ed eventi curato da Helga Marsala all’interno della Project Room di Palazzo Riso, in occasione della collettiva “PPS, Paesaggio e Popolo della Sicilia”, a cura di Giovanni Iovane.
Questo particolare appuntamento del progetto Roaming si rivolge ad una specifica dimensione, proposta da Helga Marsala, di rilettura e ricostruzione dei passaggi di senso e significato che si avvicendano tra artista e opera - opera e pubblico. Come in un costante flusso fuori controllo, questo sistema di relazione porta con sé il prezioso rischio dell’errore, dell’incomunicabilità, della misinterpretazione, del vuoto di senso.
Questa dinamica mi sembra trovi un significativo punto di partenza nella terza delle celebri Lezioni Americane di Italo Calvino, quella dedicata all’Esattezza, dove leggiamo:

“Viviamo sotto una pioggia ininterrotta di immagini; i più potenti media non fanno che trasformare il mondo in immagini che in gran parte sono prive della necessità interna che dovrebbe caratterizzare ogni immagine, come forma e come significato, come forza di imporsi all’attenzione, come ricchezza di significati possibili.
Gran parte di questa nuvola di immagini si dissolve immediatamente come i sogni che non lasciano tracce nella memoria; ma non si dissolve una sensazione d’estraneità e disagio”.

È per questo motivo che questa particolare edizione del progetto verrà sviluppata in relazione al corso di Sistemi Editoriali per l’Arte dell’Accademia Carrara di Bergamo: insieme agli studenti che prenderanno parte all’evento, si costruirà in un secondo momento un seminario in cui, discutendo di questi presupposti teorici, si realizzerà un r-roaming, un catalogo/non catalogo della mostra, amplificando la dimensione di “significati possibili” che il rapporto tra immagine e documentazione porta con sé.

Alessandro Castiglioni

www.roaming-art.it
www.palazzoriso.it

March 21, 2011

Archiviazioni

Archiviazioni. 
Exercises of investigation and discussion on contemporary South

March 26th, 2011 - laboratory for Art and Architecture
via Enzo Ferrari, contrada Pisello, Lecce, IT


Actions:
Costruire Processi: progettualità, spazio e tempo / Building Processes: planning, space and time
public discussion, 11am–1pm and 3pm-5pm
with Julia Draganovic / Francesco Arena / Fabio Pollice and Annalisa Zacheo / Karen Hough / Devrim Kadirbeyoglu / Federica La Paglia / Attila Bruni / Shawn Van Sluys / Stefano Taccone / Chiara Agnello / Giulia Pedace / Mauro Marino / Francesca Boenzi

Gran Turismo / Great Tourism
curatorial revisitation of a private archive by Luigi Presicce and Luigi Negro / 18.00

Le Cose Preziose / The Precious Things
self-financing group action / 6.30pm
works of: Luigi Presicce, Francesco Arena, Luigi Negro, Luca Francesconi, Enzo Umbaca, Cristian Chironi, Stefano Romano, Paola Anziché, Daniele Pezzi, Andrea Kvas, Antonio Rovaldi, Angelo Bianco, Roberto Martino, Marco Belfiore, Adriano Nasuti Wood, Elenia De Pedro, Giorgio Guidi, Dragana Sapanjos, Stefano Graziani, Giallo Concialdi, Andrea Sala, Riccardo Beretta, Alessandro Ceresoli, Jacopo Casadei, Cesare Pietroiusti, Sergio Breviario, Alessandro Vizzini, Riccardo Baruzzi, Giancarlo Norese.

An autonomous society is different than a heteronomous one (hetero = others) because while all societies make their own imaginaries (institutions, laws, traditions, beliefs and behaviors), autonomous societies are those in which their members are aware of this fact, and explicitly self-institute (αυτο-νομούνται). In contrast, the members of heteronomous societies attribute their imaginaries to some extra-social authority (i.e. God, ancestors, historical necessity). Cornelious Castoriadis, Figures of the Thinkable, Stanford University Press, July 18, 2007

On the occasion of its public presentation, archiviazioni has invited Stefanos Tsivopoulos to elaborate an archive image which represents the main concept and the aims of the project. I Want My Utopia Back is a reflection on the concept of Autonomy in relation to that of Archiving as an action. This transformative process that goes from information to knowledge, from institutional construction to social action and the formation of an autonomous consciousness, was also the basis of democracy in ancient Greece. For Tsivopoulos, archives do not necessarily server as ‘representatives’ of the historical truth, but rather as another way to tell a story. This story aims to reflect the creative and imaginary possibilities of our times. Stefanos Tsivopoulos (Prague, 1973) is a Greek artist/filmmaker who lives and works in Athens and Amsterdam. His research reflects on history and historical memory as a narrative construction – a construction mediated by images that have been edited and re-edited, and deprived from images that were never taken or that are lost. In his films he is blurring fact and fiction, past and future, as he is less interested in extracting the truth from these narrative constructions, but rather in interrogating the possibilities and qualities that lie within them. It is the ambiguous nature of image, and its shift from an aesthetic object, to commodity to archived evidence of historical truth that is on question in his work.

archiviazioni – exercises of investigation and discussion on the contemporary South is an open project of documentation, discussion and action conceived and directed by Giusy Checola and curated together with Luigi Presicce, developed in collaboation with Salvatore Baldi for the production, Anna Cirignola and Elvira De Masi for the relations of the territory. It’s included in the program Lab 12:00 promoted by the SoutHeritage Foundation for contemporary art of Matera (Basilicata, Italy). It presents its activities and its spaces on the 26th March 2011 at its venue, the Laboratory of Art and Architecture of Lecce (Apulia, Italy), an ex tobacco factory based in the heart of Salento.


Archivica

Archivica is an archive in progress that selects and presents national and international art and interdisciplinary publications and reviews, the digital and audiovisual documentation of works and projects by artists, curators and theoricians from local, national and international fields, and in the so called ‘Souths’ of the world. With them Archivica establishes different kind of interactions and collaborations, through the collection of materials, the organizations and co-production of projects, the acquisition of meaningfull Funds for the relation between art and territory.

Archivica has acquired the personal archives of art critic Anna Cirignola, the Fondo Verri Liberi Cantieri of Lecce and the archives of Oreste by Cesare Pietroiusti, Luigi Negro, Emilio Fantin and Giancarlo Norese, including photos, letters, drawings, publications and printed matters produced during the activities of the Oreste Project, from 1997 to 2002.
Archivica has started a long term collaboration with careof/DOCVA Documentation Center for the Visual Arts in Milan, through the exchange of materials, for the promotion of the Southern artistic scene and the collection of untraceable videodocumentation of talks, seminars and projects realized in Italy and abroad by careof in the last twenty years, and through the development of projects of communication and presentation of the materials archived.
It has started various collaborations with projects, archives and art organizations like Expòsito, Observatory for Young Artists, Naples; Index, list of contemporary art in Basilicata promoted by the SoutHeritage Foundation, Matera; Connecting Cultures, Milan, specialized on art projects in the public spaces in relation with the landscape; ESCORIA Nuevos Medios of Quito, the most important archives in Ecuador, specialized in video-art and new media.

Archiviazioni is addressed to artists, curators, cultural operators and students who live and work in Southern Italy, and to everyone who wants to participate to the proposed activities. From here comes the collaboration with SUM Project of Lecce, a network for promotion of independent local music and local reference for the Creative Commons licenses, under which are registered the contents of the website archiviazioni.org, in order to stimulate the access to information and the free circulation of ideas.


info: www.archiviazioni.org / giusy AT archiviazioni DOT org