December 13, 2012

Out of Place_an ongoing archive, Berlin

22:37 cultural association and berlinerpool are pleased to invite you to “Out of Place_an ongoing archive” in CORPO 6 galerie:

Thursday 13. December 6 pm, CORPO 6 galerie, courtyard, entrance C, first floor, Herzbergstrasse 55, 10365 Berlin.

“Out of Place_an ongoing archive” is an open and continuously upgradable archive, which was established with the aim of providing an overview of the widest possible range of theoretical references and ideas concerning the concept of nomadism in relation to the forms of contemporary artistic production. Behind the project is the idea that being out of place is the condition which enables a person to continuously reposition himself in one place. This process, not only physical, it is necessary to build the constantly changing sense of our presence in the space. The installation contains around eighty documents sent by artists, critics and curators. The first corpus of the archive has been shown in the section Independents3 of ArtVerona, Italy, in October. The visitors will be asked to contribute once again to the construction of the archive by participating directly in the cataloguing and indexing of the various contributions present in Out of Place. In this way, as a welcome guest, the archive will find its temporary location within CORPO 6.

PROGRAM:
VERNISSAGE 13 Dec, 6 pm
> food specific by Panem et Circenses.
> 9.30 pm live set by Iku Sakan.
> Djset Von Verhille.

OPENING HOURS 14 Dec and 15 Dec: 4 pm > 7 pm

CONTRIBUTIONS by Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Alice Pedroletti, Ana Maria Bresciani and Antonio Cataldo, Armida Gandini, Balloon, Barbara Fragogna, Basma Alsharif, Bcomeblog, Benedetta Panisson, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Chryssa Tsampazi, Daniela DiMaro, Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Elif Sezen, Emanuele Belluffi, Emma Waltraud Howes, Fabio Campagna, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana,Giuseppe Mendolia Calella, Irma Markulin, Iva Kontić, Ivana Smiljanić, Ivana Spinelli, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Luis DeMatos, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Massimiliano Marraffa, Massimo Estero, Maria Mitsopoulou, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Maura Banfo, Mihailo Vasiljevic, Natasha Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Paula Muhr, Philipp Koch, Petya Koleva, Pola Dwurnik, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sasha Vinci, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić, Stefanie Schairer, Stefania Migliorati, Stephan Groß, Suite-Case, TamtamART (Ichen Tsou, YaWen Fu, YunTing Hung), Tatjana Fell, U10, Valentina Lucia Barbagallo, Vassiliea Stylianidou, Vassiliki Vayenou, Vesna Micovic, Yeşim Ağaoğlu.

PARTNERS
www.22e37.com
www.berlinerpool.de
www.corpo6.com
www.panem-et-circenses.me
scaffaleperturbanteblog.wordpress.com
soundcloud.com/ikusakan

December 1, 2012

La Festa dei Vivi 3, San Cesario di Lecce


First of all we would like to sincerely thank all those who have sent their words relative to the encounter of November 2nd. We have received hundreds of contributions as well as the feeling of an experience that has been strongly shared. An experience that evokes the limitlessness of a space that belongs to all of us, as well as those that are no longer with us.

Over the day of December 1st, we recorded all the words and sentences sent by the participants, using the old "fresco" technique, on the walls of "Lu Cafausu". It was a moment of celebration and reflection, as well as an attempt to create a physical space where all the individual stories, references and affects can compose a whole. It also functioned as a homage to "Lu Cafausu", an "imaginary place that really exists".
We met on December 1st, 2012, from noon to the sunset, around "Lu Cafausu".

In early November, people from across the world celebrate the Day of the Dead, remembering those who passed away and often visiting their graves. In one way or another, we all try to establish contact with our loved ones, and sometimes we consider our own common and mortal destiny, therefore reflecting upon death in general.

On occasion of the 3rd edition of “The Celebration of the Living (who reflect upon death)”, we have proposed a collective action, open to everyone, which has been held in different places at the same time. Each participant has met his/her loved ones, friends and relatives who passed away. Everyone has tried to imagine and configure the right way to get in touch with the dead either through ritual, gesture, or thought.

A plurality of people was in contact, at exactly the same moment, with others who are no longer with us. This created a shared space of life and death. A space between they, the dead, and we, the living, who share their destiny of finitude.

All contributions sent by participants can be found at www.lucafausu.tk.
Thanks to Marsèlleria for its support and for making this event possible.
Community partner: UnDo.Net

November 8, 2012

Combine Studios, Phoenix

On the way to the Guadalupe Cemetery.
A meeting organized in the context of “The Celebration of the Living (who reflect upon death)”, 3rd edition, took place in Arizona.

As a part of their stay at the Arizona State University Art Museum’s International Artist Residency Program, on Nov. 8th, 2012 Emilio Fantin and Giancarlo Norese introduced the project at Combine Studios on Roosevelt Row in Phoenix.

Since 2010, every Nov. 2nd, they consider the relationship between the living and the dead by organizing a public art event. 
This was the first of a series of meetings that will help develop a collaborative process for the realization of the 4th edition that will be taking place in Phoenix in the Fall of 2013.
In Phoenix, there is new creative energy developing constantly. The diverse cultural and artistic scenes present in the city make it fertile ground for the success of this project.
With the local community help and valued participation the project can continue and become more dynamic.

Some discussions on different notions of life and death have been organized, as well as interviews, visits and explorations of the area.

Thanks to Premio NCTM e l'Arte, 2012.


Thu. Nov 8th, 2012
6:00 pm
The Celebration
of the Living
Public Meeting and Dinner
Combine Studios
821 N 3rd St.
Phoenix, AZ 85004

October 17, 2012

A first step towards coincidences & meetings

SomethingLikeThis
è lieta di segnalare la partecipazione a

Independents3
nell'ambito di ArtVerona 2012
col progetto

A first step towards coincidences & meetings, Part II

Data: 18-22 ottobre
Luogo: Padiglione 6
Quartiere fieristico di Verona
Ingresso da viale del Lavoro

con Lisa Batacchi, Tony Fiorentino, Simone Ialongo, Virginia Zanetti

Il neo nato spazio SomethingLikeThis partecipa Indipendents-ArtVerona con gli artisti della prima mostra "A first step towards coincidences and meetings, Part I". In quest’occasione verrà riproposto il tema della mostra ampliato con nuove possibilità installative, in un confronto con un pubblico più ampio attraverso talks e momenti di discussione partecipata.
Gli artisti realizzano per lo spazio della fiera un “salotto artistico” con oggetti e libri di riferimento per la loro ricerca. Un ambiente informale e accogliente, esito di un movimento nomade e della necessità di apertura verso l’altro, dove sarà possibile discutere col pubblico le tematiche della mostra insieme ad altri artisti e invitati. L’esperienza di condivisione in fiera sarà documentata con video e foto.
In questa occasione verrà presentato del materiale informativo su SLT e gli esiti di "A first step towards coincidences & meeting, Part I".


programma Talks:

Giovedì 18 ottobre
ore 16. Egle Prati presenta il progetto Talkingart

Venerdì 19 ottobre
ore 16,30. Maria Pecchioli di FOSCA presenta lo spazio Frau Frisör Fosca e il progetto di residenza per collettivi e no profit a Corniolo Art Platform curata da Radical Intention

Sabato 20 ottobre
ore 16,30. Ermanno Cristini di RISS(E) in dialogo con Alessandro Castiglioni: Ospitalità e “ritardo”, pratiche artistiche come pratiche di dialogo

Domenica 21 ottobre
ore 16,30. Luigi Negro e Cesare Pietroiusti presentano "The celebration of the living (who reflect upon death)" / "La festa dei Vivi (che riflettono sulla morte)”, parte del progetto collaborativo Lu Cafausu (Emilio Fantin, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce)


Preview: giovedì 18 ottobre dalle 14.00 (solo su invito)
Apertura al pubblico: giovedì 18 ottobre dalle 15.30 alle 20.30; venerdì 19 – domenica 21 dalle 10.30 alle 19.30; lunedì 22 dalle 10.30 alle 15.00.

Independents3: nasce con l’intento di dare spazio e visibilità alle realtà artistiche e culturali maggiormente sperimentali, che si muovono in maniera autonoma rispetto al sistema istituzionale e che sono spesso catalizzatrici di nuove tendenze. Ideato da Fuoribiennale e curato da Cristiano Seganfreddo, ha visto la partecipazione di oltre 40 realtà, da Archivio Bonotto a IUAV, da Fondazione Buziol a Interzona, da Fondazione March a Sottobosco, da C4 a Spazio XYZ a Viafarini. (pad. 6 e 7)


Info:

SomethingLikeThis
Via Giuseppe Giusti 16, Firenze
www.sltartinitiatives.tumblr.com
info @ lisabatacchi.com

Fuoribiennale, www.fuoribiennale.org
Artverona, www.artverona.it

October 11, 2012

Out of Place, Verona

October 18-22 2012
Hall 7 - stand 12, ArtVerona, Verona

Out of Place_an ongoing archive
curated by 22:37 in collaboration with Lo Scaffale Perturbante, Berlin

with Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Ana Maria Bresciani and Antonio Cataldo, Armida Gandini, Barbara Fragogna, Bcomebox, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Daniela Dimaro, Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Emanuele Belluffi, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana, Irma Markulin, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Maria Mitsopoulou, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Mihailo Vasiljevic, Natasha Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Philipp Koch, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić, Tatjana Fell, U10, Vassiliea Stylianidou, Vesna Micović.

The costum of listening to or reading travel experiences, pathways towards something distant and not yet reached, made that the imagery to what is distant and unknown assume a greater importance in determining our perception of geography and meaning of our presence in some places.
Depending on how a place or an event, for example, are told in pictures or words we tend to place them in a space, to construct meanings and projecting wishes.
Precisely because the constant dialogue of the association 22:37 grows at a distance, trying to maintain a critical approach on issues deemed urgent not only in cultural, but also the social context in which the association is active, for Indipendents3 22:37 proposes a reflection on nomadism and imaginary, presenting two projects that explore, challenge and expand the geography of some places.

Out of Place_an ongoing archive is an open and continuously upgradable archive, which was established with the aim of providing an overview of the widest possible range of theoretical references and ideas concerning the concept of nomadism in relation to the forms of contemporary artistic production
The installation contains around fifty documents sent by artists, critics and curators who have made their contribution to the first corpus of the archive.
Behind the project is the idea that being out of place is the condition which enables a person to continuously reposition himself in one place. This process, not only physical, it is necessary to build the constantly changing sense of our presence in the space.
The visitors will be asked to contribute actively to the construction of the archive by participating directly in the cataloging and indexing of the various contributions present in Out of Place. In this way, as a guest desired, the archive will find its temporary location within ArtVerona.


Info:

ArtVerona
www.artverona.it

Verona Exhibition Centre
entrance: Viale del Lavoro

Preview: Thursday, October 18 from 2 pm (by invitation only)
Open to the public: Thursday, October 18 -3.30pm/ 8.30pm
Fri 19 - Sat 20 - Sun 21 - 10.30am / 7.30pm
Monday 22 -10.30am / 3 pm

22:37
info@22e37.com

Lo Scaffale Perturbante

October 9, 2012

Cathedrale, Bologna

My "Tripods" as a chair for Cathedrale,
Musée de l'Ohm, Bologna, 2012.

Libri d’artista e altri racconti, Gallarate

Museo MAGA, Gallarate
13 ott 2012 - 11 nov 2012

A cura di Lorena Giuranna e Giulia Formenti
Inaugurazione sabato 13 ottobre 2012, ore 18

In occasione di Duemilalibri, manifestazione curata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gallarate, il Museo Maga propone Libri d’artista e altri racconti, una mostra di libri d’artista dalla collezione del museo e una serie di approfondimenti come l’incontro e dibattito sul tema, i laboratori per bambini e le visite guidate alla mostra con la possibilità di consultare alcuni dei libri esposti.

Il Maga, all’interno della sua ricca collezione che conta più di cinquemila opere, conserva un pregiatissimo nucleo di cento libri d’artista provenienti in gran parte dalla mostra Pagine e dintorni. Rassegna internazionale del libro d’artista curata da Gino Gini nel 1991 per la storica sede della GAM e che negli anni è stato incrementato grazie a libere donazioni da parte degli artisti.
I libri d’artista esposti sono una campionatura delle diverse possibilità di espressione e di confronto da parte degli artisti contemporanei con il “formato libro”, evidenziando le due anime che sottendono questa ricerca: una che indaga il libro come oggetto quasi scultoreo, l’altra che, in linea con le pratiche legate all’editoria, propone inconsueti libri in edizione limitata o in copia unica.
Saranno esposti libri di Vincenzo Accame, Nanni Balestrini, Vittore Baroni, Carlo Belloli, Mirella Bentivoglio, Angelo Bozzola, Giannetto Bravi, Luciano Caruso, Claudio Costa, Fernanda Fedi, Giosetta Fioroni, Gino Gini, Elisabetta Gut, Arrigo Lora Totino, Stelio Maria Martini, Fabio Mauri, Eugenio Miccini, Anna Oberto, Luciano Ori, Luca Patella, Franco Ravedone, William Xerra.

Cuore di questa mostra sarà la cospicua donazione di 55 libri d’artista di Vincenzo Ferrari, uno dei più grandi maestri in questo specifico ambito di ricerca che ha realizzato oltre cento libri d’artista in edizione e in copia unica, al momento suddivisi tra il MART di Rovereto, il Centre Pompidou di Parigi, il Castello Sforzesco di Milano e il MAGA di Gallarate.

G.N., Expertise Express, 1997
Vi sarà anche una sezione di opere di più recente realizzazione donate o prestate al MAGA da autori diversi tra cui Giulia Di Lenarda, Giovanni Ferrario, Stefano Graziani, Armin Linke, Michele Lombardelli, Mauro Maffezzoni, Amedeo Martegani, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli.

NUOVE ACQUISIZIONI E PROGETTI

Nuove acquisizioni per la collezione permanente del MAGA
La presentazione della donazione di Vincenzo Ferrari è l’occasione di arricchire il percorso espositivo della collezione permanente con alcune importanti recenti acquisizioni ricevute in comodato gratuito. Le due Meteore (1970-1972) di Marinella Pirelli e la Grande pianta Dafne (1991) di Alik Cavaliere, coinvolgono direttamente il visitatore attraverso i delicati e sottili passaggi luminosi (Meteore) o per il grande impatto ambientale e teatrale dell’opera di Cavaliere.

Nanni Balestrini al bookshop e al Maga bar
Nella stessa giornata si inaugurano gli interventi murali di Nanni Balestrini pensati ad hoc per gli spazi accoglienza del Museo; scritture visuali che invitano lo spettatore a leggere, guardare, riflettere.

MAGA
Museo Arte Gallarate
via De Magri, 1
Gallarate

October 8, 2012

20x20, Novate Milanese

Fare le mostre senza fare le cose.

Quello di Schifano non è l'unico nome importante invitato dai giovani: Alessandro Mendini ha «chiamato» Angelo Mangiarotti. Al noto architetto e designer delle strutture flessibili, recentemente scomparso, la mostra dedica un caloroso omaggio. Stefano Arienti, Marco Cingolani, Giovanni Frangi, Adrian Paci, Enzo Cucchi - solo per citare alcune dei nomi più noti - hanno chiamato, anche dall'estero, giovani talenti. Espongono anche artisti interessanti come Giancarlo Norese, in una esibizione rigorosamente site-specific. I venti artisti invitati hanno realizzato un'opera pensando al contesto di Casa Testori ed è interessante osservare come, ad ogni mostra, la villa riesca a «cambiare pelle» a seconda dei nomi e dei lavori che vi sono esposti. Questa mostra-laboratorio in cui firme affermate si affiancano agli emergenti sarebbe di certo piaciuta al padrone di casa, uomo di lettere e di teatro attento a coltivare con generosità i talenti degli altri.

September 29, 2012

L'ospite e l'intruso / riss(e), Locarno

G.N., riss(e), n. 0, 2012
la rada, spazio per l’arte contemporanea
piazzetta Remo Rossi 1, Locarno

L’OSPITE E L’INTRUSO
Sabato 29 settembre, ore 18,30

Presentazione a cura di Ermanno Cristini e Alessandro Castiglioni della pubblicazione in edizione limitata che raccoglie la documentazione degli interventi dei 20 artisti coinvolti nei 10 appuntamenti realizzati.
Per l’occasione verrà anche presentata la nuova fanzine di riss(e), n. 0, su progetto grafico di Giancarlo Norese.

L’ospite. Ermanno Cristini apre il suo studio invitando un artista a presentare un intervento o un progetto negli spazi privati della propria casa-laboratorio. L’invito si estende poi anche ad un altro artista, celato e invisibile.
L’intruso. Un artista che invita un artista e che nasconde un altro artista. Un gioco di specchi fatto anche di incontri, fughe, dialoghi e silenzi.
Una partitura a cura di Alessandro Castiglioni dove in realtà il ruolo del critico è volto più ad approfondire la personalità e l’opera dei diversi attori sulla scena, che non indirizzare una linea di ricerca, legata più semplicemente ad affinità e amicizie.

L’OSPITE E L’INTRUSO appare così diverso, nelle necessità, nello spirito e negli obiettivi, da altre esperienze di mostre domestiche.
Soprattutto perché gli appuntamenti realizzati, dieci, non si sono mai risolti nella forma di esposizione di “oggetti”. Piuttosto essi confermano una centralità delle “pratiche”; un bisogno di riattribuire al fare artistico la sua natura eminentemente esperienziale.
Da questo punto di vista, L’OSPITE E L’INTRUSO prende senso in quanto parte di altri progetti, come ROAMING, DIALOGOS, RISS(E), che, ognuno a proprio modo, affermano un tentativo di ricondurre le pratiche estetiche entro una dimensione che abbia il proprio fondamento nella negoziazione dei saperi.

L’OSPITE E L’INTRUSO
Luglio 2009-Giugno 2011

Kristine Alksne, Sergio Breviario, Vincenzo Cabiati, Gianni Caravaggio, Umberto Cavenago, Nina Danino, Oppy De Bernardo, Al Fadhil, Barbara Fässler, Michele Lombardelli, Microcollection, Giovanni Morbin, Andrea Nacciarriti, Giancarlo Norese, Giada Pucci, Roberto Pugina, Lidia Sanvito, Luca Scarabelli, Miki Tallone, Elisa Vladilo

www.larada.ch
www.ermannocristini.it
www.risse-art.blogspot.it

September 15, 2012

Arspolis #2, Lugano

ARSPOLIS is a public event about contemporary art, linked to the city that hosts it, and is mainly devoted to its citizens. The event is organized annually, and is a one-night show. The show takes form through interventions in the urban space of a district of the city centre. The protagonists are Swiss and international artists who are invited in order to present their works in the streets of this district. The access to the event is free.

ARSPOLIS EVENTO #2 Lugano, 15 settembre 2012

«Saremo come dei principi, sottoterra»
A cura di Ermanno Cristini e Jean-Marie Reynier

Artisti invitati
Sergio Breviario, Rebecca Bowring, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Oppy De Bernardo, Collectif indigène (Andréanne Oberson & Jean-Marie Reynier), Baptiste Lefebvre, Michele Lombardelli, Microcollection, Yari Miele, Manuel Müller, Andrea Nacciarriti, Giancarlo Norese, Silvano Repetto, Nicolas Savary, Laure Schwarz, Tilo Steireif, Temporary Black Space, François Wavre, Virginia Zanetti.

In seguito all’esposizione «C’est la nuit qu’il est beau de croire à la lumière» svoltasi nel misterioso Forte militare di Chillon, i due curatori hanno deciso di continuare il viaggio. Un viaggio dal centro della terra alla strada. In quest’ottica gli artisti che hanno vissuto l’esperienza del Forte saranno presenti ad Arspolis evento 2 come portatori sani di memoria, accompagnati da nuovi viandanti che li guideranno verso le future mostre. Per l’occasione sarà presentato il catalogo dell’esposizione di Chillon, con i testi di Jean-Marie Reynier, Ermanno Cristini e Marco Costantini.

Programma della giornata

15.00-16.00: CERIMONIA DI APERTURA, scalinata Villa Ciani (Parco Ciani).
«Elegir», azione teatrale di Daniele Bianco e Diego Stephani.

16.00-18.00: PREMIO DEL PUBBLICO 2011, Lab_Comacina, viale Cassarate 4.
«BEEEEEEE», esposizione di Laura Solari e Plinio-Natale Cemento-Müller,
special guest: Joëlle Flumet. A cura di Michele Balmelli.

18.00-23.00: ARSPOLIS EVENTO #2 , Via Luigi Lavizzari, via Luigi Canonica.
«Saremo come dei principi, sottoterra», esposizione di Sergio Breviario, Rebecca Bowring, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Oppy De Bernardo, Collectif indigène (Andréanne Oberson & Jean-Marie Reynier), Baptiste Lefebvre, Michele Lombardelli, Microcollection, Yari Miele, Manuel Müller, Andrea Nacciarriti, Giancarlo Norese, Silvano Repetto, Nicolas Savary, Laure Schwarz, Tilo Steireif, Temporary Black Space, François Wavre, Virginia Zanetti.
A cura di Ermanno Cristini e Jean-Marie Reynier.

Aspettando Arspolis, venerdì 14 settembre, ore 21:00 allo Studio Foce.
«Quantum», performance / danza contemporanea di e con Margarita Kennedy e Filippo Armati.
Evento in collaborazione con
Arte Urbana Lugano, Dicastero Giovani ed Eventi Lugano, Lugano Level, Ego Gallery, PURO design Locarno, Clement Project Zugo, Artribune.

ARSPOLIS è un'associazione culturale ideata da Al Fadhil e Michele Balmelli e fondata con Jean-Marie Reynier, Dario Juker e Marco Balerna a Lugano (CH) nel 2011 per la promozione e la gestione di eventi artistici e culturali a livello cantonale e nazionale. Uno dei suoi scopi principali è la coesione tra popolazione locale e l'arte del nostro tempo.

ARSPOLIS EVENTO è una manifestazione per l'arte contemporanea legata alla città che la ospita e dedicata alla sua popolazione. È organizzata ogni anno per una sola serata. La mostra prende la sua forma tramite interventi nello spazio urbano di un quartiere del centro cittadino. I protagonisti sono artisti svizzeri e internazionali invitati per presentare le loro opere tra foto, video, installazioni e performance nelle vie dello stesso distretto. L'accesso alla manifestazione è libero.

Per maggiori informazioni: www.arspolis.ch

“Non sapersi orientare in una città non significa molto. Ci vuole invece una certa pratica per smarrirsi in essa come ci si smarrisce in una foresta.”
Walter Benjamin, Infanzia berlinese

September 4, 2012

Average Resort, Recco

Fondazione G.B. Massone
La visione è una disciplina perennemente in atto. La capacità di distinguere e di immaginare costituisce la muscolatura di tale esercizio continuo, che accade in ogni situazione a attraverso ogni fattore, anche il più insignificante. Ogni ambiente è preda di infiniti sguardi e ogni sguardo è preda delle qualità di ciò che vede. La città di Recco è il luogo scelto per un’azione complessa, operata su più piani, orientata all’esplorazione critica di questo contendere: da una parte infatti la ricerca è affidata agli artisti in residenza, ai quali è chiesta una relazione libera ma in tempo reale di ciò che vedono nella città, nelle cose, nell’ambiente, dall’altra i cittadini di Recco, in special modo i più piccoli, sono invitati ad un progetto artistico che trasformi nella memoria visiva un angolo della città.
Il territorio scelto ha infatti la caratteristica particolare di avere un’alternanza significativa di bellezze e cesure, dovute alla sua storia interrotta e alla sua particolare posizione geografica. In un luogo che ha un così alto potenziale di gradevolezza e deformità, diventa necessario prestare grande attenzione alle capacità di vedere, riconoscere, immaginare, rivedere, ripensare. Agli artisti è affidato il compito di segnalare, di individuare, di riconoscere tutto ciò che riterranno efficace per una riflessione o per un semplice contatto visivo; ai bambini delle scuole elementari e alle loro famiglie il compito di saper proiettare sulla propria città pensieri nuovi, bellissimi e intensamente scelti. L’insieme delle due azioni costituisce un’esplorazione partecipata e non sistematica di un territorio nelle sue evidenze di spazio e di tempo, nonché il tentativo di immettere in queste qualcosa di insolito e di altamente immaginativo.
F.M.C.

http://averageresort.tumblr.com

in residenza: G.N., settembre 2012

August 26, 2012

Lu Cafausu unworkshop, Kassel

And And And schedule at Turnhalle, d(13) Kassel
Lu Cafausu unworkshop at AND AND AND, Kassel, August 20-22.

AND AND AND is an artist run initiative, which has used the time between 2010 and dOCUMENTA (13) in 2012 to consider with individuals and groups across the world the role art and culture can play today and the constituent publics or communities which could be addressed.

The series of interventions, situations, and occurrences entitled AND AND AND are part of dOCUMENTA (13) and compose a map of emergent positions, concerns, and possible points of solidarity.

Date/Time
Date(s) - 22/08/2012
5:00 pm - 9:00 pm

Day (75) / Lu Cafausu / Unworkshop / Turnhalle / 22.August

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
sketch
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
Day (75): Wednesday, August,22 2012
Time: 5:00 pm
Location: Turnhalle
What: Unworkshop
Who: Emilio Fantin, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce, Luigi Negro, Giancarlo Norese

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
Description
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
1) Each participant will introduce themselves by showing or playing their contribution. Collective discussion.
2) Introduction to the theme of the island, as a metaphor of a space that follows the experience of a passage and of a transformation, and as an evocation of the realm of the dead ones.
3) Drawing workshop on the theme of the island.
4) Presentation of the third edition of the Celebration of the Living (who reflect upon death), November 2, 2012.
5) Dinner.

http://andandand.org

June 29, 2012

Carroussa Sonore, Rabat

ph. Simohammed Fettaka
Carroussa Sonore
Projet de diffusion d’art sonore dans l’espace public

Commissariat : Younes Baba-Ali

Artistes : Zouheir Atbane, Gaël Segalen, Blenno die wurstbrucke, Raphaël Charpentié, Younes Atbane, Simohammed Fettaka, Anna Raimondo, Giancarlo Norese, Younes Baba-Ali, Youssef Ouchra, Kyop Jeong, Simohammed Laouli, Rohan Graeffly, Angus Carlyle, Stefano Giannotti.

La carroussa est composée d’une charrette fabriquée à partir d’éléments de récupération, munie d’une batterie permettant d’alimenter un lecteur audio, un amplificateur ainsi que des enceintes composant le module. À l’origine, il s’agissait d’un objet avec une fonction bien précise : vendre, répandre des cd’s coraniques en diffusant dans les rues des versets religieux. On est face à une sorte de marketing religieux, qui découle de l’intuition selon laquelle le son, autant oral que musical, est un matériel interactif qui conditionne l’espace physique. Face à celui-ci, nous n’avons pas de paupières, mais des oreilles ouvertes aux informations, parfois, manquant de distance critique. À l’occasion de « Carroussa Sonore », proposition curatoriale et artistique de Younes Baba Ali, présentée dans le cadre du projet Plpac, cette intuition devient prise de conscience. L’artiste franco-marocain continue sa recherche en questionnant les codes d’interaction avec le grand public et en détournant les objets de leur fonction première, cette fois, la carroussa. Suite à un appel à candidature, Younes Baba Ali a sélectionné 16 oeuvres sonores d’artistes marocains et internationaux pour les diffuser à travers ce module, dans un premier temps, à la galerie de L’Institut français et, ensuite, dans les rues de Rabat. La carroussa garde son aspect et sa fonction originales de diffusion sonore, mais présente ici un panorama des créations sonores contemporaines (du spoken word au paysage sonore, de la musique expérimentale à l’art radiophonique) et, implicitement, se transforme en un moyen de sensibilisation à l’écoute.

Dans l’enceinte de la galerie, la carroussa engage le défi de montrer du son, tandis que dans l’espace urbain l’artiste projette son désir de démocratiser l’art en passant par le son.
Dans une société caractérisée par une saturation visuelle, Carroussa sonore propose un temps autre, une expérience esthétique et éphémère en mouvement. Elle trace avec le son une nouvelle cartographie de la ville qui dure le temps de l’écoute. Ce n’est pas le juke-box du bar ou la stéréo de la maison où l’on peut faire son propre choix, ici, on est proche de l’écoute radiophonique, fugace et aléatoire, qui se parfait grâce à la participation de l’audience. Sans cela, le son reste un décor ou, plus précisément, dans ce contexte, une deuxième architecture qui en dialoguant avec l’espace urbain engendre un paysage sonore inhabituel. Loin de suivre la définition de l’artiste canadien Murray Shaffer, le « paysage sonore » est environnement qui nous entoure, Caroussa sonore transpose plutôt des sons d’ailleurs dans un contexte autre. Elle invite le public à se promener dans une recomposition immédiate du réel, à redécouvrir et à transformer des lieux apparemment connus.
Anna Raimondo


Giancarlo Norese, Jungla (1’02’’). 
« Pendant un programme de résidence pour artistes, j’ai caché un enregistreur audio dans la chambre de M.M. qui la partagait avec un canari. La nuit suivante, ses ronflements et les gazouillements du canari ont été enregistrés. Pour moi, le son étrange émis par M.M était semblable à celui d’un lion rugissant dans la forêt. »


Giancarlo Norese est né à Novi Ligure, Italie, il vit à Milan. 
Diplômé de l’Accademia di Brera, il fut l’un des initiateurs du Progetto Oreste et l’éditeur de ses publications. Depuis les années quatre-vingt il a été impliqué dans de nombreux projets artistiques collaboratifs. La plupart traitant de la précarité, les métaphores de l’espace public, les erreurs des paysages, l’esthétique de la défaite et la beauté auto-générée. En tant qu’artiste individuel, il s’intéresse aux formes informes de l’art.

June 23, 2012

Cathedrale, Bologna

Giancarlo Norese, Tripods, 2007,
three-leg dog, three-leg chair.
23 giugno - 2 settembre 2012 
Musée de l'Ohm, c/o Museo Civico Medievale
opening: 23 giugno 2012 ore 17:30

Ogni museo distribuisce presso i propri spazi espositivi un certo numero di sedie per facilitare il compito dei guardiasale e delle guide che debbono sostare durante le tappe del percorso. Queste presenze che passano normalmente inosservate, assolvono tuttavia una funzione indispensabile che è parte integrante della vita di un museo.
Con il concorso Cathedrale, per l’acquisizione di una sedia da collocare nella sala Cospi-Palagi-Marsili del Museo Civico Medievale, Musée de l’OHM ha inteso sottolineare lo spirito di tale presenza, con un omaggio. La sedia vincitrice SP3b dell’architetto Cesare Leonardi, rimarrà in dotazione al Museo Civico Medievale per testimoniare un rapporto di collaborazione, mentre la sostituzione, durante il periodo estivo, di tutte le sedie di guardiania con le altre proposte pervenute, sarà un invito rivolto ai visitatori per un gioco di scoperta che pone in primo piano ciò che di solito rimane sullo sfondo.

La mostra è realizzata grazie alle sedie trovate, ideate, o prodotte da: Emanuela Ascari, Angelo Dall’Aglio, Fabio de Luigi, Dragoni Russo, Oscar Ferrari, ILPO Design, Cesare Leonardi con AACL, Marco Manferdini Arredo, Maurizio Mercuri, Giancarlo Norese, Giovanni Oberti, Rocco Osgnach, Stefano W. Pasquini, Il Prufesur, Luca Scarabelli, Adriana Torregrossa.

Museo Civico Medievale, via Manzoni 4, Bologna.

Orari di apertura: da martedì a venerdì 9.00-15.00; sabato, domenica e festivi infrasettimanali 10.00-18.30. Biglietto intero: 4,00 euro. Gratuito ogni primo sabato del mese dalle 15:00 alle 18:30 e per eventi speciali.

June 11, 2012

Estetica della sconfitta, Piacenza

Flyer for Estetica della sconfitta, 2012.
Per la serie di incontri
"Arte negli spazi pubblici"
l'Osservatorio Public Art, Politecnico di Milano, sede di Piacenza
presenta

Giancarlo Norese, "Estetica della sconfitta"

Lunedì 11 giugno 2012, h 10.30/12.30 – 14.30/17
Politecnico di Milano, sede di Piacenza
(Caserma della Neve, Aula A, via Scalabrini 76, Piacenza)
ingresso libero

In una iniziativa dell'Osservatorio Public Art del Politecnico di Milano (sede di Piacenza), Giancarlo Norese presenta il proprio lavoro in un laboratorio/incontro aperto a tutti sul tema dell'estetica della sconfitta, alla presenza di Emilio Fantin, Franco Vaccari e dei loro studenti.
L'Osservatorio Public Art è coordinato da Ricciarda Belgiojoso, Emilio Fantin, Lorenza Perelli.

Informazioni aggiuntive presso: fantinemilio(at)gmail(dot)com

June 10, 2012

Oneironauts, Basel

After last year's successful Independent Artspace Festival, which presented in a week over 50 different artistic positions and a varied side program, this year's focus of Art Entertainment & Desire will be on a concentrated production of live audio works under the title le désir, which will all be developed within a bus.

During 8 days we'll be on the road with our bus, creating a radioshow for you directly from the streets of Basel.

From 10 - 17 June 2012 we'll broadcasting live from our mobile studio messages, stagings, concerts, readings, performances, happenings, talks - and you all are cordially invited to be part of the show. 

During this week the Keck-Kiosk will be our official bus stop, we are looking forward to your visit.

LIVESTREAM on le-desir.org

Contributions by:

Shadi Al Shhadeh, Aktivist (SYR), Klaus Auderer, Künstler (D), Fai Baba, Musiker (CH), Digger Barnes, Musiker (D), Domenico Billari, Künstler (CH), Heath Bunting, Künstler (GB), Fork Burke, Lyrikerin (USA), Guillaume Daeppen, Galerist (CH), Dalila Eliyahu, Künstlerin (IL), Danny Exnar, Schauspieler (CH), Francesca Falk, Kunsthistorikerin (CH), Pawel Ferus, Künstler (CH), Chri Frautschi, Künstler / Kurator (CH), Francesco Micieli, Schriftsteller (CH), Emil Galli, Künstler / Soziologe (D), Franziska Glozer, Kuratorin (CH), Roza El-Hassan, Künstlerin (HU), Silvan Hillmann, Künstler (CH), Martin Josephy, Stadtplaner (CH), Flo Kaufmann, Musiker (CH), Clare Kenny, Künstlerin (CH), Axel Killian, Künstler / Fotograf (D), Quinn Latimer, Lyrikerin / Editor (USA), Riccardo Lisi, Kurator (CH), Ingeborg Lüscher, Künstlerin (CH), Constantin Luser, Künstler (AT), Bird Mask, Band (CH), Raimundas Malasauskas, Kurator (F), Aldo Mozzini, Künstler (CH), Giancarlo Norese, Künstler (I), Garrett Nelson, Künstler (CH), Yanniv Oron, Musiker (CH), Peter Pakesch, Kurator (AT), Jago Pallabazzer, Schriftsteller (I), Nick Porsche, Musiker (CH), Almut Rembges, Künstlerin / Aktivistin (CH), Michele Robecchi, Kurator & Schriftsteller (I), Sebastian Rotzler, Musiker (CH), Anja Ruegsegger, Künstlerin / Musikerin (CH), Luca Schenardi, Künstler (CH), Andreas Schlägel, Kurator (D), Martina Siegwolf, Kuratorin (CH), Ingrid Stähle, Journalistin (D), Bohdan Stehlik, Künstler (CH), Una Szeemann, Künstlerin (CH), The King Tongue, Band (I), Emanuel Wadé, Künstler (D), Peter Zimmermann, Künstler / Metallbauer (D)

Contact: Sarah Bernauer, info(at)artentertainmentanddesire(dot)com
www.artentertainmentanddesire.com

June 1, 2012

Plotting the urban body, Milano

Maria Pecchioli, Plotting the urban body
venerdì 1 giugno 2012
VIR Viafarini-in-residence, via Carlo Farini 35, Milano

Durante la residenza in Viafarini Maria Pecchioli progetta e realizza Plotting the urban body, rilettura della città di Milano a partire dai princìpi della medicina tradizionale cinese, individuando i canali energetici del corpo urbano e i relativi punti (acupoints) di accesso a tali canali. Il progetto, in progress, si articola su più formati: analisi del territorio, elaborazione grafica, performance e incontri fanno tutti parte della restituzione della ricerca.
Dopo un primo momento di scambio, venerdì 1 giugno la residenza si trasforma temporaneamente in un laboratorio aperto su arte, filosofia e medicina tradizionale cinese. Sono invitati artisti che hanno realizzato progetti con la comunità cinese sia in territorio italiano che in Cina e parallelamente sono coinvolti operatori attivi sul territorio.

Venerdì 1 giugno, dalle 17 alle 19, Davide Garlati e Giuseppina Nocciola (scuola Associazione Italiana Filosofie Orientali e Discipline Bio Naturali) praticano trattamenti individuali di Tuina (massaggio tradizionale cinese); a seguire, dalle 19, Leone Contini, Anna Stuart, Vincenzo Chiarandà e Giancarlo Norese conversano con Maria Pecchioli e il pubblico.

Leone Contini presenta Tosco-Cina, 10 anni di pratiche etnografiche e interventi artistici nell’hinterland tra Prato e Firenze: un’indagine etnografica sul doppio registro culinario nella Chinatown pratese; Nutri la Mente, una sfida culinaria tra chef italiani e cinesi, all'ultimo raviolo; Orto Tosco-Cinese e Km.0, due momenti di ricerca sull’agricoltura cinese di sussistenza nel territorio pratese. Anna Stuart e Vincenzo Chiarandà presentano il video realizzato in occasione di Chinatown Temporary Art Museum, progetto promosso da free UnDo, che ha coinvolto la comunità cinese e italiana in via Paolo Sarpi e una serie di artisti attivi sul terrirorio milanese.

Giancarlo Norese presenta tre installazioni realizzate a Pechino nel 2011: Strong Electricity Room, Eyewitness e It's my Business.

Davide Garlati e Giuseppina Nocciola sono operatori Tuina al termine della loro formazione professionale presso la scuola A.I.F.O. e D.B.N. e attualmente stanno partecipando al progetto “Tuina e Qigong nei disturbi del comportamento alimentare” presso una struttura D.C.A. (Disturbi Comportamento Alimentare) di una Azienda Ospedaliera pubblica.
Il Tuina è il massaggio tradizionale cinese, una branca della Medicina Tradizionale Cinese il cui obiettivo principale è quello di riequilibrare le energie dell’organismo attraverso tecniche di manipolazione, mobilizzazione, trazione e stimolazione dei punti dell’agopuntura e/o di specifiche zone del corpo. Il Tuina si serve di numerose tecniche manuali diverse per riequilibrare i canali energetici e favorire lo scorrimento dell’energia vitale, quella che i cinesi chiamano comunemente il Qi.

con il contributo di VIR Viafarini-in-residence

May 30, 2012

Under the Lucky Star, Genova

Sotto la buona stella / Under the Lucky Star. 
Rosa Leonardi: 40 anni di ricerche, dall'astrattismo alla video arte
Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, Genova
30 maggio – 30 giugno 2012

Rosa Leonardi (1928-2002) è stata attiva a Genova come gallerista e operatrice culturale, nel senso ampio del termine, a partire dal 1963 quando con Edoardo Manzoni ha fondato la galleria La Polena, uno dei più importanti spazi espositivi italiani degli anni ’60 e ’70.
Dopo un periodo di orientamento, la linea della Polena si indirizza verso l’astrattismo con mostre dei maestri italiani d’anteguerra (Magnelli, Radice, Rho, Veronesi, Soldati e, soprattutto, Reggiani) ed europei (Sonia Delaunay, Vasarely, Glattfelder, Bill, Lohse), aprendo alle ricerche di Fontana (che, esposto già nel 1964, due anni dopo allestisce in galleria uno dei suoi celebri “ambienti spaziali”) e alle esperienze dei tedeschi del Gruppo Zero (Mack, Piene, Uecker), come dei genovesi Rocco Borella e del Gruppo Tempo 3 (Bargoni, Carreri, Esposto, Stirone, accompagnati dal fiorentino Guarneri).
Cruciali in quegli anni per Rosa Leonardi sono gli incontri – oltre che con Fontana – con Castellani, Dadamaino e Calderara, che rimarranno anche in seguito punti di riferimento irrinunciabili.

Attraverso le mostre allestite in galleria ha inoltre modo di seguire da vicino la vicenda dell’arte cinetica (con la rassegna “Proposte strutturali plastiche e sonore” del ’64-’65, curata da Umbro Apollonio e ordinata da un giovanissimo Germano Celant e personali di Alviani, Gruppo Enne, Morellet, Soto, Cruz-Diez, Le Parc ecc.), fondamentale nel radicare il suo interesse per il rapporto fra arte e tecnologia.
Lasciata la Polena nel 1978, Rosa Leonardi collabora per breve tempo con alcune gallerie genovesi (Galleriaforma, Samangallery, Locus Solus) prima di aprire nel 1985 un nuovo spazio, lo Studio Leonardi (in seguito rinominato Leonardi V-idea) con una mostra dei Giovanotti Mondani Meccanici. Senza dimenticare il cammino già percorso (ritornerà, fra l’altro, su Tempo 3, Günther Uecker, Rabinowitch, Calderara, Guarneri), inaugura così una nuova stagione nella quale la video arte e le video installazioni (citiamo per tutte la rassegna “La lingua ibridata” con Camerani, Hammann, Plessi e vom Bruch) acquisiscono una tempestiva centralità, affiancate al lavoro con artisti Fluxus (in particolare con Giuseppe Chiari e Takako Saito), alla riproposta delle esperienze del Bauhaus Immaginista (mostre di Pinot Gallizio e di Piero Simondo) ed a puntate verso il concettuale storico (Agnetti) e nuovo (Costantino, Formento-Sossella).

Dopo la scomparsa della fondatrice, l’attività della galleria è proseguita per alcuni anni per iniziativa dell’omonima associazione culturale. La mostra ripercorre l’attività di Rosa Leonardi attraverso le opere rimaste in suo possesso, documentando in maniera significativa l’arco dei suoi interessi, dall’astrattismo alla video arte secondo un tracciato che tocca gli ambiti dell’arte cinetica, del minimalismo, della Nuova Pittura e di Fluxus e disegnando un articolato panorama delle proposte coltivate negli anni ’90, tra il riemergere di venature concettuali e motivi di scandaglio sociale.

Artisti: Carla Accardi, Vincenzo Agnetti, Getulio Alviani, Francesco Arena, Giovanni Bai, Giancarlo Bargoni, Fabrizio Basso, Joseph Beuys, Alberto Biasi, Lorenzo Biggi, Alighiero Boetti, Maurizio Bolognini, Rocco Borella, Martha Boto, Carlo Buzzi, Antonio Calderara, Maurizio Camerani, Sergio Capone, Angela Carravieri, Attilio Carreri, Enrico Castellani, Maurizio Cattelan, Giuseppe Chiari, Gianni Colombo, Liliana Contemorra, Claudio Costa, Roberto Costantino, Andrea Crosa, Alessandro Cravera, Dadamaino, Hanne Darboven, Gino De Dominicis, Hugo Demarco, Gabriele De Vecchi, Jean Dewasne, Ulrich Elsener, Arnaldo Esposto, Filippo Falaguasta, Lucio Fontana, Ines Fontenla, Pierluigi Fresia, A G Fronzoni, Pinot Gallizio, Wilfred Gaul, General Idea, Karl Gerstner, Mauro Ghiglione, Clearco Giuria, Jean-Pierre Giovanelli, Antonio Glessi, Giovanotti Mondani Meccanici, Coco Gordon, Stefano Grondona, Gruppo Enne, Riccardo Guarneri, Ermanno Leinardi, Francesco Leoni, Richard Long, Emanuele Magri, Ronald Mallory, Edoardo Manzoni, Minelli & Repetto, Dario Johannes Molinari, Sukran Moral, Marcello Morandini, François Morellet, Riri Negri, Mario Nigro, Hermann Nitsch, Richard Nonas, Giancarlo Norese, Enrico Olia, Mattia Paganelli, Gina Pane, Bianca Passarelli, Fabrizio Plessi, Luciano Pivotto, Pino Poggi, Antonio Porcelli, David Rabinowich, Anna Ramenghi, Mauro Reggiani, Rivka Rinn, Bepi Romagnoni, Fried Rosenstock, Daniel Rothbart, Bruno Sacchetto, Takako Saito, Salis e Vitangeli, Leonardo Santoli, Luca Scarabelli, Paolo Scheggi, Nicolas Schöffer, Michel Seuphor, Turi Simeti, Piero Simondo, Richard Smith, Ivano Sossella, Jesus Rafael Soto, Antonella Spalluto, Giuliano Sturli, Paolo Tedeschi, Hanne Lise Thomsen, Jorrit Tornquist, Tommaso Tozzi, Günther Uecker, Victor Vasarely, Ben Vautier, Claudio Verna, Roger Vilder, Marco Villani, Rodolfo Vitone, Wolf Vostell.

A cura di Sandro Ricaldone, in collaborazione con Giorgia Barzetti, Gianfranco Pangrazio, Alessandra Visentin.
Mostra promossa da Associazione Leonardi V-idea e MUCAS (Museo del Caos).

May 22, 2012

IFbook, Foligno (2)


a certain number of books has been presented at IFbook, 2012,
a meeting for independent art publishers in Foligno, Umbria, Italy.

May 9, 2012

Casabianca, Zola Predosa


Giancarlo Norese, Collezione permanente involontaria 
(Involuntary permanent collection), 2012,
leftovers from the previous exhibits,
and interpretation by Anteo Radovan.
Giulia Cenci / Aldo Grazzi / Giancarlo Norese / Giovanni Oberti / Il Prufesur

Domenica 6 maggio si apre l'ottava mostra di Casabianca. Giulia Cenci, sfruttando elementi che caratterizzano la casa, cerca di fissare un istante dando corpo a un evento visivo che non è altro che il disegno della carriera delle cose, ingabbiando quel momento in cui un ancora presto si rivela essere già tardi. Aldo Grazzi è ospitato con un lavoro prodotto alla fine degli anni Ottanta, offrendo l'occasione a Casabianca di presentare con Guido Molinari il volume "Per la costituzione di uno stato moderno - Atti vietati" (ed. Campanotto), una conversazione tra l'artista e Luca Massimo Barbero su percorsi condivisi, persone incontrare, cose fatte, in cui si intrecciano gli ultimi vent'anni di storia dell'arte italiana. Giancarlo Norese torna in questo spazio, pur restando assente, facendo in modo che Casabianca giustifichi plasticamente se stessa, l'attività di questi due anni, i lavori presentati e le esperienze prodotte, attraverso la mostra di quella che potrebbe essere una collezione permanente involontaria. Giovanni Oberti aggiunge un segno alla sua ricerca sul rapporto tra spettarore e superificie utilizzando, come spesso succede, materiale preesistente dotato una connotazione affettiva: uno specchio dipinto dialoga con un video "trovato" da cui emerge una certa idea di grazia e di eleganza. Il Prufesur, dopo aver prodotto negli ultimi tempi diversi lavori con gli zaini dei suoi studenti - come Monte ore e la conseguente Frana del monte ore - presenterà una doppia installazione di questi bagagli culturali focalizzata sulla partecipazione scolastica che si traduce in interazione con il pubblico.

casabianca

Zola Predosa, Bologna, via Pepoli 12
fino al 20 maggio, su appuntamento 347 2627442

www.casabianca12.it
casabianca12.info(at)gmail(dot)com

May 7, 2012

Human Bike, Bergamo



Giancarlo Norese, OVI,
hidden performance,
ripping Luca Scarabelli's
photo.
Nei giorni 1,2,3 giugno, la sede di Temporary Black Space verrà convertita nell' headquarter del Progetto HUMAN BIKE.Diventerà un'officina, un luogo d'incontro aperto a tutti, a cui si potrà accedere in bicicletta e partecipare portando suggestioni, appunti e foto realizzate durante le proprie escursioni ciclistiche, che verranno esposte e inserite in un archivio/osservatorio temporaneo sulla città. Human Bike, infatti, costituirà una serie di itinerari ciclabili tra i luoghi di Artdate (manifestazione d'arte contemporanea a Bergamo www.theblank.it), ognuno studiato in base alle distanze tra le varie tappe e ai relativi orari di apertura. Percorsi che potranno essere fruiti da gruppi di ciclisti autonomi o semi-organizzati, i quali entreranno in relazione, attraverso una modalità trasversale, con le realtà dell'arte contemporanea e con il territorio. Un collegamento ideale tra questi circuiti, interni alla città, con l'esterno, sarà realizzato da Luca Scarabelli, che presenterà "Surplace" coprendo in bicicletta la distanza tra il proprio studio nei pressi di Varese e l'HB headquarter, in cui lascerà come segno-ricordo del viaggio una foto polaroid che lo ritrae alla partenza (un piccolo omaggio ai campioni del ciclismo e all'arte tutta). Nello spazio di HB gli interventi di artisti e teorici verranno convogliati in un sistema stratificato, al quale ognuno contribuirà in modo originale e progressivo, fino all'ultimo giorno.

Francesco Pedrini sarà impegnato in una estrapolazione sonora della ruota Duchampiana; verrà presentato un progetto speciale da parte del Mountain/Vortex Group (collettivo internazionale di ricercatori ed artisti, con sede a New York); Giancarlo Norese parteciperà in modo estemporaneo, come Christian Frosi, che contribuirà con un testo e un apparato di immagini. Fausto Giliberti, Roberto Pesenti, Scande, Claudio Cristini, Pamela del Curto e Francesco Chiaro collaboreranno alla realizzazione artistica dell'evento.


Temporary Black Space via Mayr 2a · Bergamo
emma(at)t-blackspace(dot)com

May 3, 2012

Maybe Not Art, Milano


AIR International Research Program
#1/ Under Construction-Open Residency

3 maggio 2012 ore 18,00
Frigoriferi Milanesi
via Piranesi 14, Milano
passante ferroviario / Porta Vittoria
autobus 73 – 90 / tram 12 - 27

Trans-Orient Buffet, Inc., tableau vivant di Leone Contini;
Abstract Geographies, pubblicazione e lecture di Fares Chalabi;
Maybe Not Art, temporary shop di Valerio Del Baglivo

FARE presenta i progetti finali dei partecipanti di #1/ Under Construction: l’artista e antropologo Leone Contini (Firenze), il curatore Valerio del Baglivo (Roma), il filosofo e architetto Fares Chalabi (Beirut).

I partecipanti, selezionati da una giuria composta da Beatrice Oleari e Barbara Oteri (FARE), Giusy Checola (curatrice), Marco Scotini (NABA, Milano) e Mirene Arsanios (98weeks, Beirut), hanno sviluppato la loro ricerca, prima a Beirut e poi a Milano, investigando il tema della città contemporanea come luogo di produzione d’immaginari, di stili di vita e di modelli culturali.

April 30, 2012

IFbook, Foligno



IFbook
independent free book
fiera e forum del libro d’artista e indipendente

all’interno della XVIII edizione de
La Scrittura e l’Immagine, Foligno
19 / 20 maggio 2012, Foligno
progetto di VIAINDUSTRIAE
Palazzo Trinci
Piazza della Repubblica, Foligno
orari: 10:30 – 19:00
ingresso libero

SEZIONI FIERA MERCATO
: libri d’artista, free-press, fanzines, letterarturae, ex-libris

editori
Danilo Montanari editore (Ravenna), Talkinass/Btomic (LaSpezia), E il Topo (Milano), Lungomare (Bolzano), PIM magazine (Spoleto), neon campobase (Bologna), viaindustriae (Foligno), Troglodita Tribe S.p.a.f., little big press travelling bookshop / st foto libreria galleria (Roma), Branchie (Venezia), Semiserie (Foligno), Stranedizioni (S. Severino Marche), Three Star books (Parigi/Roma), a certain number of books (Milano)

edizioni
Zona Archives edizioni (Firenze), DeriveApprodi (Roma), A+M bookstore (Milano), JRP Ringier (Zurigo), Semiotexte (Parigi), MarcosYMarcos (Genova), Mousse (Milano), Corraini (Mantova), Casco (Utrecht), Shake edizioni (Firenze) Pogobooks, Elkzine, Café Royal Books, Vandret Publications, 4478zine, SPBH selfpublishbehappy, Attack/Dolores, Fourteen Nineteen Books.

librerie/distributori
Libreria Carnevali (Foligno), Editoriale Umbra (Foligno), NDA (Rimini)

FORUM
: simposio, presentazione progetti editoriali d'artista, interventi
Cornelia Lauf (Three Star books),
Chiara Capodici-Fiorenza Pinna (3/3), Danilo Montanari, Giancarlo Norese / Luca Scarabelli (a certain number of books.), Massimo Roccaforte NDA distribuzione, Gino Gianuizzi, (neon campobase)
Marzia Dalfini / Enrico Fiammelli (Strane Dizioni),
Francesco Fossati / Francesco Locatelli (E IL TOPO) Jacopo Benassi (B-tomic/Talkinass), Nanni Balestrini.

Sabato 19 e domenica 20 maggio a Foligno nella sede di Palazzo Trinci si terrà la prima edizione di
IF Book indipendent free book, fiera e forum sull'editoria indipendente d'artista, progetto di viaindustriae a cura di Emanuele De Donno.
Centro del confronto saranno i progetti editoriali di ricerca indicando con questa definizione un mondo variegato che spazia dalla fanzine digitale, alla pubblicazione d'artista, all'ephemera, sino alla sperimentazione propriamente letteraria.
Da questo scenario allargato sono stati scelti varie attività editoriali che si ritengono rappresentativie di un nuovo approccio del fare libro in Italia. Tali realtà affrontano pratiche innovative, caratterizzate da incroci culturali e disciplinari in cui l'artista/editore diventa fautore di una resistenza alla scomparsa annunciata del libro tradizionale.
La due giorni fa parte della manifestazione
La Scrittura e l'Immagine che ospita inoltre la mostra Freebook, pratiche democratiche e condivise del libro d’artista, inizio di una serie di attività programmate sul libro d'artista, che si concluderanno nel 2013, parte del progetto biennale LIBEROLIBROdARTISTALIBERO.

enti sostenitori
Assessorato alla Cultura del Comune di Foligno, Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, Cassa di Risparmio di Foligno.
con il patrocinio
Comune di Foligno
enti in collaborazione
Biblioteca “Dante Alighieri” Foligno, Sovversioni non Sospette slr, Libreria Carnevali Centro cult Cinema Astra, Officina 34, Studio A'87.

info: info(at)viaindustriae.it / 3495240942 / 0742 67314

March 9, 2012

mooon., Milano

mooon. is the first publication of our occasional small press series "a certain number of books."
Edited by Luca Scarabelli and Giancarlo Norese, it has been released on Feb. 29, 2012

Including contributions by Aldo Mozzini, Alessandra Spranzi, Alessandro Rolandi, Alice Cattaneo, Andrea Nacciarriti, Bohdan Stehlik & Una Szeemann, Elio Grazioli, Goran Petercol, Irina Gheorge & Alina Popa, Jenny Perlin, Jiří Kovanda, Joseph Del Pesco, Linda Fregni Nagler, Luca Francesconi, Marco Neri, Michele Robecchi, Oppy De Bernardo, Petra Feriancova, Simona Denicolai & Ivo Provoost, Umberto Cavenago, Vincenzo Cabiati, Vincenzo Latronico.

mooon. will be presented on wednesday, March 28th, 2012 at SpazioBorgogno / Museo Pecci Milano.




March 2, 2012

E il topo, Milano

In collaboration with Careof DOCVA (Milano) and SUPPORTICO LOPEZ (Berlin):
E IL TOPO. eleven issues published between 1992 and 1996.
An idea by Gabriele Di Matteo, Franco Silvestro and Vedova Mazzei, directed by Armando della Vittoria, published by Edizioni Nuovi Strumenti

Based on the involvement and inclusiveness [hence the “E” as the initial conjunction in the title], as well as on the power of a discontinuity in meaning inherent to the image, in only four years (1992-1996) E IL TOPO has prophetically recorded, through the contribution of artists such as Art Club 2000, Massimo Bartolini, Vanessa Beecroft, Maurizio Cattelan, Mark Dion, Dominique Gonzales Foerster, among others, the spirit and attitude of a generation of artists which, at that time, was about to achieve definitive international recognition both by the critique and the public.

E IL TOPO was a synergy catalyst, the feeling of a ferment of a shared practice, anticipating in this sense the experience of relational art; experiences which in recent times we have learned to recognize in very different and complex ways. This magazine was printed in approximately 1000 copies for each issue and it was the result of a series of collaborations that had lead to the encounter among diverse artists. These artists had proposed inedited projects conceived to be fruited through the pages of the magazine, printed in black and white offset on recycled paper. The projects were mixed, overlapped, sometimes hidden, but always showing a completely innovative practice for the moment in which they were being developed. The skilful dosing, the choices, which we would define as curatorial today, and the attitude with which the founding artists have conceived and built the diverse issues composing the magazine give us the possibility of contrasting its actuality and innovative gaze.

But why talk about E IL TOPO today? Because E IL TOPO, after sixteen long years, has decided to leave its lethargy and to get going again to create new issues. Everything started when at the beginning of 2010 Francesco Fossati, a young artist working in Milan, had laid out a new issue of E IL TOPO as an artistic project which was part of his BA thesis at the Accademia di Belle Arti di Brera.
This project has mobilized a series of activities, which today, almost two years after, allow us to assert that E IL TOPO will be reborn. To reanimate a magazine after sixteen years is not a simple task, each single member of the editorial staff have taken diverse paths, the publishing house, which from the issue number 4 had accompanied the then-young artists in their project, doesn’t exist anymore, and in the meantime the art world, as the world, has inevitably mutated.
From here on, a number of questions and problematics have involved the historic editorial staff of the magazine, which with support of a new team of young artists and curators, has decided to restart the machine.

The first issue of this new edition of E IL TOPO will be realized in a collaborative fashion by the old and the new editorial teams; two generations of artists coordinated by Armando della Vittoria, will result in a sort of handover; because, from the successive issue, it will be only the new team to take over the magazine, under the supervision of the historic director.

A month with E IL TOPO. Panel discussions, meetings and performances: 
March 8th, 6.30pm: Nota. Ho scritto: Pensare alla performance con Lazar Lazar E IL TOPO, performance by Y Liver; 
March 12–16: Re-Birth: appunti sul concetto di Rinascita, a project by Valerio Borgonuovo, Antonio Grulli, E IL TOPO; 
March 19–23: L'errore, by Giancarlo Norese E IL TOPO; 
March 27th, 6.30pm: Re-Birth, presentation issue 12 E IL TOPO


Giancarlo Norese E IL TOPO, careof, Milano, March 19-23, 2012
Giancarlo Norese, Secret diggings for E IL TOPO,
Careof DOCVA, Milano, March 2012
E IL TOPO, in collaborazione con Careof DOCVA, Milano e Supportico Lopez, Berlino è lieto di annunciare l'imminente uscita di Re-Birth, il dodicesimo numero della rivista. La presentazione al pubblico è prevista il 27 marzo al termine di Un mese con E IL TOPO: un programma di appuntamenti ideati dalla redazione, operativa dal 29 febbraio al 27 marzo all'interno dello spazio espositivo di Careof.


Il progetto editoriale d'artista E IL TOPO (Edizioni Nuovi Strumenti, Brescia) – nato da un'idea di Gabriele di Matteo, Piero Gatto, Franco Silvestro e Vedovamazzei – in soli quattro anni (dal 1992 al 1996) e 11 numeri, ha profeticamente registrato attraverso i contributi di Stefano Arienti, Art Club 2000, Massimo Bartolini, Vanessa Beecroft, Maurizio Cattelan, Mark Dion, Dominique Gonzales Foerster e Grazia Toderi tra gli altri, lo spirito e l'attitudine di una generazione che ha segnato il proprio tempo e la scena artistica internazionale contemporanea.
Stampato offset bianco/nero in circa 1000 copie su carta riciclata, ogni numero de E IL TOPO ha accolto progetti inediti, proposti secondo un'insolita strategia editoriale fondata principalmente sul potere insito nella discontinuità di senso, nonchè sul gioco, l'ironia e sul détournement.

Ma perché parlare de E IL TOPO oggi? Cosa o chi ha risvegliato il Topo dal letargo? È stata la riappropriazione della rivista nel 2010 – all'insaputa della storica redazione – da parte dell'artista Francesco Fossati (1985) ad aver innescato un confronto intergenerazionale, e ad aver alimentato nuovi propositi intorno a un rinnovato gruppo di lavoro, i cui risultati sono oggi rappresentati dalla 'rinascita' della rivista stessa. A sedici anni di distanza dall'ultima uscita, il nuovo primo numero è frutto di una open call indetta dalla redazione e finalizzata al reperimento di materiale fotografico inedito, relativo a personalità del mondo dell'arte scomparse nel periodo in cui E IL TOPO ha fatto perdere le sue tracce. Una significativa selezione del materiale raccolto confluirà all'interno del progetto, divenendo a pieno titolo contenuto di Re-Birth, dodicesimo numero della rivista.
Questo progetto, che si confronta col tema della Ri-nascita e della Morte, vuole a suo modo rendere omaggio a tutti coloro che hanno dedicato la loro vita all'arte e che sono scomparsi abbandonando il 'campo di battaglia' tra il 1996 e il 2012.

La nuova redazione de E IL TOPO in dialogo con Gabriele Di Matteo, Piero Gatto, Franco Silvestro, è oggi composta da Mattia Barbieri, Francesco Fossati, Giovanna Francesconi, Gabriela Galati, Francesco Locatelli, Monica Mazzone e Luca Pozzi. Direttore Armando della Vittoria.

Un mese con E IL TOPO. Conferenze, incontri e performance: 
8 marzo, ore 18.30: Nota. Ho scritto: Pensare alla performance con Lazar Lazar E IL TOPO, performance di Y Liver;
dal 12 al 16 marzo: Re-Birth: appunti sul concetto di Rinascita, un progetto a cura di Valerio Borgonuovo, Antonio Grulli, E IL TOPO;
dal 19 al 23 marzo: L'errore, di Giancarlo Norese E IL TOPO;
27 marzo, ore 18.30: Re-Birth, presentazione del numero 12 de E IL TOPO

January 12, 2012

The Land Seen from the Sea, Genova

Little Constellation is a project and an international network for contemporary art, which focuses its research on the symbolic sensitivity of the geographic dimension. Highlighting the different possible relationship between the geo-cultural centres and peripheries, through a plan of knowledge taken to the extreme of opposition and resistance between the concepts of proximity and distance, from January 2012, at the Museo di Villa Croce in Genoa, it will present the exhibition The Land Seen from the Sea.

Little Constellation conducts research devoted to the complex theme of isolation, which finds its definition in the dimension of the island (both geographically, but naturally also linguistically). Isolation and the network of relationships are thus intertwined as fields of a single front. We live around a sea like frogs around a pond, declared Socrates. This brings out the fact that the peoples of antiquity owed their prosperity and relations to the great sea (almost enclosed like a pond) that is the Mediterranean. It is this duality between distance and vicinity that the research project seeks to focus on.

This research therefore focuses on the Mediterranean by starting from particularly sensitive areas, such as Montenegro, Malta, San Marino, Cyprus, Gibraltar, Ceuta, and also other areas with which it is possible to make cultural and geographical comparisons, such as Iceland, Luxembourg, Andorra and Liechtenstein. Specifically, the multiple identities of the Mediterranean will be examined through three nuclear and seminal case studies, compared with the different cultures encountered in this small basin.

With Yuula Benivolski (CA); Justine Blau (LU); Canarezza & Coro (SM); Martina Conti (SM-FR); Nina Danino (UK); Oppy De Bernardo (CH); Hekla Dogg Jonsdottir (IS); Doris Drescher (LU); Haris Epaminonda (CY); Barbara Geyer (FL); Anna Hilti (FL); Irena Lagator (ME); Jose Ramón Lozano (ES); Ingibjörg Magnadóttir (IS); Mark Mangion (MT); Mussoni & Albani (SM-FR); Giancarlo Norese and Umberto Cavenago (IT); Christodoulos Panayiotou (CY); Paradise Consumer Group (AD); Marco Poloni (CH); Pierre Portelli (MT); Luigi Presicce (IT); Agnès Roux (MC); Sigurður Atli Sigurðsson (IS); Miki Tallone (CH); Xenia Uranova (RU); Martin Walch (FL); Trixie Weis (LU).

Curated by Alessandro Castiglioni, Rita Canarezza, Pier Paolo Coro, Roberto Daolio in collaboration with Kevin Muhlen, Halldór Björn Runólfsson, Swetlana Racanović, Louli Michaelidou

February 4 - May 4, 2012
Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Genova
www.littleconstellation.org

Size-specific, Bologna

In occasione di Arte Fiera a Bologna, il Musée de l'OHM vuole dare un proprio contributo alla discussione offrendo allo sguardo del visitatore tutto ciò che è in suo possesso secondo una modalità espositiva che pone la questione del legame tra quantità e qualità: l'intera collezione, raccolta nel corso di tre anni, sarà allestita tra pergula e secreta, mentre nello spazio OFF del museo una Lettera al Direttore rilegata su misura chiarisce il significato di una prospettiva size-specific.

In mostra: Riccardo Beretta, Luca Bertolo, Claudio Cappi, Daniela Comani, Dragoni-Russo, Francesco Fuzz-Brasini, Matej Kren, Lorenzo Mazzi, Giancarlo Norese, Chiara Pergola, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce, Mili Romano, Anna Rossi;
con tracce di: Alessandra Andrini, Riccardo Camoni, Maurizio Cattelan, Paola Falasco, Emilio Fantin, Prufesur, Valentina Vetturi.

27 gennaio > 26 febbraio 2012
Art White Night Sabato 28 gennaio 2012 apertura straordinaria fino alle h 24

Musée de l’OHM, c/o Museo Civico Medievale, via Manzoni 4, Bologna
Info: 3383751951, openingheremuseum(at)gmail(dot)com
download press release